Briano: "Nessun aumento di costi per lo smaltimento rifiuti"

briano

 Dall'Assessore all'Ecologia del Comune di Cassano, riceviamo e pubblichiamo.

 

Il Consiglio Regionale, nonostante l’Anci (l'Associazione comuni italiani) si fosse espressa per un rinvio di un ulteriore anno per l’entrata in vigore, rappresentando le legittime richieste di molti sindaci, ha approvato una rimodulazione dell’Ecotassa, elevando la soglia massima da 15 a 25,82 euro/tonnellata, oltre Iva, per i rifiuti non differenziati conferiti in discarica.

L’ecotassa, cosi come rimodulata, introduce misure di mitigazione della tassazione per quei Comuni che non hanno ancora raggiunto la soglia minima della raccolta differenziata.

Il testo approvato in  Consiglio regionale stabilisce che “tutti i Comuni che prevedono di conseguire a giugno 2014 una percentuale di raccolta differenziata pari ad almeno il 5% in più rispetto ai dati validati riferiti al periodo settembre 2012-agosto 2013, sono esentati dal versamento mensile del differenziale del contributo (15-25,82 euro), fermo restando l’obbligo di provvedere all’eventuale conguaglio entro settembre 2014. Il contributo non versato sarà destinato esclusivamente a concorrere alla spesa di gestione del servizio rifiuti urbani.

L’emendamento prevede anche il criterio di premialità stabilendo che “in via eccezionale” i Comuni che dimostrano di aver conseguito l’obbiettivo di raccolta differenziata del 65%, entro il 28 Febbraio 2014, possono chiedere la rimodulazione dell’aliquota. Sono previsti in fine poteri sostitutivi da parte della Regione (entro 60 giorni dall’entrata in vigore della legge) nei confronti dei Comuni inadempienti al fine di conseguire l’incremento percentuale di raccolta differenziata pari ad almeno il 5%.

Mentre l’Ecotassa, così come rimodulata, penalizza, pur in presenza di una mitigazione della tassazione, i Comuni che non hanno ancora avviato la raccolta differenziata e che per effetto della Legge Regionale 24/2012 sono costretti ad attendere l’esito delle procedure di gara esperite dalle autorità d’ambito (ARO), per l’affidamento del servizio unico, dall’altro premiano i Comuni cosidetti “Virtuosi, tra i quali a pieno titolo si è inserito il nostro Comune.

I traguardi indicati dalla legge regionale, con i criteri già espressi prima, sono sicuramente alla nostra portata. E’ indubbio che il raggiungimento dell’obiettivo di raccolta differenziata del 65% entro il mese di Febbraio 2014, consentirebbe al Comune una riduzione dell’Ecotassa, considerato che per l’anno 2013 ha inciso sui costi complessivi per 57 mila euro già in diminuzione, sui valori dell’anno 2012, per effetto dell’avvio del nuovo servizio.

L’Amministrazione Comunale nel ringraziare i cittadini che, dimostratisi sensibili alle tematiche ambientali, si sono impegnati nella raccolta differenziata, esorta tutti a proseguire sulla strada ormai tracciata al fine del conseguimento di sempre più importanti risultati e prestigiosi riconoscimenti.

La chiusura del ciclo dei rifiuti, la riduzione al minimo dell’Ecotassa, la possibilità di accesso ad impianti pubblici di trattamento rifiuti a prezzi più ragionevoli, una seria politica di riduzione dei rifiuti, l’incremento e la qualità delle singole frazioni raccolte potranno costituire una reale possibilità affinché gli stessi rifiuti possano trasformarsi in risorsa, con ricadute positive in termini economici per la collettività.

E’ destituita, pertanto, di ogni fondamento l’affermazione del gruppo politico di Sel secondo la quale il Comune, pur in presenza di una diminuzione dell’Ecotassa (diminuzione  in realtà riferita al 2014 per quei Comuni con alte percentuali di raccolta differenziata) ha aumentato i costi.

Buona raccolta differenziata a tutti.