L'ing. Satalino (che rinuncia alla Regione) a capo dell'UTC

60926834_10216580079248761_9192028954666467328_o

C’è chi lo chiama “l’uomo dal braccio d’oro”, per le generose (quanto perfettamente lecite) elargizioni economiche che l’Amministrazione Di Medio gli ha concesso pur di averlo a capo dell’Ufficio Tecnico Comunale.

L’ing. Domenico Satalino (nella foto) subito dopo l’Epifania prenderà il posto presso il Comune di Cassano delle Murge, dopo un tira-e-molla durato quasi due anni, da quando, cioè, arrivò dal Comune di Sannicandro di Bari per sole 12 ore a settimana.

Stavolta Satalino ha in tasca un contratto a tempo pieno e indeterminato risultando l’unico ammesso e dunque il vincente del Bando di selezioneper mobilità volontaria esterna  che l’Amministrazione comunale ha lanciato nel settembre scorso.

I pretendenti al posto – già dell’ing. Mimmo Petruzzellis, declassato e poi fatto fuori dall’Ufficio Tecnico Comunale, salvo un rientro quasi senza mansioni – erano solo due. Oltre a Satalino, infatti, aveva fatto domanda un ingegnere di origini calabresi ma residente a Torino, Dario Purtortì, escluso perché secondo la Commissione Giudicatrice non aveva i requisiti.

Unico rimasto, Satalino ha vinto facile.

Ci sono, però, molti dubbi sulla possibilità che la domanda dell’ing. Satalino potesse essere accolta, stando ai Consiglieri di minoranza che nell’ultimo Consiglio Comunale del 2019 hanno presentato una interpellanza sulla vicenda.

Per le opposizioni, infatti, la domanda di Satalino per partecipare al bando sarebbe arrivata al Comune con ben tre giorni di ritardo ovvero il 28 ottobre anziché il 25 ottobre, giorno ultimo per partecipare.

Ciononostante la domanda di Satalino è stata accolta, la Commissione pur prendendo atto del ritardo, ha ammesso l’ingegnere barese alla selezione e ne ha decretato la vittoria finale.

Com’è stato possibile tutto ciò?

A rispondere ufficialmente alla interpellanza sarà la Sindaca Di Medio ma già durante il Consiglio l’Assessora al personale, Annamaria Caprio – grande sponsor del Satalino – spiegò che il Bando non prevedeva l’esclusione per le domande giunte in ritardo e che, comunque, la candidatura di Satalino era perfettamente giunta nei termini perché la data del 28 ottobre si riferiva all’accoglimento della domanda del sistema di posta elettronica certificata, non alla sua spedizione da parte del candidato.

Fatto sta che l’ing. Satalino ha rinunciato ad un posto in Regione Puglia come Funzionario – dopo aver  superato la selezione ed averci provato per due volte – per venire a Cassano quando c’è, invece, chi ha fatto esattamente il contrario ovvero la Responsabile della Ragioneria del Comune, Isabella Liguigli, trasferitasi in Regione dopo anni presso il nostro Municipio. Proprio la Liguigli era l’ultimo, grande ostacolo al pagamento degli emolumenti a Satalino per i mesi trascorsi.

Secondo “Radio Municipio”, la radio interna al Comune dei dipendenti, la Liguigli si è sempre opposta alla liquidazione delle somme a favore di Satalino, nonostante solleciti di mezza Giunta Comunale che veniva messa, a sua volta, sotto pressione dall’ingegnere barese con la minaccia “o pagate o non vengo più in Ufficio”.

Il fatto è che la Dirigente della Ragioneria c’erano troppe cose che non andavano, a sentire chi ha potuto vedere le carte ovvero mancavano i presupposti giuridico-amministrativi per pagare Satalino: c’era chi voleva pagarlo come Dirigente pur non essendolo mai stato!

Via la Liguigli e ammutolito in un limbo il Segretario Generale (è stato sfiduciato dalla Sindaca mesi orsono ma sta sempre là…), l’ok al pagamento è finalmente arrivato e dunque il via libera al contratto nuovo di zecca.

Felicissima la Sindaca che ha velatamente fatto cenno a tutto questo nel suo augurio di fine anno: l’UTC è snodo strategico di tante vicende e dossier aperti che vanno invece chiusi. Dall’assegnazione della gara d’appalto per i lavori della Scuola Media (si rischia, anche quest’anno, di non farli e perdere definitivamente il finanziamento regionale) alla videosorveglianza (di cui, probabilmente, si è già perso il finanziamento di 150mila euro avuto dalla ex Giunta Lionetti) per passare alla Pubblica Illuminazione, al Polisportivo, al completamento della rotatoria del S. Cuore, alla scuola di Via Convento con un finanziamento già acquisito di oltre 5 milioni di euro fino ad arrivare ad un altro progetto da 2 milioni di euro per l’impianto di affinamento delle acque reflue che giace nei cassetti del Comune.

L’Amministrazione Di Medio è ai giro di boa: ha fatto due anni e mezzo di mandato e gliene mancano altrettanti. il successo del lavoro dell’UTC è fondamentale per ri-presentarsi nel 2022 agli elettori (con un po’ di rimescolii, ovviamente)  con un po’ di opere completate e problemi risolti.