Martedì 19 Giugno 2018
   
Text Size

La Sinistra cassanese riparte da Vito Lionetti e Davide Del Re

vito e bersani copy

Riparte da Vito Lionetti, assieme a Davide Del Re, la sinistra cassanese. Rotti, oramai da un anno, i rapporti con il Partito Democratico di Davide Pignatale, l’ex Sindaco di Cassano si è avvicinato al gruppo dei bersaniani e di Articolo 1 e domenica scorsa, assieme al suo ex vice-sindaco ha partecipato alla manifestazione barese che ha visto proprio Pier Luigi Bersani come ospite d’onore, assieme a tanti compagni (ex Sel, delusi del Pd, socialisti, ambientalisti, ecc.) che stanno provando a coagulare le tante anime della sinistra italiana in vista delle prossimi elezioni politiche di marzo ma anche per dare una prospettiva più lunga ed ampia, alterativa al Pd di Matteo Renzi, il Segretario nazionale del Partito che pure era stato salutato dallo stesso Lionetti come una piacevole novità tanto che, dopo anni di lontananza, l’ex Sindaco cassanese si era  tesserato nuovamente al Pd, vedendo nel Matteo nazionale il traghettatore verso una sinistra moderna e coesa.

Così, evidentemente non è stato: le prese di posizione su lavoro, contratti e art. 18 del governo Renzi hanno lasciato il segno su gran parte del popolo della sinistra, tanto più in un sindacalista come Lionetti. La “congiura di palazzo” come lui la chiama, quella che giusto un anno fa fece decadere l’Amministrazione a sua guida dopo due anni e mezzo di mandato, con buona responsabilità del Pd cassanese, fecero il resto, decretando l’allontanamento definitivo dal partito.

Del Re, che viene da una storia anche familiare di sinistra, dopo qualche incertezza nel 2009, abbracciò il socialismo di Introna e soprattutto quel “SEL” che fu di Nichi Vendola, diventandone Segretario cittadino. la scarsa attività del partito e qualche mal di pancia, ne decretarono la fuoriuscita da parte dei vertici provinciali.

Ora Lionetti e Del Re si muovono sulla ritrovata unità di tanti partitini e movimenti sotto la sigla di “Liberi e Uguali” con Pietro Grasso leader designato alle prossime elezioni nazionali, con inevitabili ripercussioni sulla vita politica cittadina.  Certo le elezioni amministrative sono lontanissime e lo spacchettamento dei voti della sinistra cassanese in tanti rivoli non agevola il compito ma come ogni cosa c’è sempre un inizio. Poi si vedrà.  

 

Commenti  

 
#19 picciafuoco 2017-12-26 11:30
In altri termini la sinistra cassanese riparte da zero.
 
 
#18 Facc 2017-12-26 10:26
Lionetti non ha avuto la faccia di dimettersi lo hanno fatto cadere i suoi ex amici traditori, dopo tre anni da dimenticare per incapacitá dell'intera amministrazione. Poveri noi
 
 
#17 X indignato speciale 2017-12-24 10:20
Fammelo capire. A parole tue.
La Di Medio è stata cinque anni al governo con risultati catastrofici: non ha fatto nulla, ha aumentato le tasse, ha lasciato un paese sciatto e allo sbando, si è riporiposta per la sua presunta buona amministrazione ed i risultati sono peggiori delle aspettative.
Pignatale dopo aver affossato una amministrazione, un partito e perso le elezioni è ancora in sella.
Zullo lo conoscono tutti, amato (per forza) da pochi ed odiato da tanti ed è ancora lì.
Santorsola che passerebbe sul cadavere dei figli per fare il sindaco (un esempio crudele per realizzare l’idea di che persona sia) lo conoscono bene tutti.
E tu te la prendi con l’unico Sindaco che ha avuto il coraggio di dimettersi e denunciare?
 
 
#16 Indignato Speciale 2017-12-24 08:50
non commento per non sparare sulla croce rossa...farsi da parte sarebbe stato più elegante per manifesta inettitudine...ok ho sparato sulla croce rossa
 
 
#15 X picciafuoco 2017-12-23 18:47
X la catastrofe cassanese manca l'ex assessore Pignatale del pd e la assessore Battista e la foto è completa.
Questa la sinistra cassanese catastrofica
 
 
#14 picciafuoco 2017-12-23 16:23
Le facce della catastrofe.
 
 
#13 Culo 2017-12-23 09:21
Del re ma hai proprio una gran bella faccia di (nome) ....ma nn ti vergogni?? Ma credi che ci sarà gente che ti dedica voto??
 
 
#12 dubbioso 2017-12-21 19:02
mi perdoni Sig. DEL RE ci può spiegare qual' è la storia di sinistra della sua famiglia.grazie
 
 
#11 x Bersani 2017-12-20 18:12
Stem appost!

Ehi Pierluigi, ma ti rendi conto con chi hai fatto la foto? Non siam mica qui a pettinare le bambole! Abbiamo pure qui la mucca in corridoio!
Il Del Re le ha girate tutte le parrocchie, gli manca solo di candidarsi con Formigoni, poi siamo apposto!
 
 
#10 michele bisaccia 2017-12-20 17:39
Benvenuti nel mondo del progressismo. Finalmente una buona notizia per la sinistra cassanese e per tutti coloro che si riconoscono in questi valori
 
 
#9 Savonarola3 2017-12-20 11:41
...veramente SENZA VERGOGNA......
...e il loro compare maggiore "baffetto" ha pure l'ardire di ricandidarsi. Dopo aver preso in giro la vera sinistra italiana con 10 anni di una fantomatica commissione per le riforme...
 
 
#8 xPierluigi 2017-12-20 09:04
Ma vivi sulla Luna? Il commercialista già governa, per interposta persona ma governa. Forse qualcuno dovrebbe illuminarti sulle parentele in questa cittadina. O forse le conosci, ma, come in tanti a Cassano, sei già deluso dell'operato del rappresentante di famiglia...
 
 
#7 #poverasx 2017-12-20 07:39
Francamente fra i tre uno di certo è un imbucato...l'importante è fare finta di essere di sx e trovare una collocazione....per il momento.
 
 
#6 Outsider 2017-12-20 04:56
Che situazione comica. Più che liberi siete solo uguali.
 
 
#5 Max 2017-12-20 00:17
In bocca al lupo ad entrambi. Per cause che rimarranno oscure l'esperienza della scorsa giunta a livello politico è stata deficitaria, ma questo non toglie nulla all'impegno e alla passione che hanno dimostrato. Due bravissime persone. Stendo un velo pietoso su ciò che è diventata la sinistra a livello nazionale. Mercatista, privatista nei profitti-socialista nelle perdite da una parte, mosaico di isterismi e frammentazioni dall'altra.
 
 
#4 Pierluigi 2017-12-19 23:40
Il centrosinistra vero a cassano potrà riprendersi il suo posto in comune solo con il commercialista.
Con lui Cassano avrebbe una chance di salvarsi.
Il problema è: chi lo convincerà a candidarsi ?
 
 
#3 Aaaazzz 2017-12-19 21:22
Ci sono bel....i tre porcellin!!!
 
 
#2 Xxxxx 2017-12-19 21:20
Il pd cassanese è morto.
Non capisco per quale motivo non venga commissariato.
 
 
#1 Pd 2017-12-19 21:11
Lionetti non è mai stato del PD...altrimenti ascoltava quelli del partito e non quel voltagiacchetta di Del Re!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI