Mercoledì 22 Novembre 2017
   
Text Size

Niente contributi (almeno per quest'anno) al "Vittoria"

cinema nuovo

Non ci saranno contributi per il cinema “Vittoria” da parte del Comune di Cassano. Non per quest’anno, almeno.

Lo spiega il Sindaco Maria Pia Di Medio rispondendo ad una interrogazione del gruppo consiliare “Primavera Cassano”, presentata il mese scorso durante il Consiglio Comunale dal capogruppo Teodoro Santorsola.

Prendendo spunto da indiscrezioni di stampa, Santorsola chiedeva alla Di Medio se la vicenda rispondesse al vero, se – cioè – il Comune non avrebbe erogato per il 2017 l’usuale contributo annuale a fronte della rassegna di film con ingresso agevolato per anziani e studenti nella misura di 5mila euro.

“Per l’anno in corso non possiamo fare nulla – scrive il Sindaco al gruppo consiliare di opposizione – non essendo, quella del contributo al “Vittoria”, né una spesa di investimento né una urgenza”. Tuttavia la Di Medio appare possibilista per il Bilancio 2018, “vogliamo trovare una soluzione – scrive – e ci stiamo impegnando ma ci vuole tempo”.

La proprietà della storica sala cinematografica cassanese, una delle poche rimaste nella provincia di Bari che non siano multisala, espresse preoccupazioni, qualche mese fa, a proposito della tenuta economica del “Vittoria” perché senza quel contributo la gestione diventa assai difficile data la poca propensione dei cassanesi ad utilizzare la sala cittadina anziché quella di altri paesi, nonostante una programmazione di tutto rispetto.

Sull’argomento, anche il gruppo “Siamo Cassano” aveva presentato, qualche giorno dopo il gruppo di Santorsola, identica interpellanza che ovviamente non potrà avere risposta diversa.

 

 

Commenti  

 
#13 per #12 mike 2017-11-21 09:45
quindi la prosima volta dobbiamo eleggere un Sindaco Regista per risolvere il problema del cinema! dite certe cavolate.........
 
 
#12 mike 2017-11-14 12:42
purtroppo considerando la professione del nostro sindaco,credo che l'unica urgenza che conosce deve essere rigorosamente in "codice rosso" e necessariamente del pronto soccorso..il cinema non lo è..poi si meravigliano perchè le persone vanno al cinema fuori..come stiamo messi male..
 
 
#11 volavola 2017-11-08 18:53
Veramente una tristezza. Visto che per nostri amministratori non è un investimento facciamoci carico noi cittadini di tenere in vita il cinema andandoci più spesso.In tante attività commerciali vedo dei barattoli (salvadanai)dove si può dare una offerta per aiutare persone o associazioni,proporrei di fare altrettanto, un euro a testa(e perchè no anche due)non ci cambia la vita.Un saluto.
 
 
#10 Giovanni Tritto 2017-11-07 19:09
Che tristezza, dire che la culura non è un urgenza nè un investimento fa capire cosa saranno i cassanesi del futuro. E dire che proprio il sindaco Di Medio ha fatto riaprire il cinema. Strano come si possano dare decine di migliaia di euro al canile al punto che non me restino più per le persone
 
 
#9 Giacomo Ierardi 2017-11-07 17:33
ma in passato tanta gente di cassano che si spacciava per regista, attore, musicante di brema ecc ha utilizzato il cinema per promuovere le loro cose...che fine hanno fatto? che fine ha fatto la passione per il cinema che hanno decantato per tutto cassano quel periodo?
 
 
#8 Trumpingonnella 2017-11-07 15:38
"Non è una urgenza né un investimento": quali parole meglio di queste (e gli atti e le vicende, ahimé, che ne conseguiranno) chiariscono l'idea che la Di Medio e compagni hanno della Cultura? Se non sono sue parole, caro sindaco, almeno cambi il ghost writer...
 
 
#7 Vittoria 2017-11-07 15:28
Pur volendo andare al cinema e che l'economia giri in paese e non andando fuori ci sta.Ma pagare 5€ il biglietto non è tanto normale...se fa pagare di meno il biglietto del cinema capace che fa fortuna!!!
 
 
#6 Halloween 2017-11-07 15:09
Niente contributi, ma anche niente idee, ma proprio zero, da parte di una amministrazione che in pochi mesi ha già fatto capire che al termine del suo mandato consegnerà ai cittadini un paese ancora più desolato e desolante. Si va verso la morte culturale di Cassano. Prepariamo il funerale.
 
 
#5 nella 2017-11-07 14:38
Sempre solo polemiche sulla vecchia e sulla nuova amministrazione! Per far continuare a vivere il cinema "Vittoria" bisogna andarci a vedere i film!
 
 
#4 Pro Locos 2017-11-07 13:45
I 5000€ sono solo per noi e per la sagra della focaccia che è spettacolo e cultura insieme, i film vedeteli in TV.
 
 
#3 lettore... 2017-11-07 13:30
ha ragione, egregio M.R....... evitiamo polemiche sterili, meglio non commentare le Sue osservazioni perchè sono davvero sterili e per niente costruttive!!! Ma secondo Lei, perchè un Sindaco, chiunque esso sia, POTENDO, non dovrebbe dare il contributo al Cinema??
 
 
#2 M.R. 2017-11-07 09:28
Digressione
"Ci adopereremo per far si che l'economia del paese possa crescere,determinare benessere lavorativo e una migliore qualità della vita per tutti.
Dott.Maria Pia Di Medio"Per Te".
"persone capaci,competenti e concrete".
 
 
#1 M.R. 2017-11-07 09:22
Per la dottoressa Di Medio,il cinema" Vittoria",non è un investimento,non è una urgenza.
Mi chiedo, cosa siano per la dott.Di Medio le urgenze e gli investimenti,visto e considerato che ad oggi non sappiamo ancora quali siano le sue linee di programma.
Ad oggi, non ha fatto altro che presenziare lei e la sua combricola, ad avvenimenti che niente hanno a che fare con l'amministrare un paese come Cassano delle Murge.
Una toccata e fuga di qua,una toccata e fuga di la.
Cito le parole della dott."Torno forte dell' esperienza di quanto fatto da primo cittadino...La buona amministrazione è servizio in nome e per conto dei cittadini.
Cara dott. io penso che,le sue priorità non coincidano con le priorità della gente comune,e niente hanno a che fare con la buona amministrazione che lei e la sua squadra tanto acclamata,tanto apprezzata e ognuno con il suo valore(punti di vista)cito le sue parole, non ci porteranno tanto lontano.
So già,che qualcuno avrà da ridire,ma per favore evitiamo polemiche sterili,a meno che non siano costruttive.
Grazie.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI