Giustino alla Di Medio: "Le sue parole mi feriscono"

saverio giustino piccola

Dal sig. Saverio Giustino riceviamo e pubblichiamo una risposta alla lettera aperta che la consigliera comunale Maria Pia Di Medio aveva scritto al sindaco Vito Lionetti all'indomani della riparazione delle panchine divelte in Villa da alcuni delinquenti. Secondo la Di Medio il ripristino era stato fatto in fretta e malamente. 

 

 

Dottoressa Di Medio, sono Saverio Giustino, l’operaio addetto alla manutenzione di supporto all’Ufficio Tecnico del Comune di Cassano che ha fatto il ripristino della panchine in Villa.

Dott.sa Di Medio, sono veramente rammaricato che lei scrive Lettera Aperta al sig. Sindaco Vito Lionetti per segnalare che il lavoro fatto per il ripristino delle panche non si doveva usare del cemento, ma mi dica lei come si dovevano reggere in sicurezza se non con il cemento?

Forse lei voleva un lavoro più pulito e su questo sono d’accordo ma non si poteva fare tutto nello stesso giorno perché doveva asciugare bene per poter pulire il tutto. Ma purtroppo il giorno successivo era il 1° maggio e non ho lavorato in quanto era la festa dei lavoratori. Quando avrò completato e pulito il cemento si noterà di meno intanto abbiamo risolto un problema molto serio che io da cassanese verace mi vergogno e mi senso per quello che è stato fatto dai vandali.

Il materiale usato a mia disposizione sono le stesse mattonelle e molte di esse mancavano e una delle panche era stata ripristinata in passato in quanto le foto fatte prima del ripristino evidenziano molto bene il cemento di cui io le fornirò le foto.

Dottoressa sono veramente rammaricato da lei in quanto sindaco precedente sa benissimo cosa significa intervenire tempestivamente e mettere tutto in sicurezza anche perché la Festa del I maggio e il fine settimana dovendo cassano ospitare molti forestieri era uno scempio fare vedere quelle panche in quelle condizioni.

Una cosa vorrei sottolineare.

Nessuno ha fatto casa al cemento usato se non lei che ha sollevato delle polemiche inutili, tanto sappiamo bene chi scrive sul web pur di discriminare al di là di quelle persone che sono positive nel dare buoni consigli per migliorare la comunità.

Ma da lei non me lo aspettavo. Anche se lei sapeva benissimo e ve lo hanno riferito che il lavoro di manutenzione l’ho fatto io. Rispondendo con le vostre parole e ne sono veramente dispiaciuto e non prendo le difese di nessuno perché lei mi conosce molto bene, lei ha detto che negli anni precedenti ci sono stati atti di vandalismo sulle panchine che lei ha fatto rispristinare come gli stessi pali delle segnaletiche, che sono ancora lì e forse nessuno vi ha fatto notare che sono stati essi allo stesso modo con cemento che a distanza di anni è ancora evidente e quando lei dice che la Villa è un biglietto del paese io sono d’accordo con lei ma le voglio far presente che la vasca dei pesci che emette una puzza incredibile, di acqua sporca la quale non viene pulita da oltre due anni come tanti altri punti della pavimentazione come il giardino stesso che è reso in stato di abbandono.

Dottoressa gliela devo proprio dire: li chiamerà pure pezze ma io dico meglio quelle che niente.

Io vi rispondo e mi assumo la responsabilità di quello che scrivo, spero di non averla offesa, sa benissimo che io sono amante della verità e nel paese c’è tanto da fare tanto che se ognuno di noi invece di fare polemiche inutili facesse il proprio dovere avremmo una città più pulita e decorosa come a lei è sempre piaciuta.

Con affetto

SAVERIO GIUSTINO