Giovedì 25 Aprile 2019
   
Text Size

Alunni senza libri? La denuncia dei Consiglieri di minoranza

minoranza 2019

 

“Gli studenti delle scuole Medie sono ancora senza libri, ma fra un po’ l'anno scolastico è finito!”: lo scrivono in una nota i cinque Consiglieri comunali di minoranza che alla Sindaca Maria Pia Di Medio chiedono spiegazioni.

“Sarà il nuovo modello di scuola ricercato della Di Medio, dopo il senza zaino, arriva il “senza libri” .. ironizzano i Consiglieri di opposizione - Il Comune, per di più, che fa? Chiede i giustificativi di spesa per l’acquisto (ricevuta, ecc.). Altra stranezza dell'Amministrazione Di Medio”.

Spiega il comunicato: “I libri devono essere forniti alle famiglie da parte della scuola (per gli aventi diritto in comodato d'uso), non devono comprarli i genitori dalla cartoleria, è il Comune che deve sostenere la spesa attraverso il contributo regionale. Si rischia di perdere il contributo della Regione. Come consiglieri di opposizione siamo costretti ancora una volta a interpellare il Sindaco, atteso che dobbiamo controllare il loro operato, perché oltre al disagio per le famiglie non si aggiunga un danno economico per il Comune”.

Stante così la situazione, Linda Catucci, Teodoro Santorsola, Amedeo Venezia, Davide Del Re e Rocco Lapadula hanno presentato quest’oggi la seguente interpellanza:

 

 

Oggetto: contributo regionale per acquisto libri in comodato d’uso – Interpellanza.


Premesso che:

per l’anno scolastico 2018/19 la scuola Perotti-Ruffo ed il Comune di Cassano delle Murge hanno optato nuovamente per il comodato d’ uso gratuito dei libri di testo come misura di sostegno al reddito delle famiglie con figli frequentanti la scuola secondaria di primo grado;

di ciò ne è data comunicazione attraverso il sito istituzionale della Regione Puglia;

 
il 20/08/2018 la Regione Puglia ha aperto la procedura online per la richiesta del comodato d’ uso e le famiglie aventi titolo avevano facoltà di presentare la domanda on-line;


il 20/09/2018 sono stati prorogati i termini per l’inserimento on-line delle richieste di comodato d’uso e che la procedura scadeva il 02/10/2018;


all’inizio di quest’ anno scolastico la scuola ha distribuito alle famiglie, che hanno fatto richiesta on-line, i libri usati negli scorsi anni scolastici stante la non disponibilità dei nuovi libri adottati dal Consiglio d’Istituto;


nel mese di novembre, la Segreteria della Scuola Secondaria di Primo Grado e l’Ufficio Comunale dei Servizi Scolastici, sollecitati dalle famiglie, non hanno saputo dare informazioni in merito alla distribuzione dei nuovi libri di testo mancanti, tant’è che il personale, genericamente, riferiva che la scuola ed il Comune non avevano ricevuto la delibera dell’impegno di spesa per poter procedere all’acquisto;


per alleviare il disagio degli studenti, è stato chiesto alla Scuola di procurare, agli alunni, fotocopie di alcune pagine dei libri in questione, in modo da consentire agli stessi di svolgere regolarmente le attività didattiche, soprattutto a casa; richieste evase non senza difficoltà!

 
alcuni dei compiti, inoltre, assegnati a casa, prevedono anche l’ascolto e/o l’utilizzo del CD allegato ai libri tuttora, però, mancanti;

ogni pomeriggio, anche fino a tarda sera, per svolgere al meglio i compiti assegnati, i ragazzi ed i genitori, con non poche distrazioni, sono costretti a  scambiarsi le immagini-scansioni  delle pagine dei libri mancanti tramite smartphone, e, successivamente, per chi ne ha la possibilità, le stampe su carta;


il 13 novembre 2018 il Comune di Cassano delle Murge ha pubblicato, tramite il sito istituzionale e il proprio profilo Facebook, il comunicato prot. n. 14260 con il quale avvisava i cittadini interessati di presentare i giustificativi delle spese sostenute per l’acquisto dei libri di testo, con espresso riferimento agli “alunni delle scuole secondarie di 1° e 2° grado”;

detto comunicato, però, non ha potuto trovare applicazione per gli alunni delle scuole Medie, in quanto, chi ha fatto domanda per il comodato d’uso gratuito dei libri, di fatto, non ha acquistato nessun libro e pertanto in realtà nessuno sarebbe in possesso di giustificativi di spesa;


va ricordato, inoltre che, l’addetta  dell’ Ufficio comunale dei Servizi Scolastici, è stata assente per circa un mese - tra dicembre 2018 e gennaio 2019 - , sostituita momentaneamente da personale proveniente dal Settore Servizi Sociali; ne deriva che, verosimilmente, neanche il Responsabile del Settore è a conoscenza di tali questioni e delle oggettive difficoltà della Scuola ripercossesi sulle famiglie che hanno subìto tali disfunzioni.


Tutto ciò premesso e, alla luce di quanto esposto, si interpella il Sindaco per conoscere:

➢      quali sono i motivi che hanno causato il disagio descritto, tanto che ancora oggi, alla fine del primo quadrimestre, i ragazzi della scuola media delle sezioni del cosiddetto sistema “Misto” (che utilizzano la modalità cartacea, per intenderci) non hanno ancora ricevuto i libri spettanti, venendo meno, così, strumenti atti a garantire un sostegno al Diritto allo studio, ovvero mettere a disposizione dei ragazzi i libri per consentir loro di esercitarlo?

➢      Si chiede, in ultimo, di fornire precise spiegazioni sull’iter fin qui attuato dall’assessorato competente così come indicato nel comunicato succitato, con il quale si è chiesto alle famiglie di presentare i giustificativi di spesa. Agli scriventi appare più che fondata la preoccupazione che, all’oggettivo danno già arrecato ai ragazzi e al disagio procurato alle famiglie, si possa aggiungere la beffa di perdere i fondi regionali (potrebbero essere restituiti alla Regione), considerato che tale opzione, non può essere applicabile.

 

 

Commenti  

 
#18 Serpico 2019-02-16 12:31
Teodoro fare il sindaco e impegnativo tu non puoi essere mai il sindaco di cassano.
 
 
#17 Ggg 2019-02-07 18:42
Opposizione ma perché non se la prende col dipendenti?
 
 
#16 genitore 2019-02-07 10:08
Sono un genitore e mi dispiace di tutto questo che sta subendo mio figlio. I bambini non meritano tutto questo che colpa hanno. Devo dire però che la dottoressa se non se la sente di fare il sindaco se è un peso troppo pesante per lei è meglio se va a casa. Deve redersi conto che il paese fa schifo, sporcizia, buche alle strade. Ma la scuola no è troppo grave quello che è successo.
 
 
#15 X #12 2019-02-07 09:50
A noi genitori non interessano le sue argomentazioni. Noi sappiamo che viene eletto un sindaco, che a sua volta nomina gli assessori e i dirigenti e che a questi viene assegnato del personale.
Lei vuole dare la colpa ai dipendenti così come fece Lionetti prima di andarsene. Di tutte le beghe interne al Municipio a noi cittadini interessa relativamente. Quello che noi vediamo è l'incapacità di chi amministra di tenere a bada una nave che non tiene la rotta. A poco valgono le sue lamentele ed apprezzamenti sull'equipaggio della nave.
Se è un amministratore si prodighi o si dimetta.
 
 
#14 vedo nero 2019-02-06 19:13
Oltre a senza zaini e senza libri c'e' ANCHE SENZA PALESTRA!!!SI POICHE' E STATA RESA INAGIBILE!!E' PROPRIO NELL'ETA' DELLO SVILUPPO CHE VA FATTA EDUCAZIONE FISICA.E la colpa e' della vecchia amministrazione o dell'attuale??Cosa dice a riguardo l'urlatore?
 
 
#13 ilpapàdiunastudete 2019-02-06 18:44
signora sindaca lei deve immediatamente provvedere a risolvere il problema anche se il consigliere di minoranza,invece di stare sempre a replicare gli errori altrui si prodighi anche tu a risolvere il problema perché per l'istruzione non esiste il colore politico.
 
 
#12 Per la citta 2019-02-06 18:25
Io credo che ci sono colpe e colpe....

Ovvero
Alla di medio quella di aver rivoluzionato e valutato gli scansafatiche..... e finti ammalati a discapito di chi lavora.

Che a loro volta sono diventati i peggior fannulloni.

Questa la conseguenza.
Licenziateli!
 
 
#11 DIMISSIONI 2019-02-06 09:26
Di Medio si dimetta.
Ha dimostrato abbastanza quello che sa fare.
La sua ostinazione sta portando alla catastrofe questo paese.
Possiamo capire le sue sfortune, chiamiamole così, ma è evidente per noi che non ha le capacità di guidare la nostra piccola comunità.
Non vogliamo conoscere i motivi di tutto questo. E' affar suo.
Abbiamo la necessità di avere un sindaco all'altezza del compito e che sappia risolvere almeno un po dei problemi che affliggono noi cittadini.
Per cortesia, se è vero che vuole bene a questo paese, SI DIMETTA!
Se poi non vuole bene a questo paese, a maggior ragione, DEVE DIMETTERSI!
 
 
#10 lucio 2019-02-05 22:24
Non sarà conseguenza del caos creato im comune da questi politicanti arroganti e inesperti. A casa non siete capaci.
 
 
#9 X comm 7 2019-02-05 16:18
Non c'è più trippa per gatti!
Ne abbiamo abbastanza di personaggi che ambiscono ad avere sempre "le mani in pasta".
AVAST! Occorrono persone che credono nella missione di fare le cose per la comunità...e basta!
 
 
#8 per azzard 2019-02-05 16:17
...il consiglio d' istituto è conoscenza del problema così come la sindaca e la sua maggioranza. Nessuno mette le mani sulla scuola ma, si fidi, ha sbagliato davvero la premessa. Il problema c' è ed è serio. Sta venendo meno uno dei principi fondamentali della Costituzione Italiana ed è il diritto allo studio: Articolo 34. L'istruzione inferiore, impartita per almeno otto anni, è obbligatoria e gratuita. I capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi, hanno diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi.
Questa interpellanza è un fortissimo campanello d' allarme dei problemi che stanno attanagliando Cassano e le future generazioni. Mettete da parte la politica e gli scontri personali su chi e su cosa e mettetevi al lavoro e risolvete al più presto questo problema!
 
 
#7 perme 2019-02-05 15:51
Oggi l'unico che può fare il sindaco a Cassano è il dott. Arganese, persona seria e professionale.
 
 
#6 Azzard 2019-02-05 14:40
Quante coincidenze. Non è la prima volta che le questioni che vanno nel consiglio di istituto poi passano direttamente nelle mani dell'opposizione che strumentalizza sapientemente. Sembra proprio che questa maggioranza abbia due opposizioni, una in consiglio comunale e l'altra silente in consiglio di istituto. Ah già è vero: in consiglio di istituto ci sono gli sconfitti alle comunali. Per il bene della comunità scolastica spero che ognuno faccia il proprio mestiere rispettando il mandato affidato e senza strumentalizzare la scuola. Giù le mani dalla scuola! (E spero di sbagliarmi sulla premessa)
 
 
#5 Per Ciont 2019-02-05 14:36
Cosa c' entra il suo post con il problema che stanno vivendo le famiglie cassanesi? Purtroppo ad ogni problema causato da questa amministrazione c' è sempre qualcuno pronto ad attaccare gratuitamente. Per una volta fatevi da parte, guardate dentro di voi e risolvete il problema. Il resto sono solo chiacchiere.
 
 
#4 Cittadino 2019-02-05 14:01
Comunque è l'unico sulla piazza che ha le capacità di guidare il nostro Comune, dopo le sciatterie di Lionetti e questa Tizia che sta mo.
Vai Teodoro. Ormai si è capito.
 
 
#3 Ciont 2019-02-05 12:11
Teodoro, non sarai mai sindaco di cassano, il vice si, trova un buon candidato sindaco e riprova.
 
 
#2 ?? 2019-02-05 11:50
Ma chi è questo Britellone?
 
 
#1 Rebus 2019-02-05 10:31
La sindaca è troppo indaffarata a +++. Il comune Lo regge Bretellone. Angora lo dovete capire?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI