Lunedì 22 Luglio 2019
   
Text Size

Bilancio di Previsione: nuova replica di Lorenzo Fiore

lettera

 Prosegue il dialogo sul recente Bilancio di Previsione 2013 del Comune di Cassano. Pubblichiamo la replica del sig. Lorenzo Fiore all'assessore Franco Antelmi. In questa stessa pagina potete leggere le note precedenti.

 

Conferme e novità nelle risposte dell’Assessore Antelmi sul Bilancio Comunale.

 

 

Caro Assessore, la chiave di volta del mio intervento precedente era tutta nel titolo che, evidentemente, è sfuggita. Quando sostenevo che ‘per i soldi si perdono le migliori mangiate’ intendevo proprio dire che la coperta era troppo corta: vale a dire che anche a rischio di sottoporsi alla critica feroce dell’opposizione, l’Amministrazione ha dovuto effettuare scelte dolorose e, per altro, non strategiche visto l’approssimarsi della scadenza del mandato.

E questo in linea generale, mentre su talune voci, più in particolare, le decisioni sono rimaste quasi una scelta inter nos (o vos, in questo caso), praticamente riservate, senza fornire indispensabili chiarificazioni e motivazioni per convincere della loro ineludibilità anche gli avversari politici e i cittadini, soprattutto.

Con ordine.

Per quanto riguarda la flessione di alcune VOCI DI SPESA, Lei sostanzialmente ammette che ci sono state e, per una in particolare, ciò è dipeso da minori risorse pervenute dalla Regione Puglia. Bene, anzi male, per quello che mi riguarda: comunque basta saperlo!

Per quanto riguarda l’aumento dell’IMPOSIZIONE FISCALE, anche in questo caso Lei ammette che l’IMU ha visto le aliquote invariate pur a fronte di un aggravio del trasferimento statale, il che significa che il prevedibile sgravio non si è verificato. Per l’addizionale Irpef il gettito realizzato è stato maggiore del previsto, a parità di aliquote, il che significa che si poteva allentare la morsa sui contribuenti che la pagano ma si è preferito non farlo. Anche in questi due passaggi ripeto amaramente che basta saperlo: ma qualcosa in più si poteva e si doveva fare.

Un discorso a parte merita la TARSU. E’ solare che, in questo caso, l’aumento del 5,50% è in forte contraddizione con quello che era stato ‘sbandierato’ in occasione del rinnovo dell’appalto e dell’adozione della raccolta differenziata. Non so cosa potranno risponderLe gli avversari politici chiamati in causa, ma è inaccettabile che Lei venga oggi a giustificare il mancato ridimensionamento delle aliquote e, ancor più, il significativo aumento delle stesse (che fa seguito a quello ancor più rilevante dei 2 anni precedenti) giustificandosi con mancati adeguamenti del passato. Non può usare allocuzioni tanto forbite (del tipo “grazie ar piffero direbbero a Roma”)  per scaricare le Sue responsabilità di oggi su responsabilità dei Suoi predecessori tutte da dimostrare, altrimenti mi costringerebbe ad usare lo stesso esempio che fa Lei ma facendo ricorso più prosaicamente alla parolaccia a cui corrisponde il significato del termine capitolino da Lei inopportunamente utilizzato. Sul punto, concretamente, nonostante l’impegno materiale richiesto ai Cassanesi, il servizio costa molto di più (sarà anche per corresponsabilità della Regione!?) e Lei aveva, insieme all’assessore del ramo, il dovere di dirlo con chiarezza prima e di  non continuare a negarlo anche dopo.

La rinuncia alle INDENNITA’, peraltro ritenute modeste per l’impegno che la responsabilità richiede, era un passaggio ‘a favore’ nel senso che i percipienti hanno ritenuto di farne a meno mentre, a mio avviso, si poteva mettere mano, una volta per tutte, a quella teoria interminabile di sagre ed eventi, fuori luogo (sagra della pecora, del cardoncello, del panzerotto, …) e concentrarsi su non più di 2. Risparmiare per comparire, tradotto in cassanese.

Anche sul discorso del RANDAGISMO (costo triplicato in 2 anni) io discutevo sul fatto che girano per il paese ancora ‘greggi’ di cani randagi che, talvolta, impediscono di uscire di casa anche per depositare i bidoncini dell’immondizia, e che quello dell’umido spesso si trova rovesciato e parzialmente svuotato. Se, poi, i randagi li dobbiamo allevare (Lei dice che i Cassanesi possono andare orgogliosi di vantare la proprietà di ben 265 cinoquadrupedi, con costo di 200 mila euro annui) allora basta saperlo: possiamo pure decidere di rinunciare alla refezione scolastica dei bambini consolandoci di essere proprietari -pro quota- di un cane ergastolano chiuso in una gabbia tutta la vita o quasi. Brutta cosa la demagogia, canina!!!   

Sulle problematiche più rilevanti, La ringrazio che in questa sede ha voluto fornire qualche ulteriore dettaglio di non poco conto che da il destro a qualche ulteriore considerazione:

- sul DERIVATO prendiamo atto, adesso, che la valutazione rimane quella riferita alla quotazione alla sera del 31/12 dell’anno scorso e che, quindi, meglio avrebbe fatto a ‘chiedere prezzi’ aggiornati per consentire, a 30 giorni dalla chiusura del bilancio 2013, di poter valutare se l’accantonamento di 300 mila euro rimane adeguato o meno. Se, poi, devo prendere atto, sempre adesso, che l’incidenza del ‘costo di immunizzazione’ (che Lei chiama scommessa, e forse non sbaglia!) per il 2013 è stato di oltre 58 mila euro allora, pur non conoscendo il vero rischio finanziario ‘assicurato’, un pò di decisionismo si doveva adottare, perché convengo che costituisce una spada di Damocle sulla testa dei cittadini che vi eravate impegnati a risolvere;

-quanto al FONDO SVALUTAZIONE CREDITI, implementato di ulteriori 33 mila euro nel 2013 fino a saldare lo stesso a circa 263 mila euro, La prego, Assessore, si rifiuti di fare battute del tipo “rivolgetevi al mago Otelma” per la valutazione del grado di esigibilità dei residui attivi ante 2008. Si immagina cosa succederebbe qualora si rispondesse in questi termini ad un Organo di Vigilanza, appena diligente? Glieli svaluterebbe tutti per intero. Chi ha la ‘storia’ delle poste imputate deve, dico deve, metterLa in grado di dare risposte sensate e predisporre un bilancio attendibile il più possibile.

Diversamente, così facendo, se per un verso mi costringe, offendendosi, a ritirare la battuta sul gioco della ‘scopa’, per l’altro mi spinge a sostituirla con quella del gioco delle ‘delle tre carte’.

Comunque, La ringrazio ancora per il franco confronto.

Lorenzo Fiore

 

Commenti  

 
#16 obiettivo 2013-12-09 11:07
Sig.Fiore qui ci vogliono i fatti,molti sanno parlare ma hanno mai dimostrato nulla!!!
 
 
#15 Fiorone 2013-12-09 08:57
x commento 11
Hai perfettamente ragione, tutto quello che hai scritto riguarda esattamente quello che ha fatto la passata amministrazione, vedi ecomostro via Santeramo. Maxicontributo? Vediti le carte della passata amministrazione 15.000 euro a chi? poi ne riparliamo.
Andiamo insieme al comando della polizia municipale e controlliamo i verbali degli ultimi anni. Vedrai che sorpresa! E dai finiscila non sei credibile ex amministratore.
 
 
#14 animalista 2013-12-08 23:23
Gentile signore, credo che le idee abbiano sempre un carattere di oggettivita che le rende confrontabili a prescindere dai dati anagrafici di chi le esprime.
 
 
#13 pistolino 2013-12-08 20:00
parole parole parole sig. Fiore capiamo le sue intenzioni ma qui al comune c'è bisogno di gente che vada ad amministrare e lavorare nell'interesse della gente e soprattutto che non porti odii e arroganza nel comune.
 
 
#12 Lorenzo Fiore 2013-12-08 16:55
@Animalista #8
Vede, signore/a, io sono prontissimo e interessatissimo a risponderLe sul 'randagismo', ma anche a scambiare punti di vista , seppur da punti di vista diversi, su come risolvere il problema. Ma vuole essere gentile dal farmi sapere con chi mi devo confrontare. Il confronto, come quello tra me e l'Assessore Antelmi, è duro ma alla pari e leale: io so chi è lui e viceversa. Lei non può sottrarsi a questa regola, almeno per quello che mi riguarda.
 
 
#11 inquisitore 2013-12-08 11:42
Eccoli che scondinzolano... forza argomentate, forza diteci dieci buoni motivi per confermare sto ciarpame al potere. Vi aiuto io: vediamo, vi hanno fatto annullare la multa, vi hanno fatto parcheggiare l'auto liberamente in piazza, vi hanno permesso di costruire dove non potevate, vi hanno dato un maxi contributo per la vostra inutile manifestazione, vi hanno fatto avere una concessione a tempo di record... continuate voi... io ho già la nausea...

