Domenica 15 Settembre 2019
   
Text Size

Le minoranze "fanno le pulci" alla Di Medio

WhatsApp Image 2019-03-22 at 08.47.06

 

Si farà, anche con il contributo dei cinque Consiglieri comunali di minoranza, la Commissione Speciale d’indagine sul ritardo nella spedizione degli avvisi di accertamento sulle tasse locali.

E’  una delle novità emerse ieri sera, nel corso dell’incontro fra opposizioni e cittadini, durante il quale si è discusso di tantissimi argomenti: dai ritardi nell’appaltare i lavori presso la Scuola Media all’amore per il project financing da parte dell’Amministrazione Di Medio ad una macchina burocratica ormai imballata a causa del disorientamento di funzionari e impiegati rispetto alle decisioni della compagine politico-amministrativa.

“Incontri così – ha preannunciato Amedeo Veneziane faremo altri perché occorre che i cittadini partecipino e dicano la propria nei confronti di una Amministrazione comunale il cui “vulnus” è la mancanza di libertà: occorre essere al servizio dei cittadini e non servirsi di essi!”.-

Vediamo nel dettaglio quali sono stati gli argomenti trattati.

Polisportivo

Rocco Lapadula ha denunciato la mancanza di agibilità di alcuni impianti presso il complesso di via Grumo, che da decenni attende di essere valorizzato. Il Consigliere comunale, cui ha fatto eco Davide Del Re, ha parlato di progetto già pronti e finanziati ma tenuti nel cassetto. Del Re ha fatto riferimento a soldi e progetti per due campi da tennis e un campo da calcetto che inspiegabilmente “l’Amministrazione Di Medio ha bloccato e che invece oggi avrebbero dato al Polisportivo un nuovo aspetto”.  Senza considerare, poi, un milione di euro, messo a disposizione dal Credito Sportivo, che si poteva impiegare per fare altri lavori di manutenzione. “C’è amore per il project financing” ha ribadito ironicamente il Consigliere regionale Ignazio Zullo, portando altri esempi come la piscina di Grumo e la pubblica illuminazione.

Nel DUP (Documento Unico di Programmazione) da poco approvato dalla Giunta Di Medio, che costituisce la base del prossimo Bilancio di Previsione, viene, infatti, ribadita la necessità di affidare ad un privato l’intero complesso sportivo il quale lo ristruttura e incassa una somma annuale dal Comune (per un periodo di 20-30 anni) e le tariffe da cittadini e associazioni che vogliono usufruire dei campi.

“Una proposta inaccettabile” l’ha bollata Del Re.

Lavori alla Scuola Media

I soldi ci sono e il Progetto esecutivo c’è ma da mesi non si procede alla gara d’appalto per ristrutturare la Scuola Media di via Mameli.

Perché? Non si sa.

Il timore  - hanno detto i Consiglieri comunali – è che si vanifichi tutto il lavoro fatto dalla Direzione Didattica ad inizio anno ovvero programmare l’anno scolastico in modo da farlo terminare a fine maggio per poter consentire sin da subito l’inizio dei lavori e completarli a settembre, almeno per la parte interna dell’edificio. Invece si rischia di far slittare i tempi e costringere gli studenti e le famiglie a “doppi turni”. 

La Presidente del Consiglio d’Istituto, Maria Luisa Abbruzzese ha fatto presente che la Direzione didattica ha interpellato formalmente (con pec e lettera scritta) l’Amministrazione senza ricevere, finora, risposte.

Tributi locali

“Daremo il nostro contributo alla Commissione Speciale d’indagine” ha rivelato Teodoro Santorsola “anche se avremmo preferito, come proposto subito, che ad occuparsene  fosse la Prima Commissione. La maggioranza la pensa diversamente e ne prendiamo atto, anche se ci sembra che alla fine la Commissione indagherà su…se stessa ovvero sull’Amministrazione che l’ha istituita!”

Santorsola si è impegnato affinchè i lavori della Commissione siano aperti ai cittadini, come lo sono le sedute delle Commissioni permanenti, invitando sin da subito la maggioranza “X TE” ad evitare unitili invocazioni della privacy: “qui è in ballo – ha detto ancora Santorsola – la giustizia nei confronti di chi ha pagato per tempo tutte le tasse locali e che si vede beffato da chi non ha pagato e la farà franca nonché un possibile danno alle casse comunali che va dai 300 ai 500mila euro. Di questo l’Amministrazione – senza scaricare colpe verso altri – deve rendere conto”.

Se lavorare 12 ore al giorno per il Comune – come, pare, abbia detto recentemente, l’Assessore Caprio in un recente incontro fra capigruppo – porta a questi risultati “meglio starsene a casa o dedicarsi ad altro” hanno detto i Consiglieri di minoranza.

Piscina di Grumo

Sulla ormai tragicomica vicenda che vede coinvolte le diverse amministrazione che fanno parte del Piano di Zona, beffate dal Sindaco di Grumo, stando alle parole della Sindaca in Consiglio Comunale, c’è tanto fumo ma poco arrosto. La delibera che da il via al “project financing” non è stata revocata, nonostante le rassicurazioni, anche scritte, della Di Medio. Ignazio Zullo ha ribadito che la questione è all’attenzione degli Uffici Regionali così come la sua diffida ad adottare il Piano di Zona che non ha rispettato una parte sostanziale che ne prevede il varo ovvero l’ascolto del territorio tramite associazioni, Terzo Settore e portatori di interessi.

Mensa scolastica e Commissione mai convocata

La Commissione mensa scolastica che vigila sulla qualità dei cibi serviti ai bambini non viene convocata dal lontano 2016. Lo hanno ribadito, nel corso della serata, l’ex Sindaco Vito Lionetti (“fui io a convocarla l’ultima volta che si è riunita”) e la Abbruzzese. Affermazioni che smentiscono quanto detto in Consiglio comunale dall’Amministrazione Di Medio e messa anche nero su bianco in una risposta ad una interpellanza delle opposizioni. Peccato non sia emersa, come chiedeva qualche genitore,  ovvero: dopo la presentazione del modello ISEE il valore nominale del buono pasto per la mensa varia improvvisamente. Nello specifico se si è pagato 3,6 euro e ora si andrà a pagare 2,5 euro quindi la differenza del valore dei buoni non fruiti viene persa; il Comune incassa in più in questo caso svalutando il valore del buono che precedentemente si è pagato di più. Una questione che meriterebbe un approfondimento da parte della minoranza in Consiglio comunale.

Rimpasto in Giunta

Auguri di buon lavoro all’Assessora Maria Pia D’Ambrosio a cui la Sindaca ha attribuito la deleghe ai “rapporti con i borghi”, da parte delle minoranze: “vedremo i fatti – ha detto Davide Del Re – tenendo conto che, anche qui, ci sono progetti e soluzioni già pronte, lasciate in eredità dall’Amministrazione di cui facevo parte, per risolvere una serie di problemi per i borghi e le zone collinari (si pensi al problema dell’acqua al Costone di Bruno) ma che ancora una volta vengono lasciati nel cassetto, a dormire”.

Per Zullo, invece, non è chiaro se la D’Ambrosio non è stata messa in grado di operare alla manutenzione e al decoro urbano (deleghe poi sparite dalla redistribuzione degli incarichi).

Uffici Comunali

Il caos completo per Posizioni Organizzative assegnate e revocate come  fossero punizioni e noccioline, che mettono i funzionari del Comune non in grado di programmare con serenità quanto occorre fare. Dipendenti che fanno quel che vogliono e quando vogliono, tanto sanno che nulla gli potrà accadere: basti pensare alla ornai famosa “rissa” in piazza Rossani fra due dipendenti a cui nulla è stato detto e fatto dopo quell’episodio.  “In quella vicenda – ha detto Amedeo Venezia – l’Amministrazione avrebbe dovuto essere trasparente e non lo è stata”.

SUAP

E’ assurdo - ha spiegato Santorsola – leggere la risposta ad una nostra interpellanza sul funzionamento dello Sportello Unico per le Attività Produttive, dove ci viene detto che non ci sono pratiche inevase” e invece basta parlare con uno dei tanti tecnici cassanesi e accorgersi che ci sono pratiche che dal luglio 2018 non vengono  prese in considerazione, senza contare che ancora oggi il sistema è bloccato, in attesa che il nuovo incaricato comunale possa ricevere dalla Camera di Commercio di Bari le nuove credenziali di accesso al sistema.

 

 

 

Commenti  

 
#19 ecologista 2019-03-26 23:19
Io vorrei capire come cittadino , che per sbaglio ha acquistato anni fa una villa a Contrada Lagogemolo , sicuro che tutto era in regola a norma , in quella zona come funghi sono stati creati un sacco di ville . Quindi un controllo da parte del Comune , invece è un vero casino una zona con un alto livello di degrado , strade disastrate , mancanza di rete fognaria , rete idrica anomala con 143 famiglie collegate su un unico contatore di cui e difficile gestire cose assurde da terzo mondo . Ma il Comune di Cassano percepisce e soldi come seconda casa dai proprietari , tasse sui rifiuti urbani anche da chi non vi abita mai , paghiamo la tariffa enel il doppio senza usufruire . Mi chiedo signori politici di Cassano volete risolvere il problema della fogna e AQP e fare un controllo delle contrade sulla sicurezza stradale , avete fatto invadere la Murgia di ville infinite ora vi tocca sistemare , grazie
 
 
#18 X don Cixcio e per d 2019-03-24 19:07
I poteri forti sono all'opposizione perché hanno perso le elezioni. ..Non sempre i più forti vincono.

X deluso
Come è finita la vicenda del randagismo, sollevata da Venezia?
 
 
#17 pasqualino 2019-03-24 13:15
Tutti i commenti che screditano l'opposizione sono scritti dalla stessa persona. Vero don Pasquale?
 
 
#16 x deluso 2019-03-24 08:41
Non so perchè ti senti deluso dal Dott. Venezia. Non so che aspettative tu avessi.
Per me rimane persona coerente, con capacità di fare analisi lucide, non urla a vanvera, sa motivare le sue scelte.
Se lo incontri, come è successo a me, puoi anche fargli osservare dove avrebbe sbagliato: non si offende, ti risponde con educazione e, se hai ragione, ha anche l'umiltà di riconoscerlo. Trovamene un altro così!
 
 
#15 x don ciccio 2019-03-24 08:40
Non ho mai visto i poteri forti all'opposizione
 
 
#14 don Ciccio 2019-03-23 10:47
È riapparso il dimissionario Zullo al posto della Catucci! ...e poi era la maggioranza che aveva alle spalle i poteri forti!
 
 
#13 Nicolino x Brunelli 2019-03-23 10:44
Grazie, ho capito. Lei fa articoli solo quando c'è da criticare la maggioranza...l'attuale opposizione "puo'" ma non "deve"...
 
 
#12 ignoto 2019-03-23 06:45
Poichè non seguo molto la politica ma mi sembro' di sentire che zullo aveva dato le dimissioni.Sorge una domanda:che centra?
 
 
#11 Nicolino 2019-03-22 23:19
Plastic free vale solo per la maggioranza. L'opposizione non ha regole!

RISPONDE G. BRUNELLI

Essendo io l'autore dell'articolo con il quale fu sollevato il problema del plastic-free nel corso del penultimo Consiglio Comunale, vorrei specificare la diversa natura dei due incontri.

Quello delle minoranze è un incontro aperto al pubblico ma non istituzionale. Quale è, invece, un Consiglio Comunale che rappresenta l'intera comunità cassanese.

In altri versi: sarebbe auspicabile che anche gli incontri come quello delle minoranze fossero attenti all'ambiente e utilizzassero bottiglie in vetro mentre il Consiglio Comunale che ha fatto a suo tempo una importante e condivisibile scelta di non utilizzare la plastica è "obbligato" a proseguire su questa strada, salvo cambiare decisione e farlo in maniera pubblica.
 
 
#10 X Leo Giulio 2019-03-22 19:32
Se in consiglio comunale la maggioranza non da risposte occorre coinvolgere i cittadini.
Lapadula Sindaco con che.....è alla prima esperienza politica.
Pagheremo le conseguenze noi cittadini....della vicenda tributaria,dei 500 mila euro non incassati, piscina comunale di Grumo ecc...
È la maggioranza????!!! Non risponde manco a pagare.
 
 
#9 deluso 2019-03-22 19:25
Che delusione il dottor venezia
 
 
#8 Cittadino76 2019-03-22 16:17
E la Catucci teneva da fare? Ah no c’è. Sta Zullo.
 
 
#7 Falsi e bugiardi 2019-03-22 15:25
Una su tutte...avete sparato a zero sulla maggioranza perchè ignoti avevano rubato le bottiglie di vetro e durante il consiglio avevano usato quelle di plastica. .. vedo sul vostro tavolo solo bottiglie di plastica . Bello e facile guardare la pagliuzza!
 
 
#6 francesco c. 2019-03-22 15:08
per fortuna le informazioni arrivano dalla opposizione, altrimenti saremmo all'oscuro di tutto.
Ottimo lavoro.
 
 
#5 Lucio 2019-03-22 12:37
Ottima panoramica andare avanti così il Comune è cosa pubblica e non privata come si intende dai novelli amministratori.
 
 
#4 PULCI 2019-03-22 11:20
questi che oggi fanno le pulci, dimostrando grande preparazione, sono stati amministratori in passato...ecco come si spiega la loro bravura, sanno esattamente ciò di cui parlano perchè sono stati loro stessi nella stessa situazione...chi è senza peccato scagli la prima pietra, e fra questi signori, secondo me, nessuno può permettersi tale gesto...
 
 
#3 tristi 2019-03-22 11:13
mamma mia che facce, tristissime, come il contenuto degli spot elettorali che propinano alla cittadinanza...almeno Zullo è venuto perchè ci sono le Europee, ma gli altri non sono un pò troppo in anticipo??? ridicoli tutti, più di quelli a cui fanno le pulci...in tal senso il titolo dell'articolo è veramente azzeccato, bravissima Redazione.
 
 
#2 aria fritta 2019-03-22 11:03
aria fritta...come sempre... poi a quanto pare aveva ragione il vituperato Presidente della Prima Commissione a volere la Commissione d'Indagine, e adesso che si farà, nonostante il veleno che gli è stato buttato addosso... sarebbe anche merito vostro...???? ipocrisia alla massima potenza! Santorsola, infine, farebbe bene a studiare un pò, prima di sparare fregnacce, che i lavori della commissione d'indagine non possono essere pubblici ma, anzi, sono coperti da segreto d'ufficio...e prima di crocifiggere le persone si devono appurare i fatti.
 
 
#1 Leo Giulio 2019-03-22 10:57
Signor del re i finanziamenti pronti poi andrebbero pagati.
Signor Santorsola le commissioni consiliari devono lavorare non dare spettacolo con aperture al pubblico.
Quante chiacchiere politiche.
Ma la sostanza dove è?
Grande delusione per il sig. Venezia che non da un contributo operativo politico visto le sue esperienze.
Lapadula sindaco ma non con questa minoranza.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.