Mercoledì 28 Ottobre 2020
   
Text Size

Referendum, a Cassano vince il SI. In un mare di indifferenza

Referendum-sì-o-no

Strabordante vittoria del SI a Cassano, al referendum sulle trivelle che nella giornata di ieri si è svolto in tutta Italia.

Il 93,6% dei cassanesi che sono andati al voto (il 42,8% degli aventi diritto) ha scelto il SI, volendo dunque l’abrogazione del comma “incriminato” del Decreto legislativo 152/2006; al NO, invece, è andato il 6,3% dei votanti mentre le schede bianche sono state 16 e le nulle 20.

Dunque i dati definitivi su Cassano dicono che 4.687 elettori si sono schierati per il SI; 319 per il NO e la stragrande maggioranza 6.729 alle urne non c’è andata affatto.

Com’è noto il quorum del 50% + 1 dei votanti non è stato raggiunto né a livello nazionale – invalidando il referendum – né locale.

L’affluenza dei cassanesi alle urne, infatti, se è stata di oltre dieci punti in più che in Italia (il 42,82% contro il 32,15%), è stata di poco superiore a quella della Puglia (ferma al 41,65%) ma fra le più basse della provincia di Bari (leggi i dati).

Qui, infatti, se è vero che solo 2 Comuni su 41 hanno raggiunto il quorum (Polignano a mare e Monopoli rispettivamente con il 55,21% e con il 52,54%), ci sono stati paesi e cittadine che il quorum l’hanno sfiorato (Castellana Grotte: 49,51% ; Conversano: 48,36%) o vi si sono avvicinati di molto come ad esempio Acquaviva delle Fonti (47,7%); Santeramo in colle (46%); Bitetto (46,6%). Tutte realtà accomunate dall’aver fatto campagna elettorale – prevalentemente per il SI – con incontri, dibattiti, informazione.

Quella cassanese, invece, è stata una campagna elettorale praticamente inesistente. Se non fosse stato per qualche manifesto del SI messo in fretta e furia negli ultimi giorni sui tabelloni delle piazze e un volantinaggio dell’ultimo minuto.

Eppure a favore del SI erano schierati Sinistra e Destra nonché il Movimento 5 Stelle – che, lo ricordiamo, alle ultime tornate elettorali risulta essere il primo movimento politico a Cassano come numero di voti.  Sia il PD che i Conservatori e Riformisti hanno tenuto un profilo basso, bassissimo. I loro leader locali – il Segretario Pignatale, il sindaco Lionetti – si sono spesi poco o niente per il SI, con un post e qualche pensiero su Facebook o, quando interpellati, sui giornali locali; stessa cosa per il capogruppo regionale dei “CoR”, Ignazio Zullo o il coordinatore cittadino Franco Antelmi. Dei 5 Stelle solo a livello personale – e sempre e solo su Fb – qualche esponente ha fatto propaganda mentre negli altri comuni a noi vicini i consiglieri regionali pentastellati e qualche parlamentare hanno tenuto comizi e incontri con la cittadinanza.

Silenzio assoluto, infine, da parte della maggior parte delle associazioni locali – comprese quelle ambientaliste – che pure a livello non solo nazionale facevano parte del movimento “No Triv” che ha promosso i referendum

Indifferenza? Consapevolezza che l’oramai disabitudine al voto ha colpito pesantemente anche i cassanesi? Poca voglia di sporcarsi le mani e sprecare energie per un esito già scritto e scontato?

Un po’ tutto questo, certo.

Con una aggiunta: c’è sempre meno voglia di fare politica, qui nel nostro paese, e di spendersi e occuparsi del bene comune, sia quello di casa propria che per le vicende che vanno oltre la vita del nostro “borgo”.

Una verità su cui molti, tutti, dovremmo riflettere.

 

 

Commenti  

 
#10 Per quelli del SI 2016-04-19 12:37
Come vi spostate?
Come vi riscaldate?
Come illuminate le vostre case?
Come cucinate?
Ma le trivelle dobbiamo eliminarle del tutto o farle il più lontano da casa nostra?
 
 
#9 Soldi 2016-04-19 08:57
Ma non avete ancora capito che il caro sindaco lo sta facendo anche per una mera questione economica. Fatevi un ragionamento da soli e vedete che alla fine del mandato avrà una bella indennità di fine servizio, andrà in pensione e chi si è visto si è visto.....
Altrimenti poteva andare in aspettativa come insegnante, ma non lo fà, chissà perché
 
 
#8 lucio 2016-04-18 18:20
Ma che. Sindaco renziano lui va dove lo porta il vento e le direttive sfasciste di via acquaviva. Vai lionetti stai preparando la strada al GRANDE SALVATORE DELLA PATRIA. E tu finirai nella polvere....
 
 
#7 YURGEN 2016-04-18 17:05
Ebbene vorrà dire che ci terremo le piattaforme di estrazione a vita poichè per chi dovrà chiuderle (equindi sborsare un sacco di quattrini) non si esauriranno mai. Grazie a chi non è andato a votare.... e poi non lamentatevi.
 
 
#6 Furiosa 2016-04-18 14:30
E'stata una campagna elettorale praticamente inesistente perché abbiamo un sindaco Renziano e di conseguenza ha fatto fatto campagna elettorale per l'astensione!!!!!
 
 
#5 x Redazione 2016-04-18 12:43
A parte il risultato finale del referendum, ma con riferimento a risultato politico invece chiedo, Emiliano con i SI che ha preso riuscirà a spaccare il PD con D'Alema & C.?
 
 
#4 stanchissimo 2016-04-18 12:20
si sono rivelati come quei paesani arretrati che non sono altro ,se non ci fossero " i forestieri " ad arieggiare un pò le stanze l'odore di muffa e di stantio si sentirebbe fino sulla luna
 
 
#3 Controcorrente 2016-04-18 11:05
Capisco le ragioni dell'articolo e le condivido a pieno.
Ciò nonostante, sarò un po sadico, ma adoro ammirare la nostra comunità che piano piano sta volgendo al degrado politico sociale e culturale. La dimostrazione e che le tre categorie sopraelencate ad oggi sono rappresentate da persone che rispetto ai loro incarichi non capiscono niente e nienelte vogliono fare. Tutto questo è fantastico. Adoro qyesto paese di ignoranti...mi ci trovo benissimo e diversamente dalla massa non mi trasferirò altrove. Sto benissimo così
 
 
#2 occhio 2016-04-18 10:53
Pecoroni, parassiti.
 
 
#1 Pietro Mariani 2016-04-18 09:28
Deluso dal risultato del referendum e per la totale indifferenza di molti cittadini al voto..come sempre hanno vinto i poteri forti a favore del dio denaro..questo lo definirei autolesionismo.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.