La Battista (Pd) stoppa la destra di "Primavera Cassano"

18446806_1176462295796963_3631773518102163809_n

Non è un divorzio ma poco ci manca quello fra il Pd guidato da Enza Battista e la lista civica "Primavera Cassano" che alle Elezioni Amministrative cassanesi del 2017 tentò il connubio fra pezzi della destra cittadina ed esponenti del Partito Democratico venuti fuori dal Commissariamento del Comune di Cassano a guida del Sindaco Vito Lionetti, sempre del Pd. 

L'occasione colta dalla Battista "a urne chiuse per non creare polemiche elettorali", spiega nel suo messaggio la Coordinatrice del Pd cassanese, è un video postato sui social nei giorni scorsi nel quale il Capogruppo consiliare di "Primavera Cassano", Teodoro Santorsola spiega il suo stato di salute in seguito ad un tampone per la ricerca del Covid-19 (risultato negativo) a cui si era sottoposto dopo che un suo congiunto, non convivente, aveva contratto il virus.

La "colpa" di Santorsola, da sempre esponente di spicco della destra cittadina, quella di aver spronato a votare per Ignazio Zullo, candidato al Consiglio Regionale in quota a "Fratelli d'Italia", partito in cui milita lo stesso Santorsola.

Un fatto del tutto personale ma che evidentemente ha irritato la Battista e tutto il Pd.

"Un atto molto discutibile - ha scritto la Segretaria sulla sua pagina Fb -  quanto quello di strumentalizzare la positività di un familiare per far campagna elettorale; perché di questo si è trattato. Dalla volontà di voler semplicemente affermare la propria negatività al tampone e criticare chi aveva strumentalizzato l’accaduto, si è passati a utilizzare la vicenda personale per fare campagna elettorale.

Fatto di per se molto grave, a cui si aggiunge il fatto di aver utilizzato un canale a cui aderiscono diverse correnti di pensiero per far campagna elettorale ad una destra che non accomuna tutti, soprattutto non accomuna la lista PRIMAVERA CASSANO.
 
PRIMAVERA CASSANO è una lista civica nata con l’idea di riportare il nostro comune al suo antico splendore, senza strattoni ideologici e “di parte” dei componenti, vista la eterogeneità delle forze politiche e sociali che la compongono. Non è la prima volta che questo patto viene disatteso da chi ha l’esigenza di emergere con prepotenza e arroganza. Oggi più che mai, siamo convinti che si indeboliscono sempre più i motivi per sentirci parte di quella coalizione".
 
Una incrinatura, dunque che viene dopo diversi, piccoli smottamenti fra i componenti della lista, arrivata seconda alle amministrative di tre anni fa e che non è ancora chiaro dove potrà portare.