Pd, IMU: di nuovo una beffa a Cassano (le agevolazioni perdute)

rico arganese

Dal Gruppo Consiliare PD - VIVI CASSANO, riceviamo e pubblichiamo.

 

Oggi i cittadini di Cassano alle casse per pagare l'IMU.

Già nel 2012 (leggi l'articolo) dimostrammo come gran parte dei nostri cittadini potevano essere esentati dalla tassa IMU sulla "prima casa" con una apposita rimodulazione e diversa impostazione del regolamento comunale sull'IMU.

Ma la nostra proposta non fu accolta dalla maggioranza PDL di questo comune.

Quest'anno invece l'amministrazione targata Di Medio e l'assessore al bilancio Antelmi hanno IMPEDITO ai cittadini di Cassano che abitano in case concesse loro in comodato dai genitori o dai figli, di usufruire delle agevolazioni IMU sulla prima casa, previste dalla legge.

Nel mese di Novembre, in Commissione Consiliare, il nostro gruppo consiliare "PD - VIVI CASSANO" aveva chiesto chiarimenti sulla attuazione di questa agevolazione e ne aveva sollecitato la soluzione.

Ma, come al solito, il buio e nessuna risposta concreta in Commissione.

La commissione consiliare tenuta, appositamente, a ridosso del Consiglio Comunale ci ha IMPEDITO anche di formulare emendamenti e proposte di variazione sia all'IMU che al Bilancio di Previsione 2013.

In Consiglio Comunale la attuale maggioranza non ha nemmeno sfiorato l'argomento.

Il nostro gruppo consiliare ha nuovamente sollevato la questione chiedendo di assimilare alla abitazione principale gli immobili concessi in comodato a parenti.

Ma ancora una volta il buio .... alla "faccia", questa volta, dei cittadini.

Se l'amministrazione Di Medio avesse approvato la variazione e la agevolazione proposte dal gruppo PD - Vivi Cassano, sarebbero stati esentati dal pagamento dell'IMU, come la prima casa, i tanti concittadini che concedono gratuitamente ai propri figli o ai propri genitori la casa e non sarebbero stati più gravati da una tassa che fino ad oggi è sembrata ai più una vera ingiustizia. 

Perché la beffa ?

Perché questa agevolazione NON sarebbe gravata sulle casse comunali in quanto il mancato gettito per il Comune sarebbe stato garantito da fondi statali che il Governo ha messo a disposizione nella fase di conversione in legge del D.L. n. 102 del 31.08.2013 avvenuto a fine ottobre.

In questo periodo di crisi e di "angustie" economiche occorreva aiutare le famiglie in tutti i modi, tanto più se lo Stato ne dava la possibilità

Lo stesso trattamento è stato riservato ai cittadini cassanesi residenti all'estero: nessuna decisione per esentare ed agevolare dalla tassa IMU gli immobili non locati per i cittadini cassanesi residenti all'estero per lavoro iscritti all'AIRE.

Questa la "sensibilità" di questa amministrazione nei confronti dei cittadini !!!

Insomma si poteva NON PAGARE senza gravare sulle casse del Comune !!!

Come si può "definire" questo atteggiamento da parte della amministrazione in carica se non una beffa ?

Cari Cittadini adesso sapete a chi chiedere il RIMBORSO dell'IMU.  NON allo Stato, NON al Comune ma direttamente all'attuale amministrazione ..... senza esenzioni e senza deroghe.

Per il 2013 si sono assunti una responsabilità che grava tutta su di loro. Per il 2014 noi torniamo comunque a chiedere UN INTERVENTO IMMEDIATO all'Amministrazione: variare il Regolamento IMU per consentire ai cittadini di usufruire delle agevolazioni che la legge prevede.

 

 

Il Gruppo Consiliare PD - VIVI CASSANO

Arganese Quirico - Busto Domenica - Paparella Simeone