GP Cassano, gli “Svalvolati” vincono in pista e fuori

Ohvale al GP di Cassano 1

Due vittorie, quattro secondi posti e quattro terzi posti.

È il bilancio, tutto estremamente positivo, degli “Svalvolati on the Pit” al Gran Premio di Cassano delle Murge, in provincia di Bari, quarta tappa della Selettiva Sud del CNV MotoAsi 2019, disputata domenica scorsa nel Kartodromo della Murgia.

Tutti gli atleti della squadra sportiva di Cassano – provenienti da diverse città della Puglia e anche da fuori Regione – hanno spinto forte e con grande determinazione, arricchendo con il loro impegno una bella giornata di sport.

Con prestazioni superlative sia in Gara 1 che in Gara 2, gli “svalvolati” Doria e Attollino centrano la vittoria finale, rispettivamente nella categoria Pit Bike 160 S2 e Pit Bike 160 S3.

Il terlizzese Michele Doria, in particolare, con i 60 punti conquistati domenica consolida la sua leadership nella classifica generale della Selettiva Sud, incalzato da Luca Di Ceglie (solo quarto nel GP di Cassano): appena 8 punti separano i due pit-bikers ad una gara dalla fine del campionato.

Terzo gradino in classifica generale per l’acquavivese Michele Attollino nelle S3 invece, dietro l’altro “svalvolato” Salvatore Germano (solo quarto a Cassano a causa di alcune noie al motore, che hanno compromesso le prestazioni del giovanissimo pilota di Ercolano).

Filippo Vasco, cassanese doc, nella Pit Bike S1 Over si fa precedere da Daniele di Ceglie, dominatore sia in Gara 1 che in Gara 2. In classifica generale, a poco più di un mese dall’ultima tappa di campionato, i due sono a pari punti: 202 a testa: e sulla pista campana si annuncia gran battaglia.

Ottimi secondi posti, a rendere più luccicante il bottino di giornata, anche per l’altro acquavivese del team “Svalvolati”, Costantino Carella, per il bitontino Arcangelo Rizzi e per il biker di San Giovanni Rotondo Francesco Lapi.

Terzi posti importanti per il ruvese Felice Contursi, il molfettese Mauro Raguseo e per Alessio Fiorentino di Giovinazzo. Tre piloti del team "Svalvolati" tutti in zona podio nella classifica generale del campionato, dopo le quattro tappe disputate sino ad ora.

I cassanesi Spinelli Alessandro (terzo) e Spinelli Massimiliano (quarto) fanno meglio del papà, Giovanni, incappato nella rottura del motore.

Ma molto positivo è il bilancio di tutto il week-end di gare, la cui organizzazione è affidata allo stesso team cassanese.

«Giornata spettacolare da tutti i punti di vista – ci dice Lazzaro Andriola, presidente del team “Svalvolati” - sia da parte dei piloti che da parte del pubblico: davvero numeroso sugli spalti del circuito internazionale cassanese e curioso di vedere le varie categorie di moto che si sarebbero sfidate in pista per salire sul gradino più alto del podio».

«Il meteo – continua Andriola - ci ha aiutato: dopo il nubifragio di sabato, che ha condizionato le prove libere, lasciando ai box i piloti, la giornata soleggiata e limpida di domenica ha dato a tutti la possibilità di girare in pista in tutta tranquillità e senza ansie».

«Abbiamo avuto prove tiratissime e gare emozionanti – spiega Andriola - a tutti i livelli: dalle piccole Ohvale - molte guidate da giovanissimi piloti che ci hanno entusiasmato con la loro voglia di gareggiare e con la loro allegria e spensieratezza nei paddock - alle Supermotard, muscolose e pesanti ma molto agili, che sembravano danzare tra i cordoli del circuito, alle Pit Bike, categoria nella quale il livello si sta alzando sempre più, con partecipanti che da semplici appassionati si stanno trasformando in “piloti” a tutto tondo».

«La macchina organizzatrice – racconta ancora il presidente – è stata perfetta: è riuscita a tenere testa alle varie problematiche che, in una manifestazione motoristica di questa portata, sorgono inevitabilmente. E per questo ringrazio vivamente tutto lo staff che è stato presente in segreteria, nel paddock, in pre-griglia, in griglia, al cronometraggio, al servizio sanitario, sul percorso: tutti hanno dato il massimo. E se oggi festeggiamo una manifestazione riuscita è per merito loro».

«Ringrazio anche gli sponsor senza i quali non potremmo organizzare manifestazioni di questo livello: Garofoli, Berner, Essenza Nero Caffè, IBL Partners. Ma anche i tanti media locali – conclude Andriola - che ci hanno dato spazio e hanno seguito con curiosità il nostro evento, aiutandoci a promuovere il nostro affascinante sport e il nostro bel territorio».