Gli impegni di Ignazio Zullo per Cassano

Immagine

Comizio finale, ieri sera, per il candidato cassanese alle Elezioni Regionali, Ignazio Zullo con tre precisi impegni per Cassano in caso di vittoria della coalizione di centrodestra alla Regione Puglia.

Ovvero: far diventare l'ex struttura che ospitava la "Fondazione Maugeri" un centro di riferimento per tutto il Sud Italia per la riabilitazione ed il recupero delle persone affette dalle moderne patologie quali ludopatia, dipendenza da Internet e più in generale da "technostress". 

"Sappiamo come fare - ha detto il capogruppo uscente di Fratelli d'Italia alla Regione Puglia - e quali risorse attivare e lo si può fare in breve tempo perchè non ci sono molti lavori da realizzare, non è necessario alcun ampliamento ma servono serietà e competenza per far tornare Cassano punto di riferimento, con una forte ricaduta sul territorio".

L'ex "Casa Bianca" che da oltre cinque anni è abbandonata e saccheggiata, un bene comunale "che non va svenduto al primo sciacallo che si presenta in Comune", ha detto Zullo, va riqualificata ed utilizzata "come centro specialistico per la riabilitazione dei bambini affetti da patologie afferenti la sfera dell'autismo"; ad oggi non ci sono strutture del genere in tutta la Puglia, in grado di recuperare ad una vita "normale" questi bambini: il centro a noi più vicino è a Matera, dunque fuori Regione e fuori Asl, con tutti gli aggravi di spesa per le casse della sanità pugliese e i grandi sacrifici per i genitori che questo comporta.

"Casa Bianca", ha spiegato Zullo, "potrà diventare anche in questo caso un punto di riferimento per la sanità pugliese, mettendo a disposizione la struttura comunale realizzando un centro diurno a favore di questi nostri figli pugliesi", con il recupero della struttura, un ricavo consistente per le casse del Comune di Cassano (a Bilancio, già oggi, sono conteggiati circa 70mila euro di incassi all'anno che ovviamente sono solo sulla carta...).

Terzo impegno quello di portare l'acqua ai Borghi residenziali, "una procedura già avviata - ha spiegato Zullo - ma che va seguita e monitorata costantemente per far sì che quei cittadini che vivono nelle zone extraurbane, che sono cassanesi come noi e che pagano le tasse, possano vivere in modo decente e non, come accade ancora oggi, senza acqua corrente e spesso senza fogna!".

Tutto questo, però, sarà possibile solo nel caso in cui la coalizione di centrodestra dovesse vincere "ed io diventerò Assessore alla sanità pugliese: e se in 15 anni di opposizione posso aver dato dieci....da Assessore sarò in grado di dare mille! Mettetemi alla prova, amici cassanesi..."

Sul palco, assieme a Zullo, i due Consiglieri comunali Linda Catucci e Rocco Lapadula che nei loro interventi hanno criticato duramente il malgoverno di Emiliano in tema di sanità, agricoltura, infrastrutture, invitando a cambiare pagina ed a consentire ad un "figlio di Cassano" di andare al Governo di questa bellissima regione.