Inter Club Cassano: si ricomincia...

logo-interclub-cassano copy

All’ indomani della compilazione del calendario calcistico 2015/2016, e dopo la pausa estiva sembrata interminabile, si ricomincia.

Si ricomincia col sperare e sognare.

Sperare.

Sperare in un calcio pulito e onesto che insegni, sia ai bambini che si accingono a conoscere questo bellissimo sport, sia a chiunque pratichi questo antico sport, sia chi “ Appassionatamente “ è tifoso di qualsivoglia club che lo sport è una competizione dal quale esce un solo vincitore. Il vincitore quasi sempre, esclusi i colpi di fortuna, è il più forte. Allora lo sconfitto deve solo riconoscere la superiorità dell’ avversario e rendergliene merito. E impegnarsi con lavoro e sacrificio al fine di eguagliarlo. E le sconfitte ogni tifoso le accetterebbe facendo una semplice riflessione. Riflessione che ho fatto fare alla piangente e afflitta mia piccola Sofia un fatidico 5 Maggio: “ cara mia piccola Sofia è vero che sei triste e addolorata però sappi che in questo momento ci sono tante altre piccole Sofia, Mario, Francesco……….che sono felici e gioiosi “.

Sognare.

Sognare di vincere tutto: triplete, quadruplete, quintuplete ………

Il sogno mio, e penso di tutti gli attuali componenti dell’ Associazione Inter Club G. FACCHETTI, è quello non solo di gioire delle vittorie della nostra Squadra del cuore, ma anche di continuare a rendersi utili sul piano sociale e sportivo e fare molto di più di quanto fatto fin ora per la Nostra Collettività.

Sognare non costa nulla.

Ma i sogni a volte si realizzano. Basta lavorare e fare una squadra forte.

Lavorare è il modo per raggiungere l’ obiettivo.

Fare una squadra forte vuol dire essere compatti e perseguire lo stesso obiettivo.

E per fare una squadra forte è importante anche il supporto del “ Dodicesimo Uomo “.

Il “ Dodicesimo Uomo “ per la Associazione Inter Club G. FACCHETTI sono i soci. Senza di loro non si potrebbe sperare e sognare.

Costruiamo una squadra forte.

Tutti gli Interisti che vorranno far parte di questa squadra non devono far altro che avvicinarsi o riavvicinarsi alla Associazione.

                                                                                  Il Capitano della squadra

                                                                                          Filippo Panzarea