Mercoledì 13 Dicembre 2017
   
Text Size

Approvate le variazioni al Bilancio dopo dieci ore di dibattito

maggioranza 2017

Una vera e propria maratona  quella di ieri in Consiglio Comunale per approvare gli otto punti all’ordine del giorno: dalle 15.00 all’1.30 di notte

Oltre dieci ore di discussione di cui ben sette solo per esaurire il primo punto ovvero le 29 interpellanze/interrogazioni presentate dai tre gruppi di minoranza all’Amministrazione. Un trappolone – ci sia consentito dirlo – ben architettato dall’opposizione che ha inchiodato la maggioranza ai banchi del Consiglio, senza produrre nulla di che. Basti pensare che quasi sempre le interpellanze/interrogazioni vengono discusse come ultimo punto nei lavori dei Consigli – anche in quelli sovraordinati – e invece in questo caso si trattava del primo punto: impossibile, quindi, procedere con gli altri argomenti se non si fosse esaurito il primo. Una modalità che ha irritato non poco la Presidente del Consiglio Comunale Monica Calzetta, “sballottata” e lasciata sola dalla maggioranza a “combattere” contro tre fra i più esperti del Consiglio Comunale – Santorsola, Del Re e Zullo – che non a caso, nella pausa delle ore 22.00, hanno “festeggiato” dinanzi ad un buon panzerotto, prima di riprendere i lavori.

Una manovra - esaltata da qualcuno fra i più ingenui dei Consiglieri di maggioranza - che il Sindaco Maria Pia Di Medio ha provato ad arginare ma a cui ha dovuto rinunciare ben presto, dovendosi allontanare dal Consiglio per "urgenti questioni familiari".

Lasciando ad altro approfondimento la questione delle interpellanze/interrogazioni, vediamo che cosa si è deciso in Consiglio.

Innanzitutto sono stati approvati a maggioranza tutti i debiti fuori Bilancio, rivenienti da sentenze di condanna nei confronti del Comune passate in giudicato o fatture non pagate, per quanto riguarda il trasporto pubblico locale, risalenti al 2016.

Il vice-sindaco, anche in veste di Assessore al Contenzioso Angelo Giustino ha illustrato i diversi casi all’ordine del giorno, quasi tutti di poche centinaia di euro, relativi a richieste di risarcimento per una caduta o per una notifica non corretta. Più rilevante il risarcimento per una causa risalente al 2005 quando una ditta incaricata dal Comune di effettuare alcuni lavori – la cui natura non è stata ben spiegata in aula, per stessa ammissione dei Consiglieri  - provocò danni all’abitazione di un cittadino. La ditta fallì e dunque il Comune, che non potè rivalersi sulla stessa, fu condannato a pagare i danni e le spese processuali: 12.793 euro in tutto.

Approvato all’unanimità, poi, il Piano per il Diritto allo Studio per il 2017/2018, presentato dalla Consigliera Francesca Marsico. “E’ la nostra carta di identità del valore che diamo alla scuola e all’educazione” ha detto la Consigliera, elencando gli interventi previsti e di cui è stato chiesto il relativo contributo alla Regione Puglia.

Fra gli altri: il doposcuola per ragazzi a rischio, l’acquisto di ausili didattici per diversamente abili, attrezzature. Confermato l’investimento di 1 milione di euro per la completa ristrutturazione della Scuola Media, progetto riveniente dall’Amministrazione Lionetti. E proprio nel segno della continuità col passato -  ha fatto notare il Consigliere Davide Del Re – che si evidenzia quanto di buono è stato fatto dalla precedente compagine amministrativa; progetti come “scuola senza zaino” (iniziato con la Di Medio, ha ricordato la Marsico) o la ristrutturazione della “V. Ruffo” sono segni di un lavoro duro che l’amministrazione Lionetti ha lasciato in eredità. Piccola diatriba, poi, su una richiesta da parte del Liceo di 10mila euro per l’acquisto di ausili didattici: secondo i Consiglieri di minoranza, essendo l’Istituto ricadente nella sfera di competenza della ex Provincia, avrebbe dovuto chiedere all’attuale Città Metropolitana il contributo e non al Comune. A quanto pare, però, la legge regionale prevede tale possibilità.

Più lunga e articolata, infine, la discussione sulle variazioni al Bilancio di Previsione 2017/2019.

Il punto è stato illustrato dall’Assessore Annamaria Caprio.

“La manovra complessiva è di 824mila euro – ha detto la responsabile del Bilancio – con maggiori entrate derivate dal recupero dell’evasione su IMU (615mila euro) e Tarsu (185mila euro)”. Si tratta di somme accertate che dunque vanno poi effettivamente riscosse. Per contro, ci sono maggiori spese su una serie di voci – servizi, in particolare – nonché alcune scelte modo discusse in Consiglio come, ad esempio, l’acquisto di una spazzatrice per ripulire la pavimentazione del Centro Storico. Secondo i Consiglieri di minoranza è un ingiusto vantaggio che si dà alla ditta che si occupa della raccolta rifiuti, che per contratto ha l’obbligo di pulire tutto il paese, Centro Storico compreso e che percepisce per questo quasi 2 milioni di euro l’anno. “Perché questo regalo?” ha chiesto il capogruppo di "Prima Vera Cassano" Santorsola. “L’acquisto della spazzatrice – si è difeso l’assessore all’ambiente Carmelo Brianoera nel nostro programma elettorale: non c’è nessun regalo!”.

Ignazio Zullo ha poi sottolineato i tagli effettuati dall’Amministrazione si alcune voci quali bonifica di siti inquinati, sensibilizzazione alla raccolta differenziata, cultura, sport, agricoltura. “Siete andati fino ad oggi in giro dicendo che non c’erano soldi per questo e per quello – ha detto il Consigliere di “Siamo Cassano” – e oggi scopriamo, invece, che i soldi c’erano ma non siete stati capaci di spenderli…”.

“Non traspare alcuna scelta politica da queste variazioni, pur importanti – ha sottolineato il capogruppo di “Più Cassano” Davide Del Re – nonostante abbiate tra le mani un vero e proprio tesoro di 800mila euro, proveniente dal certosino lavoro fatto in passato e confermato dagli Uffici; non c’è struttura, programmazione, ossatura: si taglia e si aggiunge qui e là, senza criterio”.

La Caprio ha invece difeso il lavoro della maggioranza, parlando, fra l’altro di “scelte di natura contabile” che poco hanno a che fare con quelle politiche.

L’argomento è quindi stato approvato con i voti della maggioranza e il voto contrario delle opposizioni.

In apertura dei lavori la Presidente Calzetta, il Sindaco ed i gruppi consiliari hanno dato il benvenuto, facendo gli auguri di buon lavoro, al Segretario Generale del Comune Nicola Sorgente, per la prima volta, dopo il suo insediamento, presente in Consiglio Comunale. 

 

Foto d'archivio

 

Commenti  

 
#22 Indignato Speciale 2017-12-08 20:52
non so se provare più pena per la manifesta incompetenza di alcuni Assessori di questa amministrazione o per Del Re che pare essersi risvegliato da uno stato comatoso, per essere chiari, fino all'anno corso chi era l'amministratore? ridicoli e penosi tutti..la colpa é nostra che li continuiamo a votare, questo sono i risultati
 
 
#21 Monica Calzetta 2017-12-05 06:30
Spett.le Redazione,
Scrivo per due doverose precisazioni a quanto scritto:
1) non mi sono sentita assolutamente “sballottata”. Sono , si, sistematicamente attaccata in Consiglo Comunale perché da subito ho inteso portare il confronto democratico nell’ambito di regole istituzionali certe che il Consiglio Comunale si è dato con il Regolamento e che continuerò a far rispettare senza timori. La Giunta ed il Sindaco hanno dato dimostrazione di disponibilita’ e trasparenza durante i lavori che vorrei sottolineare.
2) quanto al Piano Diritto allo studio la competenza regionale e’ certa e sancita non solo dalla legge regionale 31/09 artt.5 e 8 ma anche dalla lr 34/09.art.35 ( p.es. In bilancio regionale 2016 le somme sono allocate al cap. 911070 codice54.7.1.4.0 denominato “ Contributi agli enti locali X diritto allo studio lr 31/09 artt 5 e 8”)
PS io personalmente ho lavorato l’intera giornata e fino alle 20.30 del giovedì 30/11, perché impegnata nel consiglio comunale di modugno dove lavoro.
Saluto Cordialmente
 
 
#20 x vivicassano top 2017-12-02 16:08
Grazie, caffè pagato
 
 
#19 vivicassano top 2017-12-01 20:30
abbiamo solo una speranza che il dott.Arganese torni in politica e faccia il nostro sindaco.
 
 
#18 X noi 2017-12-01 14:18
Per commento 17 sei al dir poco ridicolo nelle tue affermazioni,se fosse vero quello che dici,perché Lionetti non si è candidato come aveva detto quel famoso giorno al cinema?
Come mai come nel gioco in questo caso delle 2 carte è diventato Del Re il candidato sindaco?
La politica è una cosa seria commento 17 Lionetti è tornato a fare ciò che sa fare meglio il maestro, il sindaco non era e non sarà mai una sua qualità.
 
 
#17 Per #15 x 2017-12-01 13:10
Non è vero quello che dici, a mio avviso, col senno di poi, è stata la migliore, attenta e oculata. Se Vito Lionetti non fosse stato tradito dai suoi (pugnalato) che hanno sempre complottato con i soliti “politicanti” di professione, sicuramente sarebbe stato riconfermato. A Cassano sono pochi quelli che fanno la vera Politica, ecco in questa maggioranza, dal primo all’ultimo, sono solo politicanti da strapazzo!
 
 
#16 #colpanostra 2017-12-01 11:38
Infatti non parlo di quella amministrazione ne dei suoi eredie neanche dei loro padri....anche quelli appartengono ai "grandi esperti" che hanno combinato guai....
 
 
#15 x #colpanostra 2017-12-01 08:42
ci è andata bene #colpanostra.
Con le forze fresche come quella della amministrazione Lionetti ci avrebbero commissariati come comune per fallimento.
Questo porta la inesperienza.
No grazie.
 
 
#14 #colpanostra 2017-12-01 05:50
Egregi cittadini quei signori li abbiamo scelti noi,a partire dal sindaco ....ad oggi francamente hanno dimostrato solo arroganza e prosopopea di nuovi e vecchi soloni...
Basta vedere le prime cose che sono state fatte:
- tentativo di vendere/affittare la ex casa bianca (in perfetto proseguo di quello già successo degli inizi anni '90)
- perdita di fondi regionali per pulire dai rifiuti le strade di cassano,oltre le giustificazioni che si vuol dare Briano,la domanda non è stata presentata magari perché è stato disattento .
- tentativo di vendere o dare in comodato parte dell' ex grennvillage ,delibera poi ritirata perché "forse" presentava dei problemi.
la realtà, cari concittadini,è che non siamo stati capaci di eleggere gente fresca,capace e pulita anche intellettualmente....ragazzi che hanno dimostrato di avere delle competenze di gran lunga superiore a questi farlocchi... e siamo andati ancora una volta dietro le promesse che sistematicamente non saranno mantenute ma che vi riproporranno fra cinque anni.
 
 
#13 X noi 2017-11-30 21:01
Come mai il consigliere Cavaluzzi presente in tutte le commissioni ha abbandonato il consiglio comunale?
 
 
#12 Amedeo Venezia 2017-11-30 16:34
Sig. Vitino personalmente ho svolto regolarmente il mio lavoro anche oggi. Forse non crederà, ma essendo abituato a turni notturni di oltre 12 ore da circa 25 anni, non ho alcuna difficoltà nel recarmi al lavoro , alle ore 07:30, anche dopo una "maratona" come quella di ieri. Spero di essere riuscito ad esaudire la sua curiosità. Amedeo Venezia
 
 
#11 X VITINO 2017-11-30 15:26
E il signor Campanale e il signor Delre e la signora Marsico ?
Hanno timbrato oggi ?
Giusto per curiosità
 
 
#10 VITINO 2017-11-30 14:24
Redazione ma questo consiglio comunale quanto ci è costato ?
Tenendo presente che molti dipendenti privati oggi non vanno a lavorare a nostre spese.
Signor Venezia lei è andato a lavorare oggi ? Signor Panzarea lei ?
Signor Santorsola lei sicuramente oggi è andato a lavorare ?
Io farei un sondaggio quale cittadino sarei curioso visto che tra poco devo pagare l ' IMU.
Viva la trasparenza
 
 
#9 x cittadino cassno 2017-11-30 14:06
Piaccia o no i consigli comunali saranno sempre così. Dinanzi all’inefficienza amministrativa piovono le interrogazioni dei gruppi di minoranza.
Spiace che il Sindaco abbandoni la seduta consiliare. Ma sapendo già mesi fa che non avrebbe avuto tempo la domanda è sempre la stessa: perchè non si dimette?
 
 
#8 Difensore 2017-11-30 13:52
Sig. Caprio ma cosa racconta???
 
 
#7 Er monnezza 2017-11-30 13:13
Certo se ognuno se metteva a 'n semaforo a chiede spicci, in 10 ore se risanava er debbito pubblico de lo Stato. Ma vabbé, de lavorà davero de sti tempi nun se augura a nessuno.
Dai se co dieci ore hanno sistemato tutto er paese, Cassano val bene un Consijo, com'avrebbe detto 'a bonanima de erico.
 
 
#6 Cittadino cassano 2017-11-30 12:31
Vorrei un punto all'ordine del giorno al prossimo consiglio:
1) Efficienza del personale del comune e licenziamenti
2) revoca di alcuni consiglieri di minoranza.
Se si apre la discussione con i cittadini sistemeremo il comune in 5 minuti e non in inutili 10 ore.
Redazione si potrebbe?

LA REDAZIONE
Certo che no.
 
 
#5 Pipino il breve 2017-11-30 12:25
Vergognatevi perdere tempo 3 ore sulle modalità di come particolare le istanze.
La opposizione di Santorsola fa ridere.
Qui la gente ha problemi seri e in consiglio comunale si dedica tempo su formalismi da quattro soldi.
Statevi alle case.
 
 
#4 Po.Mi. 2017-11-30 11:04
10 ore? Sicuramente c'è qualcuno che si diverte a far perdere tempo e a fare festa il giorno dopo a lavoro di diritto. Vero? Complimenti a tutta la maggioranza per i toni pacati, io non averi avuto tutta questa pazienza. Buon lavoro, continuate così.
 
 
#3 M.R. 2017-11-30 10:46
Digressione
Più fatti concreti e interventi evidenti e palesi.
Le chiacchiere sono assai.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI