Sabato 14 Dicembre 2019
   
Text Size

Scuola Media: il PD cassanese chiede le dimissioni della Giunta

pd copy

Dal circolo cassanese del Partito Democratico, riceviamo e pubblichiamo.

 

Dopo un anno a seguito di una proroga della Regione Puglia per cantierizzare e terminare i lavori di riqualificazione del plesso di via Mameli, registriamo oggi dopo il comunicato ufficiale del Comprensivo Perotti Ruffo, che nulla si è fatto.

Come partito nelle varie fasi abbiamo volutamente taciuto per evitare strumentalizzazioni di sorta su un tema cosi delicato.

Pensiamo fortemente che la sicurezza dei nostri ragazzi dovrebbe avere un’importanza maggiore rispetto ad altre questioni. L’intera amministrazione ha nuovamente evidenziato l’incapacità a rispettare gli impegni assunti ufficialmente dinanzi alla comunità. A fronte di tutto c’è l’enorme impiego di energie e risorse umane da parte della scuola, e in continuo atteggiamento dell’amministrazione comunale nel buttare ancora fumo negli occhi dei cittadini asserendo che si sta provvedendo alla richiesta di un’ulteriore proroga.

Ci chiediamo se la Sindaca e l’intera amministrazione ha realmente un “piano B” nel caso questa proroga non venisse accordata, provocando poi la perdita dei fondi.

Per questi motivi siamo qui oggi a chiedere, come Partito Democratico, alla Sindaca e alla sua giunta le dimissioni come atto di responsabilità, visto le rassicurazioni, date pubblicamente dalla Sindaca, sulla fine dei lavori e la mancanza di quello che fu definito un “piano B” visto l’avvicinarsi dell’inizio dell’anno scolastico previsto per 18 Settembre 2019.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.