Lunedì 19 Novembre 2018
   
Text Size

Zullo interroga Emiliano sulla vicenda della piscina a Grumo

Ignazio Zullo buona

Interrogazione urgente del presidente del gruppo regionale di Direzione Italia/Noi con l'Italia, Ignazio Zullo. 

“Quasi 800mila euro/anno per tre anni, 2018/2020, al Piano di Zona dei Comuni di Grumo Appula, Toritto, Sannicandro, Binetto, Cassano Murge e Acquaviva delle Fonti da destinare ai servizi socio-sanitari. 

Nulla di straordinario, certo poche risorse per bisogni enormi ed esistenziali, se non vi fosse uno straordinario caso di fantasia amministrativa ad opera del Comune di Grumo Appula che, impegna in un project financing per circa 80.000 euro all'anno da pagare a partire dal 2020 per 20 anni per la realizzazione di un centro sportivo con piscina natatoria coperta e delibera con i Sindaci dell'ambito, di prelevare 40mila euro annui dai soldi del Piano di Zona.

Insomma, nulla a che vedere con disabili, con i bisogni socio-sanitari, con impegni di spesa ventennali che nulla hanno a che fare con i Piani di Zona che hanno una durata di tre anni. 

Si dirà che le attività in acqua possono sicuramente portare beneficio a persone affette da disabilità, ma esiste a Toritto, a 3/4 chilometri una piscina riabilitativa per disabili proprio nel presidio poliambulatoriale della ASL, mentre piscine coperte e climatizzate sono presenti in tutti i Comuni limitrofi facilmente raggiungibili. 

Molto in gamba il Sindaco di Grumo, chissà se lo sono i Sindaci di Toritto, Cassano, Binetto e Sannicandro e quanto questi tengono alla corretta gestione delle poche risorse destinate all'assistenza sociosanitaria. Ma c'é un ruolo della Regione che non va sottovalutato: controlla ciò che fanno nei Piani di Zona? Per questo ho presentato un'interrogazione urgente al presidente Emiliano e all'assessore alle Politiche sociali, Ruggeri, per sapere se sono a conoscenza di come vengono utilizzate le risorse del Piano Regionale delle Politiche Sociali e se queste sono in grado di garantire impegni di spesa ventennale. 

La sensazione è che i controlli sui fondi regionali erogati non vengano fatti e che qualche Sindaco sviluppa una creatività in barba ai bisogni di persone fragili e deboli che attendono assistenza e si sentono dire che non ci sono soldi”. 

 

Ecco di seguito, il testo della Interrogazione Urgente:

 

 

Al Sig. Presidente del Consiglio Regionale

                                                                                         

Piano di Zona ambito Grumo Appula-project financing per piscina sportiva

Premesso:

con DGR 2324 del 28/12/2017 è stato approvato il IV PIANO REGIONALE DELLE POLITICHE SOCIALI2017/2020 da attuarsi tramite il Piano di Zona a cura dell'Organo di Governo  istituzionale di cui fanno parte i Sindaci dei Comuni ricompresi nell'ambito distrettuale e il Direttore Generale dell'ASL territorialmente competente ai fini dell'integrazione socio-sanitaria.

Il Piano assegna all'ambito Grumo Appula, Toritto, Sannicandro di Bari, Binetto, Cassano delle Murge e Acquaviva delle Fonti per la prima annualità del triennio 2018/2020 euro 719.918,40  ai quali si aggiungono le risorse proprie da bilancio di ciascun Comune aderente all'ambito e le risorse della ASL occorrenti per le attività di integrazione sanitaria per attuare gli indirizzi politici di sostegno alla fragilità.

Le risorse assegnate sono funzionali al raggiungimento dei seguenti obbiettivi tematici:

a)Promuovere e sostenere la prima infanzia, i minori e le famiglie

b) Contrastare le povertà con percorsi di inclusione attiva

c) Promuovere la cultura dell’accoglienza e potenziare il+welfare d’accesso

d) Promuovere e assicurare la presa in carico delle disabilità e delle non autosufficienze

e)Prevenire e contrastare il maltrattamento e la violenza

Il tutto ovviamente in continuità e in miglioramento/potenziamento dei risultati raggiunti in attuazione del precedente Piano Regionale delle Politiche Sociali.

Va rilevato che:

La fantasia di certi amministratori locali certe volte è davvero senza confini. E’ il caso, ad esempio, del Sindaco di Grumo Appula comune capofila il quale,   con Delibera di Consiglio Comunale di Grumo n° 280 del 25/10/2013 si impegna a partire dal 2020 e per 20 anni a finanziare un project financing finalizzato alla realizzazione di un centro sportivo con piscina coperta climatizzata con €. 79.300,00/annui

Fin qui nulla da obiettare se non per quanto accade in data 02/08/2018 poichè in quella data viene adottata la Delibera n° 18 del Coordinamento dell'Ufficio di Piano con la quale i Sindaci dei Comuni dell'ambto ( assente Acquaviva delle Fonti e il Direttore Generale dell'ASL) assumono l'impegno di finanziare il project financing con €. 40.000,00/annui da attingere alle risorse del Piano di Zona con l'asserito scopo di riservare un budget di servizi socio-assistenziali per favorire l'accesso alla realizzanda piscina di persone fragili, associazioni sportive e istituti scolastici

Va considerato:

che nel Comune di Toritto, distante da Grumo Appula non più di 3-4 KM., nell'ambito del presidio poliambulatoriale ASL è presente una piscina riabilitaiva per disabili

che nei Comuni dell'ambito sono funzionanti piscinead uso natatorio anche coperte e climatizzate

la durata dell'impegno finanziario-ricordiamo 20 anni a partire dal 2020- è inconciliabile a mio avviso con la programmazione triennale delle politiche socio-assistenziali dei Piani di Zona e con la certezza che fino al 2040 dette politiche non vengano modificate strutturalmente, funzionalmente, organizzativamente ed economicamente

Tutto ciò premesso e considerato, interrogo il Presidente della Giunta Regionale e l'Assessore alle Politiche Sociali per comprendere:

1. se sono a conoscenza del Deliberato assunto dall'Ambito Territoriale Sociale di Grumo Appula DSS 5 ASL BARI illustrato in premessa

2. se tale deliberato è in linea con le direttive e con gli obbiettivi assunti nel PIANO REGIONALE DELLE POLITICHE SOCIALI2017/2020 e se è legittimo impegnare €. 40.000,00/annui per 20 anni fino al 2040 sulle rimesse regionali finalizzate ad attuare gli interventi del predetto PIANO REGIONALE DELLE POLITICHE SOCIALI2017/2020

3. se le politiche sociali regionali si svilupperanno con le attuali modalità fino al 2040 in modo tale da garantire che, ove lo riteniate legittimo, si realizzi la copertura di spesa per tutti i 20 anni previsti per il project financing

4. perchè non viene utilizzata la piscina riabilitativa esistente nel Comune di Toritto, distante da Grumo Appula non più di 3-4 KM., nell'ambito del presidio poliambulatoriale ASL

5. se ritenete che le finalità sottese dalla Delibera 28/2018 dell'ambito sono in linea con gli obbiettivi del PIANO REGIONALE DELLE POLITICHE SOCIALI2017/2020 perchè per finalità sportive non è più utile utilizzare le piscine esistenti nei Comuni dell'ambito attraverso accordi e convenzioni con i gestori e perchè non è stata fatta alcuna valutazione comparativa sull'economicità e sul rapporto costo/benefici e costo/efficacia?

6. quali controlli si esercitano sulla spesa dei fondi erogati per i piani di zona?

 

Commenti  

 
#8 Ponko 2018-11-05 06:39
Grande Zulllo e voglia sempre su questi paesi citati in questo argomento e altri argomenti che verranno e devi dire ai sindaci di questi paesi che "va Busco Un e fess"
 
 
#7 Antonio P 2018-11-02 21:42
Grande Zullo puntuale come sempre, rispetto ai politicanti quaquaraquà locali sei un gigante, non regge il confronto.
Grazie al tuo modo di fare mi sto riavvicinando alla politica.
 
 
#6 Enzo 2018-11-02 15:43
Ma le altre amministrazioni cosa hanno fatto!! Grazie dott. Zullo, ma a cose fatte è troppo facile dare colpe a altri………….!!
 
 
#5 Ignazio Zullo 2018-11-01 18:54
Ad Enzo: non servivano interpellanze ma il parere favorevole VIA, VAS e VINCA essendo la zona tutta vincolata paesaggisticamente. La Commissione era sul negativo. Ho ritenuto opportuno svolgere un'azione diversa dall'interpellanza poiché si correva il rischio che avrebbe messo in luce l'orientamento negativo della Commissione. Bisognava invece convincere la Commissione sulla necessita dell'opera e sulla compatibilità del progetto con il paesaggio. Con i vertici della Maugeri che ha sempre creduto in Cassano abbiamo interagito per ottenere la mediazione della Barbanente prima e della Curcuruto dopo e a settembre 2017 la variante ha ottenuto il parere favorevole VIA,VAS e VINCA. Per ben tre volte con i colleghi di opposizione al Comune ho sollecitato la Sindaca a concludere il procedimento in consiglio ma senza ascolto finché la Maugeri ha comunicato il trasferimento. Solo dopo la comunicazione del trasferimento la Sindaca si é decisa ad andare in Consiglio, a buoi ormai scappati, approvando il progetto in deroga, un provvedimento inutile, sbagliato sul piano giuridico e dannoso per un'evoluzione futura dell'immobile. Tutto quello che ho scritto é dimostrabile
 
 
#4 Zulp 2018-11-01 18:05
Ma perfavore.....
 
 
#3 Enzo 2018-11-01 14:13
Ma il dott. Zullo come mai non è stato così "irterpellante" anche per la situazione dello spostamento della clinica Maugeri!!??
 
 
#2 Gino 2018-11-01 10:25
ma la Di medio non è per caso un medico??? :cry: a sto punto direi di no :o
 
 
#1 Marco tinelli 2018-10-31 22:11
Grazie zullo per l'ottima interpellanza.
Spero la di medio capisca
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI