Martedì 23 Aprile 2019
   
Text Size

Approvato il Bilancio di Previsione. Le minoranze lasciano l'aula

maggioranza febbraio 2019

Nessun aumento delle tariffe – ad eccezione del lieve ritocco della Tari –, nuove assunzioni di personale in Comune e opere per il rilancio del paese, per fare di Cassano “la perla della Murgia”.

Questi, in sintesi gli obiettivi  del Bilancio di previsione 2019 che questo pomeriggio è stato approvato dalla maggioranza in Consiglio Comunale.

Fuori i tre Consiglieri di minoranza che hanno protestato per presunte illegittimità nel confezionamento degli atti ma soprattutto per il mancato approfondimento del documento nelle Commissioni consiliari permanenti (come Cassanoweb ha spiegato ieri in questo articolo).

I preliminari di seduta.

Due ore per discutere i preliminari e tutto lasciava presagire che si facesse anche questa volta molto, molto tardi: “Ecco perché – ha spiegato la Presidente Antonella Gattiho deciso di convocare il Consiglio di mattina, anziché al pomeriggio”, dopo le obiezioni di Davide Del Re che chiedeva convocazioni pomeridiane della massima assise cittadina.  

La Sindaca Maria Pia Di Medio ha annunciato che il prossimo 3 maggio sarà inaugurato il ristrutturato Parco Giochi nel quartiere “Sacro Cuore”, alle ore 15.00, invitando Consiglieri e popolazione alla cerimonia che dovrebbe anche vedere restituita alla comunità la targa di dedicazione alle vittime delle foibe; la Consigliera Francesca Marsico, invece, ha annunciato l’avvio dei lavori di realizzazione della rotatoria sulla Cassano-Acquaviva all’altezza dello svincolo per “Collone”, opera finanziata dalla Città Metropolitana di Bari.

Le minoranze hanno poi chiesto di discutere della interrogazione posta all’Assessore all’Ambiente Carmelo Briano sulle penali che dovrebbero essere comminate alla società bitontina ASV che fino a qualche settimana fa si occupava della raccolta differenziata, poi sostituita dalla Teknoservice, vicenda di cui ci siamo già occupati e che approfondiremo in un prossimo articolo.

L’Assessore alle Attività Produttive  Michele Campanale, infine, ha comunicato che è ripresa l’attività del SUAP, sospesa per qualche tempo a causa del cambio di operatore e di responsabile del servizio ma pare che questo non abbia, finora, influito sulle pratiche presentate.

Lo scontro fra Campanale e le minoranze

Lo avevamo previsto  e lo scontro in Consiglio, fra il Capogruppo della maggioranza, nonché Presidente della Prima Commissione consiliare permanente Pasquale Campanale e i due Consiglieri di minoranza Teodoro Santorsola e Rocco Lapadula, effettivamente c’è stato, con toni spesso sopra le righe, una bestemmia fuori microfono ma che in tanti hanno fatto finta di non sentire e accuse vicendevoli di non voler fare il bene del paese.

Da una parte l’atto formale: la convocazione della Commissione, firmata da Campanale, non includeva la discussione del Bilancio di previsione dunque formalmente non se ne doveva discutere; dall’altra parte la sostanza: se si discute di tutti gli atti propedeutici il Bilancio, perché non si sarebbe dovuto discutere del Bilancio stesso?, chiede il Presidente a Santorsola.

“I motivi possono essere tanti e non sono io a doverli spiegare” ha replicato Santorsola che ha accusato il Presidente di una “terribile forzature del Regolamento” avendo convocato la Commissione laddove non c’era urgenza perché – come ribadito da Del Re – il Bilancio e la sua discussione sono noti da tempo per cui non esisteva l’urgenza di doverli approfondire nel corso di una Commissione convocata illegittimamente, con gli uffici chiusi e in giorni e orari inconsueti.  “L’urgenza nasce quando sopravviene un argomento – ha aggiunto il capogruppo di Prima Vera Cassano – non quando ci si dimentica di inserirlo nella convocazione”.

“Per me è stata una coltellata alle spalle”, dirà poi Campanale, riprendendo la questione dopo che le minoranze hanno abbandonato l’Aula consiliare; “la mia disponibilità verso tutti – ha aggiunto – è stata ricambiata in questo modo”.

Campanale ha poi spiegato di aver ammesso l’errore nella convocazione ma l’irremovibilità di Santorsola e Lapadula è stata coriacea. Nel dibattito è intervenuto anche il Consigliere Amedeo Venezia che ancora una volta ha ribadito come i rilievi posti dalle minoranze non sono rivolte alle persone ma alla funzione e comunque per il bene del paese e dei cittadini.

Non c’è stato verso, però, di arrivare ad un compromesso e arrivati a discutere dell’ultimo punto, il Bilancio di Previsione, appunto, i tre Consiglieri di minoranza hanno abbandonato l’aula.

Gli altri punti all’ordine del giorno

Il Consiglio ha approvato a maggioranza il Documento Unico di Programmazione che costituisce la base delle attività annuali dell’Amministrazione. Santorsola ha fatto rilevare come la Relazione, peraltro positiva, del Revisore dei conti sull’argomento facesse riferimento ad una Delibera di Consiglio Comunale non ancora pubblicata all’Albo pretorio per cui si era dinanzi ad un fatto potenzialmente illegittimo ma il Segretario generale ha più o meno fugato i dubbi e l’argomento è stato approvato.

Così come quelli successivi: la Individuazione quantità, qualità e determinazione prezzi di cessione delle aree da destinarsi a residenza, attività produttive e terziarie; il Piano delle alienazioni e valorizzazioni del patrimonio immobiliare per il triennio 2019-2021 e il programma triennale delle opere pubbliche 2019/2021.

Sul Piano delle opere pubbliche “Prima Vera Cassano” ha eccepito che si fa un largo uso del “project financing” (per il Polisportivo e per l’impianto di Pubblica Illuminazione) con costi che potrebbero essere più alti e che il Piano contiene, comunque, molte opere delle passate amministrazioni. Accusa respinta dall’Assessore Campanale che ha elencato sette impegni su 17 frutto dell’attuale compagine amministrativa che si cercheranno di portare avanti in quest’anno.

Molto si è dibattuto sullo stato di abbandono della ex “Casa Bianca” ma prima la Sindaca poi l’Assessora al Bilancio Annamaria Caprio hanno spiegato che la manifestazione d’interesse predisposta dagli Uffici comunali è in dirittura d’arrivo.

Le misure previste dal Previsionale

Fuori le minoranze, la Caprio ha illustrato il Bilancio 2019, una manovra che complessivamente ammonta a quasi 12 milioni e mezzo di euro di cui circa il 57% finanziato da tasse e tributi, con appena il 9& di trasferimenti “che saranno sempre meno” ha sottolineato l’Assessora mentre “aumentano le quote per gli accantonamenti obbligatori” su cui anche l’Associazione Nazionale dei Comuni ha protestato perché sono soldi letteralmente sottratti ai bisogni dei cittadini.

Per il 2019 sono previste sei nuove assunzioni in Comune: 2 nuovi agenti di Polizia Locale, 2 impiegati presso il settore Lavori Pubblici e 2 presso i settori Finanze e Affari Generali, fatti salve poi assunzioni stagionali. Arriverà una addetta stampa per migliorare la comunicazione dell’Ente e si darà impulso alla manutenzione di strade e marciapiedi nonché agli annosi problemi della Pubblica Illuminazione e del Polisportivo. Partirà la SISU (all’ex Garden Village) e si metterà mano a piazza Merloni per il rifacimento e la messa in sicurezza di quelle strutture. Impegno a dare il via i lavori per la Scuola Media e per il plesso di via Convento.

Partirà anche il Distretto Urbano del Commercio con una dotazione di 14.500 euro.

Limatura per gli stanziamenti per i randagi: la quota giornaliera per ogni cane ospitato presso il canile comunale passa da 2,10 euro a 1,90 euro e saranno aumentate le campagne di sensibilizzazione per la sterilizzazione e l’adozione.

Confermato lo stanziamento di 45mila euro per il “Servizio Civico Comunale” che impegna i fruitori del sostegno economico a favore delle opere per il paese.

