Mercoledì 13 Dicembre 2017
   
Text Size

Mozione dei gruppi di minoranza a favore del Cinema "Vittoria"

gruppo siamo Cassano copy

I tre gruppi Consiliari di opposizione – “Siamo Cassano”, “Prima Vera Cassano” e “Più Cassano” – hanno presentato congiuntamente una mozione alla Presidente del Consiglio Comunale Monica Calzetta ed al Sindaco Maria Pia Di Medio affinchè nel Bilancio di Previsione 2018 si posti una somma a favore del Cinema “Vittoria” a sostegno delle attività culturali dello stesso ed a favore di tutta la cittadinanza.

La mozione – che prende spunto da una interrogazione presentata tempo fa da Teodoro Santorsola (per “Prima Vera Cassano”) e da Linda Catucci (per “Siamo Cassano”) – punta ad impegnare l’Amministrazione Comunale affinchè stanzi una somma variabile fra i 5 mila ed i 10 mila euro per la sala cinematografica cassanese.

Ecco il testo della mozione, protocollata questa mattina in Municipio:

(…)

Ai sensi dell’Art. 41 del Regolamento del Consiglio Comunale l'interpellanza è trasformata in mozione affinché il Consiglio Comunale


IMPEGNI

il Sindaco e la Giunta Comunale ad appostare nel bilancio di previsione annuale 2018 e triennale 2018-2020 attraverso una rivisitazione delle spese e a fronte dello strozzante e crescente livello di tassazione locale cui soggiacciono i cittadini cassanesi, da un minimo di 34 centesimi di euro fino ad un massimo di 68 centesimi di euro per ciascun cassanese tale da formare una somma variabile tra €. 5.000,00 e €. 10.000,00 euro/annui per sostenere e mantenere il Cinema a Cassano contrattando con il gestore un equo vantaggio per la collettività in termini di ingressi gratuiti per persone in condizioni di fragilità o per le nostre scolaresche o per proiezioni in piazza di estate.

 

Commenti  

 
#6 Lino 2017-12-09 16:48
La minoranza pensa al cinema. Oltre in questo paese non sanno andare
 
 
#5 X noi 2017-12-09 10:25
Per commento 4 hai perfettamente ragione ma ricordo come se fosse ieri quando LA DIMEDIO nei banchi di opposizione chiedeva a chiare lettere di rinunciare ai compensi
Allora ti chiedo la retorica popolista fa comodo solo in opposizione?
Come vedi si può ritorcere contro
 
 
#4 p. c. 2017-12-07 13:22
vorrei tranquillizzare i cittadini che hanno commentato che i compensi degli amministratori sono quelli previsti a norma di legge; considerare gli amministratori dei parassiti é populismo e frutto di ignoranza, perché amministrare un piccolo comune é davvero un grosso impegno in termini di tempo e competenze. fatta la premessa, personalmente al cinema ci vado poco, ma quelle poche volte vado sicuramente a Cassano e non ricordo una particolare affluenza, anzi direi piuttosto quasi sempre un locale semi deserto.... quindi invece di addossare, come sempre, le colpe agli altri (amministrazione di ieri e di oggi) che magari pure ci sono ma non sono esclusive, cominciamo a frequentarlo noi cittadini, il cinema Vittoria.... oppure devo pensare che di questa cultura (cinematografica) non siamo poi così tanto affamati e che questo è solo uno spunto (l'ennesimo) per fare vuota polemica e sterile critica??? per concludere, la proposta fatta dai gruppi di minoranza, la ritengo più una provocazione, rectius, un invito alla riflessione che una soluzione realmente percorribile... e questo lo sanno gli stessi proponenti.
 
 
#3 mbha 2017-12-07 11:08
basterebbe che i cittadini vadano al cinema e vedi come tutto si risolverebbe senza interpellanze e altro
 
 
#2 M.R 2017-12-07 08:58
Condivido e approvo in pieno la mozione fatta dai tre gruppi di opposizione per il cinema Vittoria,unico contenitore culturale ancora in vita in questo paese abbandonato ormai a se stesso.
Per quanto riguarda il compenso che percepiscono questi signori è meglio stendere un velo pietoso,in quanto non stanno facendo altro che vivere alle nostre spalle come dei parassiti.
E' chiaro, questo è il mio parere personale i signori chiamati in causa possono anche smontare questa mia tesi.Io sono sempre pronta da cittadina attiva,al dialogo.
Grazie.
 
 
#1 Michelangelo 2017-12-06 15:17
Basterebbe che gli amministratori in carica rinunciassero ad una indennità mensile per ottenere la somma necessaria a dare ossigeno al Cinema Vittoria. Ricordo che l'amministrazione Lionetti rinunciò al compenso per alcuni mesi per garantire l'apertura del polisportivo: perché la Di Medio non fa lo stesso con il Cinema? 10.000 euro di indennità al mese per sindaco e assessori mi sembra, tra l'altro, una cifra spropositata per quello che questi politici locali fanno. Dunque, mano al portafogli e aiutate veramente la città, non dico a crescere, ma almeno a non affondare ancora di più nel degrado culturale.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI