Lunedì 26 Ottobre 2020
   
Text Size

Senso Civico: "Qualche riflessione dopo il voto regionale"

IMG_20200924_114411 

Spente le luci dei riflettori, finalmente la calma. Ora l’attesa per quella percentuale che va oltre il limite di sbarramento per l’accesso al consiglio regionale ma che di fatto non assegna, al momento, alcun seggio. C’è chi lo chiama furto di democrazia, seggi fantasmi, situazione da trama kafkiana, ma la realtà è che non tornano i conti. Anche senza premio di maggioranza mancherebbe un seggio, nella peggiore delle ipotesi. Pertanto, a prescindere da tutto, è necessario attendere.

 
Con “senso civico, un nuovo ulivo per la Puglia”, a bocce ferme, abbiamo assistito al pensiero divergente che sposa idee e progetti. Con Alfonso Pisicchio abbiamo cercato di caratterizzare la politica regionale non in un mero e sufficiente voto per gli uni o per gli altri, ma in un voto consapevole, per un movimento regionale fatto di donne e uomini con competenze, proposte e idee mai urlate. Abbiamo sposato un partito di controtendenza in cui né i nomi sulle liste e neppure gli slogan urlati ci hanno appartenuto. Abbiamo riconosciuto nel nostro simbolo il valore delle parole gentili, a volte anche sussurrate. Come mai abbiamo lanciato invettive o parole di odio ad alcuno.
 
La nostra è stata, ed è, una politica diversa che ci riempie di orgoglio e che ci fa credere che con quei 70 mila voti di preferenze  esiste una Puglia diversa, alternativa e che va sostenuta e coltivata.
 
Non abbiamo avuto mesi semplici e forse per chi ha fatto della propria vita vessillo di correttezza e integrità sapeva già che sarebbe stata una campagna elettorale anomala e dai risvolti difficili, ma la tenacia del gruppo ha fortemente voluto la presenza del leader del movimento senza cui il quorum non sarebbe mai giunto alla percentuale di sbarramento utile per sedere in consiglio regionale. La circoscrizione di Bari è quella con il numero maggiore di preferenze alla lista di Pisicchio.
 
Un punto a parte invece merita la riflessione del post voto a Cassano. Nella nostra comunità è evidente che lo tsunami dei mesi scorsi abbia lasciato strascichi. Strascichi che però non hanno smorzato l’entusiasmo e la rinnovata fiducia nella politica perbene e dei fatti che ci caratterizza da sempre.
 
Di avversari ne abbiamo tanti, probabilmente anche nemici, ma insieme ad essi sappiamo di poter contare sullo zoccolo duro di chi si approccia alla politica non per convenienza, non per campanilismo, ma per passione e gioia di mettere se stessi a disposizione della collettività. La politica infatti è questo. Essere al servizio della comunità e non servirsi della gente.
 
La politica sa essere anche tiranna soprattutto per chi governa perché si è esposti e perché si è additati: le scelte, in quarto tali, sono sempre sofferte, difficili e spesso cariche di negatività come per chi naviga in mari tempestosi ma ha ben dritto l’obiettivo. Lo stesso Ulisse, da vero leader, non ha mai perso l’obiettivo del ritorno alla sua Itaca anche se i numi lo hanno condotto lontano dalle sue radici.
 
Così noi continueremo, nonostante tutto, a sostenere le idee di pace, bellezza, cultura e opportunità di “Senso civico, un nuovo ulivo per la Puglia”. I nostri elettori sono stati tanti e consapevoli e per questo ci sentiamo di ringraziarli due volte: per la fiducia riposta nei candidati e per la motivazione con cui ci supportano. Credere nei candidati di “Senso civico” ha dimostrato anche che Cassano è in grado di uscire da dinamiche preconfezionate e provincialistiche che hanno addotto come motivazione al voto semplicemente l’appartenenza di diritto di nascita a Cassano o anche più banalmente l’invidia di vedere sconfitto chi lavora costantemente.
 
Fare politica vuol dire ben altro, come recarsi nell’urna elettorale e scegliere con consapevolezza un  candidato divergente dalla massa, ma capace e saggio. Non per mera convenienza numerica (impossibile non riflettere sul voto raccattato da più rappresentati politici che come foglie al vento si dirigono erranti senza consapevolezza e rispetto degli assetti politici locali).
 
Questa è la vera ricchezza per una comunità, la consapevolezza di avere a fianco persone integerrime e corrette; il pensiero divergente è la prima lanterna di democrazia e libertà e noi saremo disposti sempre a sostenerla. Anche soffrendo sino all’ultimo voto. E sino all’ultima parola della Corte di appello.
 
Francesca Marsico consigliere comunale di Cassano delle Murge

 

 

Commenti  

 
#22 cassanese11 2020-09-27 18:19
vada avanti marsico e lasci perdere tutti questi commenti di chi si nasconde dietro un falso nome solo per offendere gratuitamente. presi dal vivo forse non hanno neanche il coraggio di fare la tosse.
 
 
#21 Doppio senso 2020-09-27 12:09
Ma che c'entra Campamale Michelone con Pisicchio se il suo candidato alle regionali era un altro/a?
 
 
#20 Sc.Pi. 2020-09-26 20:50
Quanto il due di coppe con la briscola a spada....tanto valete.
 