Obiettivo, mi spiace deluderti, ma non mi metto al servizio di gente inutile come te. Raffaella le chiacchiere si fanno in piazza, poi nquando c'è da confrontarsi (vedi progetto lame) i tuoi idoli scappano tutti... in primavera avrete grandi sorprese e non verranno dalle urne...
 
 
#10 inquisitore 2013-12-08 08:52
"Adele" fermaaaa... il sistema funziona? E chi lo dice tu? A me non è cambiato nulla. Io conferivo i miei rifiuti differenziati già 10 anni fa. Ma non ho visto risultati nè a breve nè a lungo termine. Il sistema Esper ha serie falle. Personalmente ritengo che ci siamo liberati dei cassonetti ma tutti sti bidoni buttati per strada fanno veramente schifo per il decoro urbano. AL nord Europa la raccolta è fatta con i cassonetti tradizionali che non si vedono semplicemnte perchpè sono nascosti fra isole di siepi... ma il verde qui è un miraggio... Per l'inquinamento è un discorso a parte. E' vero che si riducono i conferimenti in una discarica e ma è pur vero che hai un maggior traffico di camion per la raccolta con conseguente inquinamento atmosferico/acustico. Ma a te cosa vuoi che te ne freghi... Te l'ho scritto manca una seria politica ecosostenibile... Alla fine qui se avevamo il vecchio sistema pagavamo uguale (meno costi di raccolta ma maggiori di conferimento) ma con questo sistema è il gestore che ci guadagna di più... e già... il mio non è odio politico ma è una seria presa di coscienza che ad una ditta che non ha MAI fatto bene il lavoro per la quale è starpagata... si continua ad affidarsi. Per me (e non solo....) c'è bene altro che semplice amore per l'ambiente.

PS: basta farsi un giro nell'isola ecologica per capire che a questi non gliene frega niente dell'ambiente. A proposito... la ASL sa ++++MODERATO++++
 
 
#9 Animalista 2013-12-08 08:49
E Lei Sig. Fiore come consiglia di risolvere il problema dei 200 mila euro per i cani? Non li vuole per strada (dice che c'è n'è sono già' tanti) non li vuole nel canile e allora cosa ne dovremmo fare? Sopprimerli? Sa che ci sono leggi che impongono ai comuni di farsene carico? Sa che la presenza di tanti cani e' dovuta all'inciviltà di tanti possessori di cani? Spero che mi risponda laddove vorrà e potrà.
 
 
#8 Adele Campanale 2013-12-08 08:07
Ci possono essere numerose spiegazioni del perchè al momento a guadagnarci è solo l'ambiente e non i cittadini (che contraddittoria questa frase: ma qui, evidentemente, si capisce solo e soltanto il guadagno immediato....).
fatto sta che Cassano sta facendo scuola: la Esper, cioè la società torinese che ha progettato il servizio rifiuti a Cassano, è stata incaricata dall'ARO Ba/5 (Acquaviva, Gioia, ecc.) di disegnare il loro progetto rifiuti. Che avrà il porta a porta spinto come Cassano. Leggete qua:
http://www.acquavivanet.it/attualita/4922-laro-ba-5-ha-affidato-il-piano-industriale-alla-esper.html

Per cui, inquisitore: le tue sono solo chiacchiere da odio politico....ti brucia che il sistema funzioni e che altre amministrazioni lo copino.....e cico io: come si fa a dire che il porta a porta è una scusa? Sei un totale +++moderato++++
 
 
#7 inquisitore 2013-12-07 20:40
Cara Adele, mi spiace deluderti ma le streghe stanno in Procura. Ne vedrai delle belle.
 
 
#6 capire 2013-12-07 17:55
Buona sera Adele bello il suo commento o la sua spiegazione, una cosa non ho capito come mai nel resto dell' europa tutti ci guadagno dall indiferenziata e noi invece mai ?
sarei proprio lieto di capire il perchè. La informo che in germania al momento dello smaltimento il cittadino ha un bonuo valido dovunque(beni di prima neccessità)
grazie
 
 
#5 Adele Campanale 2013-12-07 17:54
Inquisitore: puoi crederci o no ma non sono nè Briano nè altri se non quello che mi firmo. Ti da fastidio? E' un tuo problema. So solo una cosa: visto che non riesci ad argomentare le tue tesi se non accusando e scrivendo luoghi comuni,faresti meglio a tacere. Fosse per te, oggi ci sarebbero ancora le streghe, in giro.
 
 
#4 Nico Taccogna 2013-12-07 16:21
Leggo ora la replica del Signor Fiore, paragonabile ad una vera e propria ARRAMPICATA SUGLI SPECCHI, repliche che effettivamente non hanno un senso, effettivamente non riescono a contraddire la VERITA', anche perchè la VERITA' è impossibile da smentire !!!
Credo che l'assessore ANTELMI abbia dato risposte più che esaustive ad ogni singola replica e provocazione e credo anche che la Signora di cui sopra ADELE CAMPANALE abbia fornito la risposta più plausibile all'aumento della TARSU: è un investimento per il futuro dei CASSANESI !!

