Sabato 14 Dicembre 2019
   
Text Size

Nuovo attacco delle opposizioni verso il vicesindaco Giustino

WhatsApp Image 2019-11-06 at 18.06.38 (1)

 

Dai cinque Consiglieri comunali di opposizione, riceviamo e pubblichiamo.

 

Che modo strano di affrontare sinistri e contenziosi in Comune. Ci sono due pesi e due misure.

C’è stato il goffo tentativo, infatti, di “trovare l’accordo” con 14 soggetti che hanno fatto richiesta di risarcimento, ma pare non esserci stato alcun tentativo per evitare altri contenziosi molto onerosi (e ce ne sono molti), come quelli, per esempio, dei due dipendenti comunali che hanno fatto causa al Comune chiedendo risarcimenti cospicui.

La domanda, allora, sorge spontanea: perché per i 14 soggetti (chissà perché poi solamente 14 rispetto ai tanti che ancora attendono) c’è stata la furbata di trovare l’accordo con una delibera dell’8 agosto scorso (poi stoppata per fortuna di tutti i contribuenti cassanesi da una dura relazione del Revisore dei Conti)?

E perché, pare, non ci sia stato il minimo tentativo di trovare un accordo anche con altri cittadini  e per i due dipendenti comunali De Benedictis (ex comandante dei vigili) e l’ingegner Petruzzellis (ex capo dell’ufficio tecnico)?

Perché mai l’assessore al contenzioso e alla legalità, Giustino, vuole la pace (al ribasso per il Comune) con 14  cittadini, che hanno subìto danni sul territorio di Cassano e non si adopera per trovare un accordo con i due dipendenti comunali che chiedono risarcimenti elevati?

Come mai tanta premura solo per pochi cittadini? E per gli  altri dimenticati? Perché non si cerca la conciliazione con gli impiegati comunali invece di costringerli a fare causa al Comune?

Anche questo è un record negativo per l’amministrazione Di Medio: impiegati di rilievo, funzionari che aprono contenziosi costosi con l’Amministrazione.

Perché mai ci sono membri di maggioranza che si bevono tutto quello che viene loro raccontato sulla trasparenza di certi atti e non vanno invece, a leggere attentamente le carte dell’ "accordo dei 14"?

Eppure c’è chi, per lavoro, è allenato a fare i controlli di legalità! Ed allora farebbe bene a leggerle attentamente quelle carte, anziché andare in escandescenza in Consiglio Comunale e cercare di difendere una condotta, quella del Giustino, indifendibile.

Il pessimo operato di questi anni ci porta a sostenere che l'assessore non può avere la fiducia in esso riposta.

Trasparenza e Legalità richiedono atti e azioni di una fattura diversa da quella del “nostro” assessore!

 

 

Commenti  

 
#12 X Chiarezza 2019-11-17 16:23
Tu dici a noi che siamo ignoranti?
Sulla base di che? Non sai cosa rispondere e dai dell'ignorante a chi ha fatto un ragionamento.
Carissima "Chiarezza" comincia a toglierti la maschera dell'anonimato, per cominciare.
E se dai dell'ignorante a me, ne trovo forti motivazioni al fatto che tu sei colluso o collusa con loro, altro che! Denunciami pure, ti sto aspettando.
 
 
#11 Annamaria 2019-11-17 12:16
Per comm.10 non ti sgomitare a difendere l'indifendibile e più proficuo tacere e coprirsi il capo.
 