 
#19 DistanziamentoMorale 2020-09-26 16:30
Rendiamoci conto che ha preso gli stessi voti Lopalco che a Cassano non ha mai messo piede, per carità tutt’altro spessore ovviamente, ma fa riflettere il valore politico del Sindaco e della consigliera Marsico che in ultima analisi non hanno più appeal sull’elettorato, figuriamoci a fine mandato...fate le vostre considerazioni
 
 
#18 Pinuccio sono 2020-09-25 16:45
Marsico...
lasciali stare sono tutti invidiosi... che tu stai sopra al comune e loro no...
La prossima volta fai candidare di nuovo a tuo marito...
tanto un altro partito lo trovate (ulivi, margherite, gelsomini... chiedi a Pisicchio magari un bel nome di pianta o passa da Zeverino, vedi tu)
... chi lo deve sapere
Mhè ciao
 
 
#17 Papa Marsico 2020-09-25 10:23
Rega' .... il primo premio spetta a me .... !
Ho letto a volo qualche riga e mi sono così evitato il peggio di sciropparmi l' intero testo ......
Inconsistenti parolai ..... !
 
 
#16 Maestrina 2020-09-25 06:52
Non vedo un commento positivo. Ma chi ti ha votato? E soprattutto quando lasci spazio a gente competente?
 
 
#15 Senso unico 2020-09-25 06:46
Sig.ra Marsico non so se lei ha piu' coraggio o piu' faccia tosta!
Ma si rende conto di quello che scrive?
 
 
#14 Piccola 2020-09-24 22:39
La Marsico, una persona altezzosa e priva di reali competenze...
Il nulla più assoluto sotto ogni profilo.
 
 
#13 Jeck 2020-09-24 22:17
Andate a lavorare, se siete capaci.
 
 
#12 Mah 2020-09-24 21:41
Voglio un premio per aver letto tutta la pappardella!
Ha portato in piazza due candidati che erano già in politica quando frequentava le medie, che hanno cambiato casacca in continuazione e ha il coraggio di definirli "candidati divergenti dalla massa". Mah
 
 
#11 Fate Senso... Civico 2020-09-24 20:46
Ma fate tanto i filosofi... ma dove stanno i fatti? Cosa avete fatto x Cassano? Siete passati da una coalizione all’altra... prima contro Di Medio, poi migliori amici... e adesso fate la morale agli altri?
Ma chi vi crede???
+++
 
 
#10 Vattin 2020-09-24 20:43
Torna a scaldare la sedia a scuola
 
 
#9 Leo 2020-09-24 19:54
Bella roba a questa persona presi i voti e non lo vedrete più del resto come fanno tutti gli altri.
 
 
#8 Piripicchio 2020-09-24 19:53
Francesca per favore vai a lavorare che di partiti ne hai cambiato tanti.
 
 
#7 Senso Chiavico 2020-09-24 17:59
'na lagna incredibile. Ma come ho fatto a perdere 4 minuti del mio tempo per leggermi questa lagna di una inconsistenza evidente?
Se qualcuno mi fa capire in due parole il senso di questo articolo, gli do un premio.
In pratica la Marsico si lamenta di cosa? Che non hanno dato il seggio al suo principale? Embé? ecchissenef...
Oppure si lamenta che a Cassano ha preso solo 97 voti? Embé? non sono troppi? Meglio ha fatto chi ha votato candidati politicamente più preparati (magari del Centrosinistra, come De Santis o Paolicelli, o del Centrodestra come Zullo o Silletti). Ma il voto a Pisicchio che significato ha? Qual è la consistenza politica? E soprattutto, soprattutto, non è che a Cassano chi presentava il povero Pisicchio valesse meno di zero? Ma chiedetevi queste cose invece di farci perdere tempo a leggere questo pippone di lamentela. Povera Di Medio che dovrà cercarsi un altro partito (mai pensato a ... Senso chiavico? e' un'idea!)
 
 
#6 michele.cassanese 2020-09-24 17:20
Alfonso Pisicchio? 97 voti! Un successone! ahahahahaha
 
 
#5 Cittadino 2020-09-24 17:10
Impresentabili voltagabbana.
 
 
#4 Figuradimerda 2020-09-24 17:02
Signora Marsica,
un lungo papiro senza costrutto per giustificare la totale insipienza tua (consigliere comunale in carica) e della Di medio (sindaco in carica).
Per favore, 97 sono semplicemente 97, un miserrimo risultato.
E anche chi non è impegnato in politica come me lo capisce che dei due l’una:
-o non vi siete esposte, e quindi siete delle traditrici essendovi impegnate a farlo;
-o non valete più un beato ...flauto!
Scelga tu, si dispensa dalla risposta.
 
 
#3 Ass.Cu. 2020-09-24 16:10
"impossibile non riflettere sul voto raccattato da più rappresentati politici che come foglie al vento si dirigono erranti senza consapevolezza e rispetto degli assetti politici locali"; A cosa si riferisce? forse al fatto che in maggioranza cassanese alle regionali ognuno è andato per la sua strada? Leali solo lei, la sindaca e assessore Michele? Ma leale a chi e che cosa poi? Tot. 97 voti, moooo complimenti per il risultato. Io farei un mea culpa.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.