Anche il verde, ha detto l’Assessora al Bilancio, vedrà aumentare l’attenzione grazie alla convenzione con l’UniBa e al termine del lavoro di censimento potranno essere programmati gli interventi di manutenzione.

Cultura e turismo saranno, ha spiegato infine la Caprio, “sostenuti, così come tutte le attività che mirano a incentivare” l’attrattività del paese.

 

Commenti  

 
#12 Verità 2019-04-20 12:01
Per Giuseppina,
Ma scusi lei sta seguendo i Consigli? Il problema nasce proprio dalla volontà della maggioranza nel voler fare di proprio, tenendo fuori la minoranza!!
Il problema è che fa male, non hanno capacità e Noi tutti ne subiamo le conseguenze
 
 
#11 Giuseppina 2019-04-18 14:53
Sarebbe più semplice incitare maggioranza e minoranza a collaborare per il bene di tutti invece di denigrare e polemizzare su ogni questione... non vi sembra?
 
 
#10 Luca Luchino luca... 2019-04-17 19:17
Non siete stati nemmeno capaci di approvare il bilancio nei termini previsti dalla norma. DILETTANTIIIIIIIIIIIIII
 
 
#9 Bartolo 2019-04-17 00:09
Per gotham
Difendi l`indifendibile...rudicolo
 
 
#8 BIS 2019-04-16 17:10
In questa maggioranza regna solo presunzione e arroganza.....nel concreto c'è solo il NIENTE.
 
 
#7 Muti 2019-04-16 16:23
TUTTI MUTI ? ????
 
 
#6 papa 2019-04-16 13:39
Per la nuova rotatoria dobbiamo ringraziare per l’interessamento e l’impegno profuso il sindaco e la consigliera… di Acquaviva però! Carlucci e Pietroforte… che ste medaglie la Marsico dovrebbe spiegare cose se le mette a fare. Semplicemente RI DI CO LI

Redazioni mi fuga un dubbio? Se io ho un credito che non so se mai incasserò non posso far finta di averlo e di spendere soldi che non ho sul mio conto bancario.
Ora mi spiega come si vara un bilancio di previsione dopo quanto successo con i 500mila euro di evasione fiscali mandati a far benedire? Sono soldi già iscritti nei precedenti bilanci, ovvero mancate entrate. E oggi non entrano più (o se entrano chissà quanti, chissà quando). Dunque come si fa a varare un bilancio di previsione così?
Ho la sensazione che questi incapaci ci stanno portando a sbattere contro un muro.
 
 
#5 Lop fr 2019-04-16 13:18
Mi sembra un buon bilancio.
Si può ridurre anche il salario ai dipendenti comunali in favore di progetti sociali ?
 
 
#4 vergogna 2019-04-16 12:01
Abbiamo finito le parole per questa giunta comunale.
 
 
#3 Ios33 2019-04-16 11:15
Non ritengo assolutamente corretto la mancata partecipazione delle minoranze.
TROPPO COMODO.
Dopo aver evidenziato la anomalia dovevano partecipare e fare opposizione costruttiva.
Capisco che questo significava lavorare.
 
 
#2 gotham 2019-04-16 08:52
Certo è che i consiglieri di minoranza non perdono occasione per trasformare il consiglio comunale in un circo. sempre al centro dell'attenzione per richiamare un pochetto di luci e riflettori sulle proprie figure. basta che si parli di loro e delle loro avventure da sceriffo del popolo. l'importante è contestare senza cognizione di causa. abbandonare l'assise è un segno di maleducazione prima personale e poi istituzionale. se davvero si vuole "combattere" (DAVVERO) si resta a farlo. così, cara MINORANZA, non ci rappresenti. così fai solo una pessima figura.
Saluti M. G.
 
 
#1 Agostino Ragone 2019-04-15 20:19
Speravo che avessero un po' di considerazione per me che continuano a non rispondere e rifiutarsi di voler risolvere il mio caso che tutti conoscono,ma lo dico con tutta l'indignazione È UNA VERGOGNA continuano a farmi stare senza lavoro e di conseguenza senza stipendio, riguardo alla Teknoservice non ne parliamo non hanno ancora sostituito uno che è andato in pensione e 2 che sono in lunga malattia e il comune sa ste cose ma non fa niente per fare rispettare il contratto
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI