L'Amministrazione: "Cassano tornerà perla della Murgia"

1 copy copy copy

Il sogno è far tornare Cassano a risplendere come “perla della Murgia” e il primo passo è il finanziamento per la “rigenerazione urbana” da 2 milioni di euro che il Comune di Cassano ha ottenuto dalla Regione Puglia.

A suggellare l’impegno dell’Amministrazione Di Medio, la presenza, ieri sera in Sala Consiliare, dell’Assessore regionale Alfonso Pisicchio, in un incontro con la cittadinanza al quale hanno partecipato il la Sindaca Maria Pia Di Medio, Sindaco di Acquaviva Davide Carlucci, che assieme a Cassano ha presentato il progetto classificatosi in terza posizione ed ottenendo, complessivamente, oltre 4 milioni e mezzo di euro; l’assessore alla rigenerazione urbana Michele Campanale, presentati dalla Consigliera comunale Francesca Marsico, Presidente della Seconda Commissione Consiliare permanente.

Cosa sarà fatto con questi 2 milioni di euro?

L’architetto Tufariello, che grazie all’impegno dell’Associazione Centro Storico, nel 2013, sottoscrisse il protocollo d’intesa con il nostro Comune, ha illustrato la strategia complessiva e il percorso che la stessa ha seguito, fatto di condivisioni e discussioni nonché ascolto del territorio e dei cittadini e per il quale non ci sono ancora le progettazioni dato che il Comune ha 120 giorni di tempo per presentarle in Regione, dopo la sottoscrizione dell’accordo sul finanziamento.

Le idee, però, ci sono già. L’Amministrazione Comunale vorrebbe, innanzitutto, recuperare alcuni villini dell’ex Garden Village, il complesso residenziale su via Mercadante, al centro di una complessa vicenda giudiziaria. La destinazione sarebbe principalmente “sociale”  e in particolare le villette verrebbero recuperate per essere date a famiglie senza casa.

L’altra direttrice strategica è avvicinare il paese alle Murge e in particolare alla Foresta di Mercadante con il recupero della strada panoramica che, da via “Zippo Zippo”, porti al grande polmone verde, con una pista ciclabile e pedonale, in tutta sicurezza; il che porterebbe a rendere finalmente fruibile anche la ex “cava grande” per spettacoli all’aperto e attività ludiche.

 

2

 

La Sindaca cassanese ha sottolineato l’impegno e la continuità amministrativa che sta dietro questo risultato, essendosi avvicendate per lo stesso ben tre amministrazioni mentre Carlucci ha auspicato maggiori e più intense sinergie fra le due comunità affinchè pur nelle diversità ci sia un lavoro in comune.

L’Assessore Pisicchio, poi, ha rimarcato la necessità che i nostri paesi tornino ad essere vissuti e migliorati perché c’è bisogno di bellezza ovvero “qualità della vita e dignità per tutti”;  per Pisicchio “la rigenerazione urbana non è soltanto il recupero di uno o più beni immobili, una semplice ristrutturazione ma il ripensamento di spazi che devono diventare vivi e vitali per il bene della collettività”.

Solo due gli interventi del pubblico, entrambi incentrati sul nodo cruciale dell’ex Garden Village: è acquisito al patrimonio del Comune di Cassano ma su di esso pende un pronunciamento della magistratura per cui a breve potrebbe tornare in mano al vecchio proprietario. “Abbiamo già cominciato ad affrontare la questione” ha detto la Di Medio “e in questi mesi la risolveremo” .

 

 

 3