Lunedì 17 Dicembre 2018
   
Text Size

Tributaria, Lionetti ribatte: "da Giustino e XTE falsità"

lionetti al vittoria

 Dall'ex Sindaco di Cassano dele Murge Vito Lionetti, riceviamo e pubblichiamo una nota sulla vicenda della Tributaria Intercomunale di cui si è discusso nell'ultimo Consiglio Comunale. 

Alle volte la realtà supera la finzione cinematografica.

È quello che è successo nell’ultimo consiglio comunale dove la realtà è andata oltre a quanto raccontato in un film di qualche anno fa dal titolo emblematico “l’avvocato del diavolo”.

Infatti, così come succedeva nel film, il vice sindaco Giustino, non si capisce bene se in tale ruolo o in quello di avvocato, ha diabolicamente tentato di trasformare le vittime in carnefici: ha inventato fatti e circostanze; ha omesso fatti e circostanze; ha inveito e calunniato; ha cercato, per l’ennesima volta, di portare sul piano personale una tristissima vicenda, che va avanti da oltre un decennio.

Ed è sempre lo stesso copione e si usano sempre le stesse strategie.

Distrarre l’attenzione dalla realtà dei fatti e buttarla sul piano del conflitto personale.

D’altra parte che cosa c’è di più diabolico se non il perseverare?

La verità la conoscono tutti.

Molti anni fa un gruppo di amministratori pubblici fu definitamente condannato dalla Corte dei Conti a rifondere i cittadini cassanesi che avevano danneggiato.

Dopo tanto tempo e con in mezzo una intera consiliatura capeggiata dall’attuale sindaco, la vicenda non si è ancora conclusa.

L’hanno lasciata in eredità a noi e oggi stanno tramando per far apparire noi colpevoli e loro vittime di un fantomatico odio politico che viene tirato fuori a comando.

Davvero diabolico. Dopo lo show del vicesindaco partono a ruota le “oche del Campidoglio”che starnazzano il solito mantra: perché Vito Lionetti e il Vice Davide Del Re non hanno accettato una transazione di 72 mila euro?

E lo rispiego ancora una volta:

- si tratta di una sentenza definitiva che ha accertato una precisa responsabilità erariale;

- in una nota del dicembre 2014 la Corte dei Conti chiarisce che la sentenza 138/2012 ha condannato in via definitiva i soggetti indicati in via solidale e ha specificato di incassare l’intera somma dovuta da parte di ciascuno di essi;

- ci siamo attenuti a questa precisa indicazione dando mandato all’avvocato dell’Ente di agire in modo da recuperare il credito residuo di circa 84 mila euro: abbiamo pignorato lo stipendio del dott. Giuliani e ipotecato l'unico bene intestato ad altro condebitore (una porzione di casa non avente un valore utile a coprire il debito, ovvero di valore pari a 10.000/15.000 euro), atteso che tra i condannati gli altri risultavano nullatenenti;

- dal 2012 al 2014 tutto era rimasto fermo, pratica chiusa nei cassetti comunali e li sarebbe rimasta se io non avessi vinto le elezioni;

- l’atto di precetto é stato possibile notificarlo solo dopo aver ottenuto copia conforme della sentenza dalla Corte dei Conti di Roma perché in Comune non se ne trovava copia (stranamente sparita!);

- alla vigilia di Natale 2015 arriva immediata opposizione al nostro precetto con richiesta di sospensione; richiesta poi respinta dal tribunale. Solo da quel momento cominciano le proposte transattive (che si aggirano invero intorno ai 40.000 euro);

- io vengo querelato; al Comune di Cassano viene richiesto un risarcimento danni per 150 mila euro;

- a febbraio 2016 salta fuori un altro bene  immobile di proprietà di altro condebitore che vale di più ed è utile a recuperare la somma e sul quale pure si iscrive ipoteca;

- a seguito dell’ultima richiesta transattiva (che si aggira sempre intorno ai 40.000 euro) chiedo ulteriore parere alla Corte dei Conti che nel maggio 2016 così scrive: “... ad avviso di questo requirente .... non è consigliabile, all’attualità accettare la proposta di transazione avanzata dal difensore dei condebitori...”;

- a dicembre 2016 si consuma l’atto di tradimento nei miei confronti e questa vicenda ne è un movente fondamentale.

Io da dicembre 2016 non sono più Sindaco.

- l’avvocato dell’Ente scrive alla Segreteria Generale e al Commissario nei primi mesi del 2017 per ottenere indicazioni sulla proposta transattiva formulata e formalizzare così la richiesta di accordo del Giuliani (i 72.000 euro di cui parla l'Assessore Angelo Giustino) .

Risulta evidente che noi abbiamo solo fatto il nostro dovere ottemperando a quanto stabilito da una sentenza definitiva e dalle successive precisazioni della Corte.

Non c’è nessuna ragione personale o politica. Tutti gli escamotage giuridici, come la rinuncia all’eredità, pur legittima sul piano della difesa degli interessi personali sono assolutamente incompatibili con gli interessi della collettività e con il ruolo di Sindaco di una città e soprattutto rappresentano un cattivo esempio per i cittadini contribuenti, che sono così legittimati a trovare tutti i cavilli legali per non pagare le tasse.

Spero di aver contribuito ad “illuminare”tutti i cavalier serventi e commentatori compiacenti, che si stanno arrovellando sul perché non si è potuta accettare la proposta di transazione.

 

Commenti  

 
#26 Spinelli Vito Grazio 2018-11-16 10:52
X il signor Pi greco,
Complimenti per la sua educazione, non credo di aver mai offeso nessuno, tanto meno di aver usato toni, come i suoi, con alcuno. Forse però ha ragione, è meglio tornare a non fare il nulla, come mi ha detto, perché sicuramente non faccio i danni che fa lei, che poi vorrei capire cosa fa lei invece dato che è certo di fare bene. Le do nuovamente ragione quando dice che la politica non fa per me, infatti ha ragione, perché questa che lei considera politica non lo è, basta che sfogli il vocabolario, ma per comodità può vedere su internet, cosa significa politica e dirmi poi se questa è politica o se lo è quella che credo io, cioè agire per il paese e per i cittadini.
Per il resto non mi esprimo, perché non mi interessa, ognuno sceglie di votare chi vuole e ne ha diritto, specie se magari riceve un qualcosa in cambio.
Sono veramente rammarico di dover scrivere un commento piccato contro qualcuno, perché non è mio costume farlo, piuttosto preferisco uno scambio di idee di persona, ma ahimè non è possibile.
Rinnovo il mio intento di non fare altri interventi, questo sono stato costretto vista la mancanza di rispetto.
Buona giornata a tutti.
 
 
#25 preoccupato 2018-11-15 14:53
Lo scempio continua: avessero avuto un minimo di pentimento, non avrebbero continuato a condannare al lastrico il paese. Come si spiega l'indebitamento del comune per vent'anni per realizzare una piscina a Grumo? sono veramente marci dentro, altro che buonismo. Meritano la galera!!!!
 
 
#24 Pi greco 2018-11-15 14:41
Signor Spinelli torni a non fare il nulla.
La politica è altro e non le appartiene.
Io ho votato la lista X te e confermo il mio voto quale male minore.
Lei invece lasci stare.
 
 
#23 avvacado 2018-11-15 12:58
caro Spinelli visto che ti messaggi con Giustino, puoi chiedere chi pagherà gli avvocati che hanno difeso il comune nella causa intentata dalla sindaca o chi per lei, di risarcimento danni per 150.000,00 euro? La sindaca o chi per lei è stata condannata a pagare le spese legali per diverse migliaia di euro, chi pagherà?
 
 
#22 Spinelli Vito Grazio 2018-11-15 11:03
X comm. n°19 ma anche in generale
Non facciamo un mischione, io non sono come Giustino e tanto meno provo ad esserlo, al contrario, chiedete proprio a lui cosa gli ho detto durante la pausa del consiglio, tramite messaggio.
Poi francamente non capisco perché dite a me di essere il difensore di questo/a o quello/a, quando io ho attaccato tutti indistintamente e ho incluso anche gli altri colpevoli, a differenza di voi che al contrario difendete la passata amministrazione o quelle più vecchie.
Non ho fatto e non faccio alcun cenno sulle condizioni delle amministrazioni, anche perché non serve, poiché palesi agli occhi di tutti e io non scopro l'acqua calda. I voti ho cercato di guadagnarli per me, perché il mio interesse era, è e sarà solo quello di cercare di riportare Cassano dove merita e di riflesso i suoi cittadini, tra cui ci sono io e voglio tornare ad avere quell'orgoglio di dire, sono di Cassano e vivo a Cassano, cosa che molti o hanno perso o stanno perdendo.
Con l'attuale amministrazione non ho nessun interazione riguardante l'operato, perché..., vabbè lasciamo perdere l'argomento.
Detto auguro buona giornata e chiudo ogni mio intervento.
 