 
#10 Chiarezza 2019-11-16 13:06
Quanto siete ignoranti
 
 
#9 In bocca al lupo 2019-11-16 11:14
Nella Pubblica Amministrazione spesso accade che chi viene eletto, amministra non proprio per gli interessi della comunità, quanto per interessi più ristretti. Questo modo di fare è evidente che è contrario alla legge. Sta di fatto che per realizzare gli intenti di certi amministratori serve la complicità dei dipendenti, a qualsiasi livello questi operino, dall'ausiliario al funzionario. Ed è qui che gli amministratori fanno una prima selezione, fra chi è disposto a collaborare con loro e chi invece no. Cioè si crea la schiera dei "complici" o accondiscendenti e la schiera degli "esiliati" o esclusi.
Per i secondi non è vita facile, spesso vengono accusati ingiustamente che non sono collaborativi o che non vogliono lavorare, solo perché non accondiscendenti a modus operandi poco leciti.
Quando si vedono persone che chiedono la mobilità e vanno via, che fanno causa al comune, che vengono isolati perché non appartenenti alla cerchia, beh, è il sintomo evidente che qualcosa non va in chi amministra.
Un dato è certo, per la complessità della materia, amministrare nel rispetto della legge, richiede capacità notevoli, impegno, abnegazione per il prossimo (volere bene alla comunità), sottrazione di tempo alla famiglia, rinuncia ai propri interessi e così via.
Tutte doti e qualità necessarie per amministrare nel rispetto della legge e per il bene della comunità.
A questo punto diverse domande sorgono spontanee:
- quanti di noi sono disposti, pur avendo le qualità dette, a dedicarsi alla cosa pubblica?
- pur essendo disposti a farlo, chi voterebbe queste persone ligie al dovere, non disposte a fare favori personali?
La risposta è scontata: NESSUNO, o quasi.
Quindi è evidente che le persone di qualità di cui ha bisogno una pubblica amministrazione oltre ad essere scarse, difficilmente verrebbero elette.
In queste condizioni il degrado progressivo è inarrestabile, poiché parte dal basso, da chi vota, che spesso è il primo a dare in cambio il proprio voto per una promessa.
Non meravigliamoci quindi del degrado in cui versa non solo il nostro comune, ma l'italia intera.
Comunque, fino a quando ci saranno persone disposte a lottare per combattere i soprusi, gli abusi e tutto quanto è contro i principi di uno stato fondato sulle leggi e non sulla prepotenza ed il dispotismo, c'è speranza di GIUSTIZIA.
In bocca al lupo a Mimmo Petruzzellis e Gino De Benedictis.
 
 
#8 X Chiarezza 2019-11-15 12:18
Ma come fai a dire quello che dici?
Si vede chiaramente che si tratta di una delibera "ad personam" e tu ti lamenti della gogna mediatica?
Giustamente come dice il commento 7 allora denuncia la Giunta e Giustino, non che te la prendi con chi si indigna. Anzi, adesso se sei coerente, vediamo se vai a denunciare.
E se adesso il Comune facesse una delibera per risolvere "tutti i contenziosi meno i 14 (tra cui il tuo)" tu come ti sentiresti? Vai vai, torna a votare il compare che ti ha promesso la merenda ma almeno taci.
 
 
#7 Rolando il furioso 2019-11-15 08:33
X Chiarezza.

Denunciare l'opposizione per rogna mediatica? Siamo al limite del controsenso.
Fammi capire: io ho un contenzioso con il Comune da circa 10 anni per un danno sulla strada. Perché mai il mio danno e quello di altri non è stato incluso nella delibera azzeccagarbugli?? Rispondi se ne hai il coraggio! Sennò vuol dire che sei colluso/a anche tu!

Oppure, se non sei colluso/a, dovresti coerentemente denunciare la Giunta che ha firmato quella delibera, in cui sei inclusa e beneficiare, per averti sottoposto "incautamente" alla gogna mediatica di cui parli!

Se l'opposizione ed il revisore dei conti non Se ne fossero accorti, ti saresti preso i soldi dei cittadini in barba alle regole, vero? E adesso parli pure??
Si vergognino pure i 14, allora!!
 
 
#6 Chiarezza 2019-11-14 17:23
Va bene che le opposizioni denuncino ciò,ma li inviterei ad evitare di fare di tutta l'erba un fascio. Tra i 14 ci sono persone che veramente non hanno,nessun legame di alcun tipo con l'amministrazione,e questa gogna mediatica,potrebbe legittimarli a denunciare l'opposizione. La minoranza ha il coraggio di sostenere che ci siano inciuci? Bene,allora abbia il coraggio di fare i nomi,e di non gettare fango sugli altri!!!!
 
 
#5 Madò 2019-11-13 21:50
Scandaloso, ed ancor di più il Sindaco che non prende le distanze da certi comportamenti del suo vice,avvocato,tutore, segretario,badante.......
 
 
#4 Aggiungo 2019-11-13 16:48
Avvocato.... Avvocato....
 
 
#3 Rolando il furioso 2019-11-13 16:26
eccellente! Mi congratulo con l'opposizione e la stimolo a perseverare con la denuncia di questa brutta storia a tutti gli organi di stampa e dello stato fino alle dimissioni di questo "signorotto azzeccagarbugli dell'accordo dei 14" che si fa beffa della cittadinanza.
Naturalmente, vi è da capire anche perchè la Caprio si sbracciava e strillava come un capretto al macello: qual è il legame che la tiene unita al Giustino e a difendere la "delibera scellerata".
E perchè invece la Di Medio faceva di tutto per annacquare, sopire, diluire, ..
E perchè mai gli altri consiglieri di maggioranza siano sotto schiaffo e votino a capo chino in favore del Giustino: ricatto o complicità?
 
 
#2 #Giustiziano# 2019-11-13 15:03
Non è possibile la conciliazione perché emergeranno risvolti penali.
 
 
#1 Pasquale G. 2019-11-13 14:15
Chi è senza peccato scagli la prima pietra.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.