Per quanto riguarda il tema del randagismo, credo che con le sue parole si sia offeso, e non di poco, il valore affettivo che ogni essere umano ripone nel CANE.

Saluti.
 
 
#3 Raffaella 2013-12-07 16:11
E dal Mago Otelma nessun commento?? Dov'è? Dove si è nascosto?
 
 
#2 inquisitore 2013-12-07 11:27
Questa Adele così ben informata... e così di parte... sarà Briano?

1) TUTTO aumenta. La monnezza è diventata la cosa più cara in questa società. Lei dunque mi consiglia di investire in una tonellata di rigìfiuti o in BOT e CCT? Cara Adele il mercato è fatto di domanda e offerta. Io spesso mi trovo nella situazione in cui mi di sice "se vuoi lavorare questo ti posso pagare". Bene perchè non lo si fa con i signori della monnezza questo discorso? Perchè gli si permette di tenere il gioco? La monnezza non aumenta per nulla. E' solo un lucroso business in mano alle mafie.

2) il servizio porta a porta nessuno ci obbligato a farlo: io la trovo una gigantesca scusa per gonfiare il costo del servizio. in altri paese d'Italia ci sono altre modalità di raccolta con costi inferiori e che premiano i cittadini virtuosi in tempo reale!

3) la legislazione in materia nel frattempo si è evoluta, certo, ma non si sono evolute le forme di risparmio. A battere cassa si è bravi tutti, ad inventare costi si è bravissimi.

4) il costo del conferimento in discarica è aumentato si... è diventato l'alibi.

5) Non tutte le voci di costo sono a carico dei cittadini.

6) Si certo, Colummella vinceva per la sua discarica. A Cassano con i gemelli offre un servizio pessimo da 20 anni ma sta sempre lì... chissà perchè...

Infine i risultati... 100mila euro sono un risparmio RI DI CO LO. Non coprono manco l'aumento di quest'anno!!! A cosa mi serve differenziare? A cosa se non vedo un risparmio? Una politica corretta ecosostenibile deve produrre risparmio non maggiore spesa!
 
 
#1 Adele Campanale 2013-12-07 09:20
Trovo normale che il costo del servizio rifiuti sia aumentato, per almeno cinque buoni motivi:

1) Il vecchio appalto era del 2004 ovvero 8 anni fa (il nuovo è del 2012) e sappiamo che TUTTO aumenta;

2) parliamo di servizio porta-a-porta che è notoriamente dal costo più elevato;

3) la legislazione in materia nel frattempo si è evoluta, chiedendo alle amministrazioni nuovi controlli e nuovi strumenti che inevitabilmente si scaricano sui costi finali (si pensi, ad esempio, al controllo sull'attuazione dell'appalto, fatto da una società esterna oppure sulla qualità della differenziata). Costi che col precedente appalto non c'erano perchè non richiesti.

4) il costo del conferimento in discarica è aumentato (quasi il doppio!) rispetto a qualche anno fa e seppure oggi noi cassanesi conferiamo di meno rispetto al passato, comunque si paga di più.

5) Da considerare, poi, c'è il fatto che fino a qualche anno fa il costo della Tarsu doveva essere coperto dai cittadini per una quota che arrivava al 95%. Oggi la quota è del 100%: il Comune, cioè, non può metterci nulla da altre voci di Bialcnio ma tutto il servizio DEVE ESSERE PAGATO dai cittadini.

6) Questa - come suol dirsi - taglia la testa al toro. Il motivo principale per cui il vecchio appalto era meno costoso risiede nel fatto che la Tradeco AVEVA LA PROPRIA DISCARICA AD ALTAMURA!!!!!!! Non doveva pagare nulla e nessuno, come adesso fa. Infatti la discarica è stata chiusa, perchè esaurita....Non dovendo pagare nulla, Colummella poteva pagare di meno (e vinceva tanti appalti). Oggi NON E' PIU' COSI'. Oggi il costo del conferimento in discarica aveva un costo

Infine, è notorio anche ai non addetti ai lavori che gli effetti della raccolta differenziata non si esplicano SUBITO ma occorre tempo. Basti pensare, ad esempio, che se Cassano proseguirà con questo trend di differenziata, nel 2015 NON PAGHERA' L'ECOTASSA (circa 100mila euro in meno all'anno). Il che significa risparmio.....ma occorre tempo.

grazie per l'attenzione
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.