 
#21 avvocatiaspesenostre 2018-11-15 09:16
paghiamo per la sindaca due avvocati. Un assessore che dovrebbe difendere il popolo e che invece difende Di Medio e un avvocato che dovrebbe far incassare le somme dovute al Comune e che un Sindaco per bene avrebbe già pagato
 
 
#20 Baron 2018-11-15 00:57
Credo che in qualità di primo cittadino avrebbe dovuto aspettare e rispettare la sentenza nel bene o nel male....non rinunciando all'eredità
E nn dite che sono questioni personali perchè a sbandierare la notizia è stato proprio "l'avvocato del sindaco".
Io invece rinuncio ad essere governato da questa amministrazione.
 
 
#19 x Spinelli 2018-11-14 20:54
Basta Spinelli, ti stai arrampicando sugli specchi alternando tesi ora assolutorie, ora buoniste, ora di comodo.
Come fai a condannare "maggioranza ed opposizione, attuali e passate" quando hai chiesto (e spero non ottenuto) voti che hanno consentito ad una di quelle maggioranze - LA PEGGIORE - di tornare al governo di questa città?
Su su, finiscila oppure fai la figura di Giustino che invoca transazioni che non si potevano fare, come ampiamente detto e ridetto.
 
 
#18 volavolavola 2018-11-14 20:22
ma sindaco non si vergogna di guardare in faccia i Cassanesi ?
 
 
#17 Francesco citarella 2018-11-14 18:34
Si ripropone come sempre il tutti contro tutti.quello che va registrato è che a mia mia memoria non ricordo amministratori che di siano sprecati nell'interesse del paese. Cassano, è voce unanime, oramai è un grande dormitorio.non c'è nulla che attira la gente a venire e invece molto che spinge chi ci abita, ad andare via.ci sarebbe da scrivere una enciclopedia, ma valga uno per tutto. Cassano è una cittadina completamente isolata da tutta la parte n9rd della provincia. Chissà di chi ne la colpa.ora abbiamo una sindaca che scommette contro s3 stessa per dimostrare la propria....vogliam9 chiamarla incapacità? Ai posteri l'ardua sentenza.
 
 
#16 Vito Grazio Spinelli 2018-11-14 17:19
Scusate ma dove vedete una difesa per qualcuno/a da parte mia? Ho semplicemente detto che chi ha sbagliato deve pagare, anzi ho messo tra questi anche coloro che sono stati condannati e che come dite voi, va in giro strafottendosene, inoltre la strumentalizzazione di cui parlavo è proprio per questo, cioè che nell'attacco all'amministrazione non si fa cenno ad essi, quindi se si vuole che i colpevoli, paghino, si devono inserire anche questi. La strumentalizzazione è anche perché ogni volta si fa cenno che la vicenda è stata il motivo per cui la passata amministrazione è decaduta, quindi ora la si utilizza per vendicarsi, come un chi di spada ferisce di spada perisce. Ripeto e spero in maniera chiara, che per me è importante che chi sbaglia deve pagare, ho solo stigmatizzato il chi, che sembra essere al singolare e voi confermate essere al plurale. Riguardo a quanto detto dal Giustino, o allo squallore del consiglio comunale non ho espresso nessun giudizio a favore di uno o dell'altro, ma ho semplicemente detto che ora come ora serve una nuova classe politica in generale, per il nostro paese che metta questo al primo posto e non i propri egoismi.
Io non sono né avvocato, né giudice, come nessuno di noi commentatori lo è, almeno che non sia la propria professione, soprattutto riguardo al fatto che il sindaco debba essere d'esempio e agire in maniera retta, sono d'accordo, ma non si può fare altro perché ognuno di noi può dire ciò che vuole, ma chi deve agire lo sa cosa deve fare e ciò che deve fare non siamo noi a stabilirlo ma la legge e chi ha il compito di fare il modo che venga rispettata, certamente agirà in tal senso.
Ripeto nuovamente, io non sono il difensore di nessuno, ancor che della amministrazione, alla quale non sono legato se non dal fatto che mi ha concesso la possibilità di candidatura, per cui ho ringraziato, ma nulla più. Inoltre ripeto che chi sbaglia deve pagare.
Spero di essere stato chiaro.
 
 
#15 Basil 2018-11-14 16:34
Se quella tributaria cosi orchestrata andava a buon fine e non ci fosse stato qualcuno.... che smascherava e riportava la legalità, noi cittadini tassati e stratassati staremmo tutti sul lastrico, alla faccia dei concertisti che per ben 50 anni [ figli, nipoti e stranipoti ]avrebbero fatto la vita da nababbo alla faccia degli onesti cittadini svendendo pure il paese. Gli è andata male ed è giusto che paghino [figli, nipoti e stranipoti]. L'unica vendetta evidente è di chi continua ad amministrare portando il paese alla deriva.
 
 
#14 pentapentito 2018-11-14 15:30
Prendiamo atto che questa classe politica non vale un caxxo, parola di Spinelli.
 
 
#13 x spinelli 2018-11-14 15:30
Spinelli ma cosa scrive?
Equitalia secondo lei dovrebbe andare dai morosi con il cornetto ed il cappuccino?

Qui vediamo sta gente protagonista di sta storia indegna andare in giro con fuoriserie da capogiro, dispensare sorrisi ai bar fra un aperto ed un prosecco raccogliendo applausi sui palchi e non avendo pagato un euro… e poi tutti gli improvvisi nullatenenti come se non sapessimo delle loro proprietà e dei loro redditi.
Questa storia va chiusa ed i consiglieri comunali di maggioranza sembrano come i parlamentari che per mantenere la poltrona votarono che Ruby era la nipote di Mubarak.
E finiscila di difenderli. Questi sono il peggio mai accaduto per Cassano e ti è andata bene di non essere stato mai eletto.
 
 
#12 francesco c. 2018-11-14 15:09
Spinelli continui a non capire che, chi sta strumentalizzando la vicenda facendo del vittimismo spicciolo e degradante, è proprio qualche membro della maggioranza, che bene avrebbe fatto a tacere evitando di fare l'arringa alla Perry Mason dei miei stivali. Poi vi è un altro aspetto, e se il Giudice avesse accolto il ricorso del defunto e quindi la richiesta del risarcimento del danno per ben 150.000,00 euro, soldi dei contribuenti cosa sarebbe accaduto? Quindi Spinelli neanche noi abbiamo l'anello al naso. Goditi i tuoi beniamini.
 
 
#11 XTe 2018-11-14 14:51
Avete riportato un clima di odio e terrore a Cassano. Le vostre menzogne. La vostra arroganza. Altro che Gentile! A confronto si stava oro! Tornerete nell’oblio, da dove siete venuti. E finalmente cassano sarà libera!!!
 
 
#10 De crescenzo 2018-11-14 14:20
Ancora....ancora....ancora.....AVAST!
 
 
#9 checco 2018-11-14 13:54
MA L'AVVOCATO DIFENSORE DELLA DI MEDIO E' GIUSTINO O SPINELLI VITO GRAZIO...
NON TI SMENTISCI MAI
 
 
#8 Spinelli Vito Grazio 2018-11-14 12:40
X morena, ma valido per tutti,
il mio commento non è per dire che non si è sbagliato, che non si deve pagare, o via dicendo, al contrario di quanto si possa pensare, io condanno tali comportamenti sbagliati e chi sbaglia DEVE pagare,ma è che ora si sta strumentalizzando la vicenda non perché si ha a cuore l'interesse economico dei cittadini a cui si è fatto il torto bensì lo si usa per vendetta e per restituire pan per focaccia, mi spiego, si sta usando la vicenda per indurre l'attuale amministrazione a dimettersi spingendo sul discorso degli uomini o donne di legge, x creare quel gioco di "tradimento" che si è subito come arma di vendetta. Se fosse stato l'interesse economico della cittadinanza il motivo ispiratore, il motivo di tutto ciò, perché si insiste solo con il sindaco? Gli altri condannati che sono in vita perché non vengono citati e criticati? Quest'ultimi che dichiarano di essere nullatenenti, dico che l'anello al naso lo indossavano le mucche nel passato e non i cittadini, perché tutti sappiamo che in passato la politica o chi si candidava, specie nei piccoli paesi come il nostro, era fatto da gente provenienti da grandi famiglie o gente di un certo livello sociale, sfido chiunque a smentirmi, per cui tutto erano tranne che nullatenenti. Che chi sbaglia, paga, che le leggi vanno rispettate, applicate e non interpretate, è sacrosanto, chiaro e condiviso. Il sindaco dal canto suo deve dare l'esempio ed è per questo che ho suggerito la mia proposta.
Quindi se chi ha preso questa strada di giochi di vendetta, non ha questo come fine, ma l'interesse cittadino, deve cambiare il modo di agire e naturalmente chi ha sbagliato deve pagare, le modalità le stabilisce la legge o chi ha il compito di farle rispettare, purché si faccia e si restituisca il dovuto alla cittadinanza, chiudendo un capitolo davvero triste sotto molti aspetti.
 
 
#7 gazzettino ufficiale 2018-11-14 12:18
Per fortuna che tutto il paese sa come stanno le cose e perché sta li, altrimenti, non si spiegherebbe il suo coinvolgimento in un momento particolare della sua vita. Solo ed esclusivamente interessi personali.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI