Mercoledì 21 Novembre 2018
   
Text Size

Maria Pia Di Medio: "Costituiremo un bio-distretto"

biodistretto

Il 5 luglio scorso si è tenuto il secondo incontro sulla tematica del Bio-distretto, coordinato dal consigliere Antonio Stragapede, delegato “Coordinamento e promozione dello sviluppo economico della Città Metropolitana di Bari: -Il settore da me rappresentato deve avere un ruolo determinante nel coordinamento dell’istituzione dei distretti, in alcune aree pilota, poiché rientra sia nella strategia di pianificazione del protocollo sottoscritto dalla Città M. di Bari, università ed Enti di ricerca nel 2017 sia nella legge di Bilancio 2018, iniziativa voluta dal MIPAAF.

Aggiunge: -Questa è un’occasione imperdibile per creare sinergie e una stretta integrazione delle politiche “trasversali” per la ricerca, l’innovazione, la competitività, l’internazionalizzazione, la formazione, sensibilizzazione sul cibo di qualità e a km0, creando di conseguenza, un circuito virtuoso dove gli agricoltori locali sono i fornitori principali di mense scolastiche, ospedaliere e della ristorazione bio a km0. Avverto l’esigenza di promuovere lo sviluppo del territorio dedicando attenzione ad alcuni settori strategici dell’agricoltura di qualità: agricoltura sociale, mercatini urbani biologici, turismo esperienziale, insomma produrre cibo sano per generazioni future sane, questo è possibile sono coinvolgendo gli stakeholders che operano nell’area della Città Metropolitana di Bari.

Incisivo il ruolo del Sindaco di Cassano delle Murge Maria Pia Di Medio che ha determinato la partecipazione al tavolo di ben dieci sindaci e delegati, dell’area Metropolitana: Cassano delle Murge, Sannicandro, Bitetto, Toritto, Grumo Appula, Santeramo in Colle, Poggiorsini, Gravina in Puglia, Altamura e Acquaviva delle Fonti. Il Sindaco Maria Pia Di Medio: -L’obiettivo è dar vita ad un Bio-distretto il cui leitmotiv è creare un gruppo di lavoro che promuova e valorizzi l’area interessata attraverso il cibo bio-.

Presente anche una delegazione guidata dalla presidente Aiab Puglia Patrizia Masiello “Il biodistretto – aggiunge la presidente - è un’area vocata al biologico in cui produttori, consumatori e istituzioni stringono un patto per lo sviluppo del territorio. Le istituzioni accompagnano questo processo, ma i veri protagonisti sono gli agricoltori e i consumatori. In Italia abbiamo una ventina di biodistretti, dalla Lombardia alla Calabria, dal Piemonte alla Basilicata: sono anche luoghi di sperimentazione per arrivare a sistemi di certificazione più snelli e modelli di produzione ecosostenibili”..

Il 26 luglio alle ore 19.00 presso la Sala Giunta della Città Metropolitana si terrà il III tavolo di lavoro.

 

Commenti  

 
#6 Per redazione 2018-07-16 20:00
Gentile redazione, un appunto: siete sempre correttamente solerti a cancellare o moderare alcuni commenti pregni di parole poco consone. E questo vi fa senza dubbio onore. Ma mi chiedo e vi chiedo: come mai nel primo commento è stata lasciata la parola "indegna"? E soprattutto: non c'è modo di scrivere il grassetto nel commento. Lo avete addirittura messo voi? Perché tale comportamento? Grazie e buon lavoro

LA REDAZIONE

Non è vero che non c'è modo di "grassettare" le parole: basta cliccare sulla prima icona, quella contrassegnata dalla B dunque non l'abbiamo inserito noi. La parola è chiaro che si riferisce alla carica politica e non alla persona dunque nel'ambito del pur aspro scontro politico anche un "insulto" ci sat.
 
 
#5 Teodosio 2018-07-14 15:25
Stanco, mi dispiace ma purtroppo è così, sai quante abitazioni ci sono in vendita da anni in paese e ovunque, residence compresi?! Purtroppo è tutto alla deriva, 0 lavoro, 0 imprese, 0 aziende, 0 negozi di abbigliamento, non ci si può comprare nemmeno un paio di scarpe, non li vende nessuno, tranne quelle contraffatte che si trovano sulle bancarelle al mercato del venerdì. Nessuno vuole più vivere qui. Gli albanesi stanno scappando, ho detto tutto.
 
 
#4 Stanco 2018-07-11 20:49
Purtroppo è diventato difficile anche vendere la propria casa in questo paese. Me ne voglio andare ...... speriamo al più presto.
 
 
#3 volavolavola 2018-07-11 10:15
cerca di rendere Cassano BIO , altro che chiacchiere se un gentiluomo non avesse pulito la fontana avremmo allevato miliardi di batteri bio e a km 0 , solo inutili parole senza mai un riscontro
 
 
#2 Mah 2018-07-10 21:44
Mah! Che dire! Tutte parole, ... cose già dette e sentite ... Ma mai viste. Ogni volta sembra che il paese sia alla vigilia di chissà quale traguardo di irresistibile sviluppo. Poi al mattino dopo, non c'è mai nulla, quando si dissolve la nebbia delle parole. Cuore della Puglia, Cece nero, borghi autentici, e bibì e bla bla, e dudù e dadá, cittadini amorosi, ... Sciamaninn a colk, ca cré a ma sci ad accoggh i frask
 
 
#1 farinella 2018-07-10 17:26
Son contento, almeno fra un cumulo di monnezza e i bidoni non svuotati ci saranno nuove promesse ma rigorosamente BIO.
DIMETTITI!
INDEGNA!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI