Zullo: "la Regione agevola? E chi ci crede più?"

zullo

Sulla nota del circolo cittadino cassanese di SEL a proposito della tassa rifiuti, riceviamo e pubblichiamo un comunicato da Ignazio Zullo, Capogruppo alla Regione Puglia del PdL-Forza Italia.

 

 

Che la Regione agevoli ormai ci credono in pochi!

Che la Puglia o i pugliesi o i Comuni siano beneficiati dalla Regione ci credono in pochi e sono quelli che si ritrovano un posto di lavoro pubblico senza un concorso ma per tessera politica ottenuto sulla testa di tanti altri ragazzi ai quali non è stata data la possibilità di misurarsi sul merito e che, con un emendamento nella legge di stabilità del Governo nazionale molto discusso, rischiavano di essere anche stabilizzati.

E’ chiaro che quelle persone oggi devono rendere conto al padrone mistificando i fatti e la mistificazione sta nel fatto che il primo avversario di Vendola sulla politica dei rifiuti è la sezione regionale dell’ANCI (Associazione Nazionale Comuni d’Italia) e, se nella legge di bilancio approvata il 20 dicembre scorso, abbiamo costretto Vendola a fare retromarcia sull’ecotassa che avrebbe salassato ancor più i cittadini è perchè Vendola, messo alle strette, ha preso coscienza ed ammesso le proprie responsabilità.

Responsabilità che sono nei ritardi degli interventi strutturali ed impiantistici con un Piano rifiuti approvato solo qualche mese fa e nell’attuazione della L.R. 24/2012 nonostante fin dal 2005 oltre ad essere Presidente della Giunta Regionale è anche Commissario delegato per l’Emergenza Ambientale.

La tassa rifiuti non è esosa solo a Cassano ma in tutti i Comuni della Puglia e ne ho contezza certa per la mia attività di Capogruppo in Consiglio Regionale essendomi confrontato con i Sindaci di centro, centrodestra e centrosinistra proprio in occasione della discussione del bilancio regionale di previsione 2014 del 20 dicembre scorso.

Pochi impianti, gestiti senza controllo della tariffa di conferimento dei rifiuti e dislocati a distanze considerevoli dai luoghi di produzione dei rifiuti incidono fortemente sui costi e sulla qualità dei servizi con l’accondiscendenza di Vendola che con proprie Ordinanze ordina ai Comuni dove portare i rifuti e quanto pagare di fronte a Sindaci inermi ed impotenti.

Il vero dramma è che di fronte a dati di fatto così ineludibili, c’è ancora chi crede di acquisire consenso sparando a zero su amministratori locali, Sindaci e Assessori, che stanno veramente dannandosi l’anima per tenere in piedi i bilanci comunali tra tagli e tasse statali e regionali ed inefficienze di un Presidente che anzichè governare ambiva alla propria carriera politica inseguendo Bersani sui tetti di Roma per contendergli la leadership del centrosinistra nel mentre la Puglia, utilizzata a proprio uso e consumo, cadeva in un’immane questione morale.

Ai cittadini dico una verità vera: ci vuole coraggio oggi ad essere Sindaco di una città!  Ed ogni cittadino pensi: se fossi io il Sindaco, sarebbe diversa la situazione del mio Comune?