Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Vito Lionetti alla Di Medio: "paghi il debito o si dimetta"

vito lionetti piccola

Dall'ex Sindaco di Cassano delle Murge Vito Lionetti, riceviamo e pubblichiaamo una "Lettera Aperta" all'attuale prima cittadina Maria Pia Di Medio sulla vicenda dela Tributaria Intercomunale.

 

Ricordo ancora le elezioni del maggio 2014 che ci videro contrapposti. All’epoca io aderii ad una sua richiesta di incontro pubblico per realizzare una campagna elettorale “pacifica”. Poi io vinsi le elezioni e lei si arrabbiò molto. Dissotterrò l’ascia di guerra e tutti i proclami di pace andarono a farsi benedire. Quell’offerta di pace era stata pura ipocrisia . Infatti dopo pochi giorni dal mio insediamento chiese a gran voce le mie dimissioni perché aveva scoperto alcune frasi della premessa del nostro programma elettorale riprese da quello di un altro comune. Scatenò una campagna denigratoria nei miei confronti. Insomma la tipica reazione di chi “guarda la pagliuzza nell’occhio del proprio fratello e non si accorge della trave nel proprio occhio”.

Addirittura lei scrisse che mi dovevo vergognare e quando le ricordai  che lei durante tutto il suo mandato aveva omesso di recuperare al comune di Cassano circa 100 mila euro mi beccai una querela. Querela ovviamente archiviata perché avevo solo detto la verità. Ora quella trave è ancora nel suo occhio e ancora una volta lei fa finta che non ci sia.  Ancora una volta sta cercando di rallentare, insabbiare, far dimenticare. Persino i più loquaci componenti della sua maggioranza, quelli che si azzuffano quotidianamente sui social per difenderla, su questa vicenda stanno zitti. È la consegna del silenzio. Meno se ne parla meglio è.

Ma neanche il silenzio potrà nascondere il suo insanabile conflitto di interesse. Lei deve fare una scelta, che prima di essere contabile è di natura etico morale. Lei ha il dovere prima di tutto morale, oltre che economico, di difendere gli interessi della comunità che rappresenta. D’altra parte ha anche il diritto a difendere l’interesse suo personale e della sua famiglia.

Si renderà conto che le due cose sono inconciliabili. Sotterfugi, espedienti tecnico giuridici sono solo un modo per tenere due piedi in una scarpa e come tali immorali. Altro che educare al rispetto della cosa pubblica, come ha scritto recentemente. Cominci a dare l’esempio.

Lei deve decidere: come sindaco deve restituire i circa cento mila euro che spettano ai cittadini cassanesi. Se invece pensa di non doverlo fare, si deve dimettere. Se sceglierà una inesistente terza via legittimerà ogni cittadino, seguendo il suo esempio, a decidere se versare o meno i tributi al comune a proprio piacimento. Non avrà più nessun diritto, per esempio, a chiedere a noi insegnanti di sollecitare il pagamento della mensa ai genitori inadempienti. A proposito.  Si rende conto della difficoltà che può avere un padre di famiglia in disoccupazione o in cassa integrazione ad arrivare alla fine del mese? Forse è per questo che qualcuno ritarda a pagare la retta per la mensa del proprio figliolo? Queste persone così come tante altre che sono in condizione di disagio sociale vanno aiutate e lei non può dire che non ci sono le risorse. No. Proprio non può farlo. Capisce l’urgenza di recuperare quei 100 mila euro? Ha fatto un conto sui servizi che può offrire ai suoi cittadini più deboli? Delle opere che può realizzare per rendere più vivibile la nostra città? Decida dunque ed eviti a questa città e al suo popolo, anche a quello che le ha dato fiducia  non solo il degrado, che è ormai sotto gli occhi di tutti, ma soprattutto una ingiusta deriva morale.

 

 

Commenti  

 
#19 nasa 2018-11-07 16:16
Fustigatoresoft informarsi è dovere e quanto tu scrivi Lionetti da sindaco lo ha fatto e ciò che non fatto è solo perché c’erano dei procedimenti ancora in corso.
Ora tutto è definitivo. Bisogna agire e recuperare il recuperabile da ciò che rimane di proprietà dei condannati ed eredi. Quasi nulla.
Tieni la bocca chiusa.
 
 
#18 Fustigatoresoft 2018-11-07 14:48
Buon pomeriggio, per il maestro Lionetti ex Sindaco : come mai adesso gridi a gran voce che la Sindaca deve pagare il suo debito oppure deve dimettersi? Mi risulta cge la sentenza di condanna inappellabile è stata emessa prima che Tu vincessi le elezioni perché non hai usato tutti gli strumenti che la legge mette a disposizione per il recupero del credito vantato dal Comune di cui eri allora Sindaco compreso i decreti ingiuntivi verso il condannato? Cosa pretendi ora che la Sindaca si masochizzi ora ? Hai perso un’occasio Per stare zitto o meglio parlando e sbraitando hai evidenziato i tuoi limiti culturali e valutativi dell’evento in questione.

LA REDAZIONE

Lei deve aver perso qualche passaggio.
Legga qui: http://www.cassanoweb.it/attualita/28411-tributaria-il-tribunale-rigetta-il-ricorso-lionetti-qavevo-ragione-ioq.html
 
 
#17 Rina 2018-11-06 13:42
Io non pago più un centesimo al comune di Cassano fino a quando il primo cittadino non paga il debito nei nostri confronti.....ve mo ve!
 
 
#16 Pinna 2018-11-06 00:40
Condivido pienamente con il commento 10.
Per commento 1, se qualcuno dovesse a te 100 euro? Quei soldi appartengono alla collettività.....e voglia ad aspettare!
 
 
#15 Gino 2018-11-05 18:21
Caro Lionetti,
io direi paga il debito e dimettiti :cry:
 
 
#14 Chiwawa 2018-11-05 18:04
E se iniziassimo a non pagare le varie imposte comunali? Sveglia cassanesi... siamo tutti dei burattini
 
 
#13 cin cin 2018-11-05 16:53
E' pensabile che l'autodistruzzione del paese è le vendetta di chi ci sta amministrando!!!!
 
 
#12 avv 2018-11-05 15:20
secondo me si configura il reato di abuso d'ufficio e tanto altro
 
 
#11 Attento a tutto 2018-11-05 14:56
Ma il debito il marito del sindaco non lo aveva tutto già pagato?
 
 
#10 al lupo al lupo 2018-11-05 13:21
Ai commenti n°1 e 5 rispondo solo dicendo che non va giustificato assolutamente un mancato risarcimento al nostro Comune che la giustizia ha sentenziato. Pertanto da cittadino di Cassano chiedo al Sindaco di adempiere alla somma che deve restituire affinché si possa usufruire di qualche agevolazione ai meno fortunati. Robin Hood non ié nud!!
 
 
#9 Piu che giusto 2018-11-05 12:34
....mi sembra doveroso normale e più che giusto la restituzione di questi soldi al paese con tanto di ricevuta . Non non apparteniamo alla vostra volgare autodistruzione .
 
 
#8 leghista terrone 2018-11-05 11:23
Il nostro efficientissimo e competente Sindaco, a soluzione bonaria della questione, può sempre proporre alla comunità cassanese una rateizzazione in 80 anni e magari a interessi 0, a condizione di essere rieletta per i prossimi 16 mandati (salute permettendo). Salvini insegna. :lol:
 
 
#7 liberosempre 2018-11-05 11:02
Adesso capisco perché qualcuno ha abbandonato la nave prima del tempo. Offuscare la propria moralità sarebbe stato devastante, +++MODERATO+++
 
 
#6 basile 2018-11-05 10:54
L'unica cosa buona fatta fino ad oggi.
Bravo Vituccio.
 
 
#5 Giovanni L 2018-11-05 10:35
Lionetti io non mi sono dimenticato i disastrosi 3 anni della sua amministrazione.
Per fortuna che il suo partito il pd di Cassano ha fatto l'unica cosa buona mandandola a casa.
Anche loro capendo dei disastri del partito a livello locale hanno avuto un momento di ulteriore intelligenza mandandosi da soli a casa.
Oggi scomparsi
 
 
#4 go.pi. 2018-11-05 09:31
Credo sia il pensiero di tutte le persone oneste di questo paese. I nodi sono arrivati al pettine. Che si chiuda definitivamente questa storia dopo 20 anni e dopo che si è giocato a perdere tempo con gli azzeccagarbugli. ALtrimetni migliaia di cittadini si sentiranno autorizzati all’anarchia tributaria per le inadempienze di pochi furbacchioni.
 
 
#3 renato t. 2018-11-05 08:36
Vito hai ragione da vendere, speriamo che la tua lettera scuota le coscienze di coloro che in questo momento amministrano il paese e che si ritengono onesti ed eticamente affidabili.
In questa compagine sono molti i rappresentanti dello stato che dovrebbero reagire con forza. Se non lo faranno capiremo di che pasta sono fatti.
 
 
#2 francesco c. 2018-11-05 08:25
Caro Vito, se pensi che si possa dimettere stai fresco. E' una figura messa li per volontà dei suoi amici e soprattutto dei poteri forti.
Adesso tocca a noi certificare la sua noi idoneità ed incompatibilità nel ricoprire la carica di primo cittadino. L'idea di non pagare le tasse non è male.
 
 
#1 Liucu 2018-11-05 08:07
Ma gli altri debitori hanno pagato? Anche coloro che non ci sono più o vi state accanendo nella speranza di ritornare a fare il Sindaco?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI