Lunedì 09 Dicembre 2019
   
Text Size

Il Sindaco non ha più la maggioranza. Consiglio rinviato

sindaco con fascia orizzontale copy

 

Mezz’ora di lavori al Consiglio Comunale di questo pomeriggio e il sindaco Vito Lionetti non ha più la sua maggioranza.

Alle assenze (strategiche?) nelle fila delle maggioranza dell’assessore Michele Maiullaro e del Consigliere Davide Pignatale, si è aggiunta quasi subito quella della Consigliera Maria Luisa Marazia.

Poco dopo, quando si doveva cominciare a discutere del terzo punto all’ordine del giorno, anche il capogruppo Simeone Paparella e l’Assessore Maria De Grandi  hanno lasciato l’aula.

A quel punto, solo i tre consiglieri di minoranza (Di Medio, Ruggiero e Antelmi) consentivano di mantenere il numero legale del Consiglio ma l’occasione era troppo ghiotta per non approfittarne e dopo una breve dichiarazione della Capogruppo (“così non si può più andare avanti….”) anche l’opposizione ha lasciato la sala consiliare.

Completamente “in bambola” il Sindaco che pure si aspettava un gesto del genere, dopo la burrascosa riunione di maggioranza dell’altro pomeriggio, ma evidentemente ha accusato il colpo. Dopo la fuoriuscita dei suoi e della minoranza, infatti, ha testualmente affermato: “Noi andiamo avanti lo stesso”.

Con tenerezza, il Presidente del Consiglio Comunale Rocco Capriulo, supportato dalla Segretaria Comunale ha dovuto rivelargli l’amara verità: “No, sindaco. non possiamo andare avanti. Non c’è il numero legale”.

In aula, infatti, oltre allo stesso Lionetti erano rimasti solo il vice Del Re, l’assessore Battista e i consiglieri Pallavicino, Lopane e Maria Giovanna Molinaro oltre il Presidente Capriulo: insufficienti per proseguire i lavori.

La seduta è stata quindi aggiornata a domani alle ore 16.00 per la prosecuzione dell’ordine del giorno: occorreranno sette consiglieri più il Sindaco perché la seduta possa ritenersi valida.

Ma perché Paparella e la De Grandi hanno lasciato il Consiglio Comunale, in polemica con la maggioranza di “Rinascita”?

Oggetto del contendere è una variazione al Bilancio che stanzia 21mila euro per la piccola manutenzione a cura del Comune; secondo i bene informati, questa somma sarebbe destinata alla ditta che ha vinto l’appalto della pulizia e guardiania degli stabili comunali, con un affidamento diretto che preveda, fra l’altro, la stabilizzazione di un operaio, già in forza alla vecchia ditta.

Richieste le dovute spiegazioni al Dirigente dell’Ufficio, i due consiglieri (Paparella e de Grandi) non le hanno mai avute: da qui l’atto di ribellione contro un sindaco, accusano velatamente i due, che fa i fatti propri senza informare né la maggioranza né la Giunta se non il suo stretto giro.

Ecco perchè quest'oggi, giunti al terzo punto da trattate, Paparella ha chiesto di ritirare l'argomento per approfondimenti ma la maggioranza ha respinto la proposta. Al che il capogruppo e l'assessore hanno lasciato l'aula.

Lionetti, però, nel suo intervento finale prima della conclusione dei lavori, se l’è presa con i tre consiglieri di minoranza (Briano e la Contursi erano assenti), dando loro del “sciacallaggio politico” perché approfittano “di normali dinamiche all’interno della maggioranza” per far cadere il Sindaco, “il loro vero, unico obiettivo”.

A memoria di cronista, non vi sono stati fatti del genere negli ultimi 30 anni. Due componenti di maggioranza che abbandonano la seduta, altre tre che si assentano dai lavori, significa che c’è più di qualcosa che Lionetti deve rivedere fra i suoi; d’altra parte le minoranze di tutto il mondo e di qualunque colore politico hanno un solo scopo: abbattere chi sta in maggioranza, con tutti gli strumenti democratici a disposizione. Meravigliarsi di ciò, vuol dire davvero aver perso lucidità!

 

 

Commenti  

 
#37 Giusy S. 2016-10-21 14:24
Maiullaro ma ritirati che non puoi rappresentare il nostro paese e tu sai il motivo.
 
 
#36 mimma attisani 2016-10-21 10:35
-grilloparlante-Certo che la Battista, ride sempre, lei sa come colpire alle spalle, e si capisce, come se si capisce!
 
 
#35 Tormento murgiano 2016-10-21 09:32
Finora ho espresso la mia forte delusione nei confronti della giunta Lionetti. Ho sempre motivato la mia delusione, il mio disincanto, la mia convinzione che non si sia dimostrata all'altezza del compito.
Devo però in questo momento esprimere, se non proprio la mia solidarieta, almeno la mia comprensione al Sindaco per via del benservito che un gruppo raccogliticcio di suoi assessori e consiglieri, che dovrebbero essergli vicini, gli presentano mentre lo accoltellano alle spalle. In modo VILE, lasciandolo alla derisione, in pieno consiglio comunale. Non mi piace questo spettacolo di tradimento. Conservo il mio giudizio critico sulla giunta Lionetti, tanto più che i problemi sono venuti proprio da quei settori che dovevano essere presidiati da quegli assessori, ma non sono accecato dall'odio per sferrare ancora un attacco ad un avversario ormai rantolante per il fuoco amico. Quindi offro a Lionetti la mia comprensione, gli stringerei persino la mano, umanamente parlando. Però gli farei notare lo stormo di avvoltoi che sono già nel cielo, a scrutarlo. Già, gli avvoltoi.

E suggerirei ai commentatori di non gioire troppo di questo episodio: sembra che muoia (politicamente) Lionetti, in realtà sopravvivono gli avvoltoi. Avrei preferito il contrario.

P.S.: il mandante? Eh eh, meglio cantare. Yuppi du, yuppi du, ...

P.S. per Lionetti: purtroppo queste cose succedono quando si accetta di pagare 7500 euro per una focaccia ... Ed il commerciante ...ZAK! ci da un taglio con lo stesso coltello unto di focaccia. L'errore è anche tuo (benchè tu sia una persona onesta).
 
 
#34 lucio perrone 2016-10-21 09:20
la cosa più scandalosa che l'assessore Maiullare ,prima in giunta vota la delibera sulla variazione di bilancio sulla manutenzione, poi non ha il coraggio di presentarsi in consiglio comunale a ratificare atti da lui stesso votati in giunta. che pena Sindaco alzi la schiena dritta e mandali a casa questi traditori di professione , Cassano ti sara,eternamente grata.
 
 
#33 enrichetta 2016-10-21 08:35
Povero vitino legato alle catena, alle sopratene a lavora, a lavora.....
 
 
#32 grilloparlante 2016-10-21 08:25
La Battista...lei sorride sempre non si capisce se +++
 
 
#31 m.carucci-acquaviva 2016-10-21 08:21
Perseverando con ostinazione a fronte di un fallimento indecoroso si spiana la strada alla destra. E comunque bisogna sempre partire, necessariamente, dall'estirpazione totale del cancro PD. Solo così si può ripensare ad un'ipotesi di sinistra, costruita dal basso.
 
 
#30 Alta Murgia 2016-10-21 06:37
La scena più bella quella della Battista che assisteva, istruita, allo sfacelo della maggioranza. Sempre due piedi in una scarpa? Dignità anche tu? Niente?
 
 
#29 lucio perrone 2016-10-21 06:25
FINALMENTE I TRADITORI SI SONO TOLTI LA MASCHERA E HANNO IL NOME CHE TUTTI CONOSCONO. TRADITORI DI PROFESSIONE, SE GLI E' RIMASTO UN BRICIOLO DO DIGNITA', NON GLI RIMANE CHE SI DIMETTANO.TANTO NESSUNO LI RIMPIANGERA', PERCHE'NON ANNO ESPRESSO IL NIENTE PER LA NOSTRA COMUNITA'
 
 
#28 Onesto 2016-10-21 05:29
Andate tutti a casa no solo qualcuno...dai vitino è finita la crema nei cornetti...chiudi sto teatrino e finiamo la qui che è meglio!!!
 
 
#27 Josef 2016-10-20 23:41
Togliete il disturbo amministrazione Lionetti che non hai saputo governare nemmeno i ragazzini che con giusta ragione ti manderanno a casa. Proprio quei ragazzini che ti hanno voluto come sindaco
 
 
#26 W de grandi 2016-10-20 22:06
Ma fa più parlare la De Grandi che non il fatto in se. Ma vi rendete conto della gravità della cosa fatta dal Sindaco?
E cosa hanno dovuto fare per essere ascoltati?
L'articolo l'avete letto?
A questo punto, complimenti De Grandi, come si dice, nel bene o nel male basta che si parli.
 
 
#25 Renato t. 2016-10-20 21:27
Questo ha bisogno di essere curato.
 
 
#24 caro vito 2016-10-20 20:51
non ti resta che togliere la delega alla de grandi almeno potrai dire ho comandato per un solo giorno.
 
 
#23 Kim 2016-10-20 20:38
Ma che c'è stato di plateale? Avessero fatto delle dichiarazioni in consiglio comunale quei due ragazzini, avessero presentato le dimissioni (Paparella non rappresenta più la maggioranza se questa non segue il capogruppo) e la degrandi avesse detto qualcosa... un gridolino, un pugno sul tavolo... non hanno le palle e manco la stoffa e questo si è visto.
La minoranza al solito ridicola con il Ciccio che ha fatto una figuraccia colossale con quella sua amnesia... e con la solita ritirata strategica che ha più il senso del "non abbiamo le palle" che "noi visappiamo quale è il bene del paese.
Io auspico solo due cose prima che il sindaco vada a casa, che sia domani o fra due anni e mezzo: che agisca per la riscossione coatta del debito residuo della tributaria e che agisca per far licenziare un po' di persone dal comune. E fra questo uno su tutti.
 
 
#22 Senza i due 2016-10-20 20:29
I de grandi credono di essere indispensabili va avanti e dimostra che non hai bisogno di loro. Tutti i sindaci avuti sono stati paurosi di loro tu dimostra alla cittadinanza che c'è un tempo x cambiare a mandare a casa prepotenti e fannulloni e doppie figure.
Domani un nuovo giorno un nuovo inizio.
 
 
#21 Gelo 2016-10-20 20:24
Rimango di stucco ma non tanto, dopotutto questo paese è morto e ci vuole una rianimazione per salvarlo. Si accettano candidature.
 
 
#20 Cassanese Puro 2016-10-20 20:13
siete riusciti a portare il Nostro Paese al livello più basso. Andate via. Prima però chiedete scusa a tutti i cittadini dallo stesso palco dove vi siete proclamati promotori della Rinascita
 
 
#19 Grande De Grandi 2016-10-20 20:08
Finalmente ti sei ritirata!!!!!! La prima cosa buona che hai fatto e che potrebbero fare anche i tuoi amichetti. Ora mettetevi sotto le coperte che fa freddo e non fatevi vedere per un bel po!
 
 
#18 Bimbi mix 2016-10-20 19:50
In ostaggio dei suoi alunni .. In mastro questo non accetterebbe Mai !! Tranne se anche Lui e un piccolo bimbo ... Ma qui parliamo del futuro di una Cassano che doveva Rinascere !!!!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.