Martedì 24 Ottobre 2017
   
Text Size

Le notizie e la credibilità di questo giornale

la voce del paese testata copy copy copy copy copy

Al di là della tragedia che ha colpito una giovanissima vita, la sua famiglia e tutta una comunità, non possiamo far passare sotto silenzio accuse su presunti “errori” nei confronti di questo giornale che ho l’onere e l’onore di dirigere, anello di un più ampio network di informazione locale. La credibilità, unita alla buona fede, sono tutto per un giornale, soprattutto una testata di informazione locale!

Tutti sbagliamo, tutti possiamo sbagliare. Ma non è questo il caso.

Lasciando da parte le risibili accuse di coloro secondo i quali “non si danno certe notizie” – il diritto di cronaca esiste anche nelle più sperdute civiltà: possibile che certi bigotti nostrani non ci arrivino? – veniamo al punto della questione ovvero la presunta “falsa notizia” della morte del giovane cassanese.

Questa la ricostruzione di come sono andate le cose.

La nostra collaboratrice che seguiva il caso aveva due fonti, attendibilissime, da cui riceveva notizie: una interna al reparto di Rianimazione presso il Policlinico di Bari, l’altra molto vicina alla famiglia del giovane coinvolto.

Da quando la vittima dell’incidente è stata ricoverata in prognosi riservata, con un ematoma che rivestiva la metà destra del massiccio facciale e che si estendeva all’80% del volume cranico, come hanno spiegato i sanitari, le sue condizioni erano pressoché disperate tanto da indurre i medici a parlare di “coma irreversibile”. Un fatto che fin da subito è stato riferito ai più stretti familiari del ragazzo.

Sottoposto a continui EEG (elettro-encefalo-gramma) dall’equipe del Primario prof. Brienza, i risultati erano sempre uguali: piatto. I medici la chiamano “morte nervosa”.

Quando la nostra fonte interna ci ha confermato che anche l’ultimo EEG era risultato piatto e che non c’era più nulla da fare se non attendere sei ore per il rispetto dei protocolli, noi abbiamo dato la notizia su CassanoWeb: il povero Antonio era morto.

Qual è stato il corto-circuito venutosi a creare dopo?

La famiglia attendeva dall’estero una strettissima congiunta della vittima, prima di divulgare quanto accaduto: fatto che non tutti coloro presenti presso il Policlinico in attesa di notizie dai medici, conoscevano e da cui è partita la critica, bollandola come non vera, verso CassanoWeb.

Ci hanno scritto che la notizia non era vera, che ci dovevamo vergognare per quanto avevamo scritto.

La notizia era vera, invece; la nostra colpa – ma giornalisticamente è un merito – averla data prima ancora che i parenti (non la famiglia) e gli amici ne fossero a conoscenza. Ma il mestiere del giornale è proprio questo: dare informazioni.

Accusarci, quindi, di aver dato notizie false, di non saper fare il nostro mestiere, di sciacallaggio queste sì sono accuse infondate! E naturalmente c’è chi ne pagherà il prezzo poiché al di là della critica legittima qui parliamo di insulti e ingiurie.

Si può poi discutere quanto si vuole su etica e opportunità, se sia giusto o meno fornire tempestivamente informazioni in una situazione di dolore ma questi ed altri dubbi esistono da quando esiste il giornalismo e che non saremo (né potremmo) noi a risolvere.

Crediamo, quindi, che, con dati alla mano, la credibilità di questo giornale, del nostro network e dei nostri collaboratori non sia stata minimamente intaccata da questo episodio e che, anzi, ne esca rafforzata.

IL DIRETTORE

 

Commenti  

 
#11 piccolino 2017-02-24 20:57
E bravo Brunelli, complimenti tu si che conosci il mestiere. Sollevare il problema della credibilità di fronte ad un episodio che, nonostante la sua tragicità, è giornalisticamente irrilevante, è stata una vera furbata.
La credibilità di un giornalista è da dimostrare in ben altre occasioni, quelle in cui si parla di affari, politica e commistioni fra le due.
Nei prossimi mesi, quando si sveleranno gli altarini, gli accordi e le porcate, sarà allora che dovrai giocarti la credibilità.

RISPONDE G. BRUNELLI
Lo farò. E se mi dovesse sfuggire qualcosa, me lo faccia notare.
 
 
#10 MJ 2017-02-23 13:09
Sicuramente non faccio parte del gruppo di persone che, in qualche modo, vi hanno accusato di sciacallaggio o altro. La vostra professionalità secondo me non è in dubbio, leggo spesso e con piacere le notizie pubblicate sul vostro sito.

Se proprio devo pensare a qualcosa, penso che forse avete avuto fin troppa professionalità, nel senso che davanti a un fatto di cronaca così importante e(ma ancora di più così triste) avendo, come voi stessi dichiarate, delle fonti dirette da parte sia dello staff medico e sia da parte della famiglia del ragazzo, io (e ripeto io) avrei semplicemente aspettato semplicemente "l'ufficialità assoluta" della cosa, prima di divulgare la notizia, nel rispetto di tutte le persone coinvolte e anche della persona che stava tornando dall'estero proprio per essere presente in questo momento così tragico (fatto che ritengo fosse di vostra conoscenza)

Ho ben capito il vostro punto di vista, grazie appunto a questo articolo, spero possiate capire anche il mio (conoscevo a malapena il ragazzo e non avevo nessun legame con lui) e quello di altre persone e in ogni caso speriamo tutti di non dover più registrare dei fatti di cronaca così tristi
 
 
#9 MM 2017-02-23 09:11
Io credo che non si tratti in questo caso di una gara a chi annuncia prima una notizia sconvolgente. Bisogna sempre avere del buon senso e della sensibilità che, a parer mio, è mancata o passata in secondo grado. Capisco che la notizia sia arrivata da fonti attendibili, non discuto questo, ma credo che l'ideale sarebbe stato rispettare i tempi della famiglia nel volerlo annunciare. Io penso che per capire meglio una situazione bisognerebbe mettersi sempre nei panni degli altri.
 
 
#8 Hatshepsut 2017-02-22 17:00
Bisognava aspettare le sei ore, per l'appunto!!!!!!!!!! Non c'era urgenza alcuna di dare una notizia alle 16:30, avviando la sequela di condivisioni e necrologi facebookiani!!! Ossequi.
 
 
#7 Ff ff 2017-02-22 15:32
Non sono d'accordo, la professionalità di un giornale non si evince nel dare una notizia non ancora diffusa dai diretti interessati( genitori o familiari stretti). Bisogna rispettare le persone che soffrono e che in quei minuti di ansia sono in attesa magari di un responso positivo; inoltre ho saputo che la sorella e' arrivata da fuori paese non sapendo la nuda verità, e sarebbe stato ancora peggio apprendere una simile notizia da una testata giornalistica.
C.que, rimanete sempre una testata giornalistica di buona professionalità.
 
 
#6 Claudio 2017-02-22 15:22
Meritate il Pulitzer.bravi.ciao
 
 
#5 Tex Willer 2017-02-22 13:11
Mi riferisco alla notizia che ha avviato questo chiarimento, ma anche ad altre notizie che hanno spesso suscitato le medesime reazioni.

Credo che si debba ringraziare la testata e la redazione per il lavoro che fanno e per il servizio che rendono alla comunità. Questo vale anche per la cronaca politica, dove l'invettiva e l'animosità forse ci prende con maggiore forza. Non credo si possa parlare di un giornale fazioso o di un laboratorio di notizie false: se così fosse non sarebbe la testata più seguita sul territorio da almeno un decennio. Poi è lecito criticare tutto e tutti, ma almeno indicando l'alternativa e argomentando le proprie tesi. E magari, se ci si sente proprio frustati dalla presenza di questo giornale web "nido di falsità", provare a fondarne uno nuovo che certamente guarderemo e consulteremo, ma che certamente poi dovrà superare la prova degli anni e della credibilità che dovrà conquistarsi.
Ringrazio quindi Cassanoweb per la possibilità che mi da di dire la mia quando ne sento la necessità. Gratuitamente.
 
 
#4 paracaduti e baci 2017-02-22 10:53
Io sostengo il direttore;gli articoli fin dall'inizio sono stati chiari.Basta farsi una lettura delle notizie,in ordine temporale ovvero cronologico.Grazie Direttore.
 
 
#3 Francavolato 2017-02-22 10:14
Non raccogliete provocazioni. Continuate a fare il vostro lavoro con onestà e concretezza come sempre.
Le malelingue, i disattenti e gli ignoranti (che non conoscono i fatti) ci saranno sempre, e non si potrà dare risposta a tutti.
 
 
#2 grandi 2017-02-22 10:06
questo articolo bisognerebbe farlo leggere a tutti gli ignoranti che hanno attaccato la vostra credibilità, dimostrando ancora una volta di quanto sia da ignoranti nonché stupidi parlare su quanto non si conosce.
Al giornale: continuate cosi, il vostro servizio è indispensabile per aprire gli occhi alla popolazione!!!!
 
 
#1 Lettore 2017-02-22 09:28
Non avevo dubbi sulla professionalità!
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI