Mercoledì 16 Ottobre 2019
   
Text Size

"Villaggio del Fanciullo" come merce di scambio? No, grazie

Lorenzo Fiore 2

Ho letto la lettera aperta di Angelo Cortese sulla dolorosa vicenda della confisca del Villaggio del Fanciullo.

Anche lui, Angelo, mio coetaneo nonché mio compagno di banco tra scuola elementare e media, oggi famoso e apprezzato artista che da lustro alla nostra Cassano, anche lui dicevo ha avvertito il bisogno di denunciare l’ingiuria che si sta perpetrando ai danni dei Cassanesi, che come me forse lo meriterebbero, ma soprattutto nei confronti del mai troppo compianto Don Battista (ma anche dei suoi congiunti che per diversi lustri l’hanno affiancato nella nascita e nella crescita dell’opera).

Ho usato il termine ‘anche’ a proposito, in quanto è già da qualche mese che anch’io mi sto occupando e sto approfondendo la vicenda, non prima di aver avuto un confronto franco e accorato con una familiare (che avrebbe potuto vantare diritti ereditari). Ho richiesto le pubbliche visure catastali dell’immobile e mi sono procurato copia dell’atto originale della donazione consacrata il 22/luglio/1998 per atto notaio Macaione.

Al di la di quelle che sono state le alterne vicende, che hanno caratterizzato l’attività delle Amministrazioni cittadine sulla destinazione del complesso (compresi i crediti non riscossi per oneri di urbanizzazione dovuti dalla Fondazione, da compensare (??), ma di cui in sostanza per oltre un decennio non se ne è ottenuta la riscossione), quello che mi ha spinto ad interessarmi della questione è stata la notizia che il Villaggio costituisce, ormai, “merce di scambio”. In sostanza la Fondazione di Pavia, per “ristorare” lo Stato dei danni procurati con le corruttele perpetrate nei confronti della Regione Lombardia, ma soprattutto con lo scopo di ridurre l’entità delle condanne penali, oggi utilizza anche la generosa donazione di Don Armienti, quale indegna ed immeritata destinazione del suo ingegno, dei suoi sacrifici e dell’intenso lavoro dei suoi preziosi collaboratori (anche stretti familiari).

Mai avrei potuto immaginare, giovane neodiplomato di inizio anni ’70, in quanto assiduo frequentatore di quei luoghi perché stretto collaboratore di Don Battista, che tale splendida opera, vanto della nostra Comunità, potesse addirittura costituire oggi vera merce di scambio (non mi viene un altro termine!) per ‘annacquare’ le responsabilità penali e patrimoniali di criminali incalliti, spacciatisi anche per operatori illuminati in campo medico-scientifico.

Ed è anche per questo ultimo aspetto, il lato affettivo che mi procura commozione, che mi sono spinto ad approfondire la problematica, memore di nozioni ed esperienze in campo professionale in ordine all’istituto giuridico della ‘donazione’.

Ma con ordine.

Da un attento esame del’atto di donazione (sopra menzionato) si rileva che:

-i) il valore del bene donato ai fini fiscali veniva determinato nella misura di lire 3.560.000.000 (tremiliardicinquecentosessantamilioni);

-ii) che ai fini del trattamento tributario la Fondazione invocava, per la donazione, i benefici di legge per le seguenti fattispecie di imposte:

a) esenzione dall’imposta di donazione (D. Lgs. 31/10/1990 n. 346) trattandosi di donazione a favore di fondazione riconosciuta con scopo esclusivo di finalità di ricerca scientifica, assistenza e pubblica utilità;

b) esenzione dall’imposta ipotecaria (D. Lgs. 31/10/1990 n. 347), per la medesima causale sub a);

c) esenzione imposta catastale ai sensi stesso D. Lgs . e causale di cui al punto sub b);

d) esente da imposta Invim ai sensi DPR 26/10/1972 n. 643, in quanto la donazione ha scopo scientifico di assistenza, ricerca scientifica e pubblica utilità, avendo intenzione la Fondazione donataria di realizzare nella struttura oggetto della donazione reparti per la riabilitazione neuro-motoria a lungo degenza e per il trattamento riabilitativo delle patologie psichiatriche, nonché attività ambulatoriale e/o in day-hospital per la riabilitazione dei deficit neuromotori dei bimbi handicappati, come dichiara il legale rappresentante dell’Ente donatario.

Orbene, alla luce di quanto accaduto (mancato adempimento primario della ‘obbligazione’ sottostante allo scopo della donazione stessa) e della violazione fiscale (la cui esenzione era palesemente vincolata alla destinazione medico-scientifica), appare ictu oculi che la donazione stessa potrebbe non essersi materialmente mai realizzata per il venir meno delle disposizioni condizionanti.

Vieppiù, oggi alla luce delle sopravvenute ragioni connesse all’atto di confisca in corso, il donatario (Fondazione), per altro penalmente perseguito, potrebbe tranquillamente essere incorso nelle ipotesi di cui all’art. 801 del codice civile (c.d. Revocazione per ingratitudine) per la specifica previsione di cui al punto n. 2 (‘abbia arrecato grave pregiudizio al patrimonio del donante con la propria condotta dolosa’).

Sia ben chiaro, non ho alcuna pretesa di aver legalmente sviscerato la questione né individuato una ipotesi di linea di azione, che potrebbero, a mio avviso, imboccare la pubblica Amministrazione e /o un Comitato di cittadini (per il mancato introito dall’invocata agevolazione fiscale!), ma sono pronto ad aggiungermi e collaborare con tutti, dico tutti, coloro che volessero scongiurare un grave danno alla nostra Comunità, che andrebbe a sommarsi alla beffa già perpetrata ai danni di noi Terroni!

Commenti  

 
#22 romolo 2013-10-23 17:35
In tutta onesta auspico che l'atto di donazione sia annullato e che la fondazione se la prenda dove merita.
 
 
#21 Rosacanina 2013-10-23 11:43
Sono d'accordo con cittadino , commento 18, finalmente un discorso serio e logico!
 
 
#20 ORCHIDEA SELVAGGIA 2013-10-23 10:57
X GB
Si,infatti!...incrociamo le dita,spero che le"persone giuste"che hanno fatto un passo in avanti agiscano in buona fede(io mi auspico solo questo)in modo tale da poterle seguire....
 
 
#19 Cosimo 2013-10-23 10:33
Il problema che nessuna focalizza è che del Villaggio è stata fatta merce di scambio per rimediare a vicende giudiziarie della Lombardia che riguardano esponenti del PDL. E' l'azione che è squallida. La fondazione maugeri ha dimostrato di non essere affatto radicata nel territorio se non per interessi privati. I dipendenti sono numeri, compreso l'assessore Antelmi. Perché state pur certi che se avesse la possibilità di farlo questa fondazione chiuderebbe la sede cassanese per una sede più consona e moderna come già stava pensando di fare.
Non gliene frega nulla: hanno avuto un regalo e l'hanno cestinato per rimediare alle loro nefandezze.
Non mi dite che sono un vanto per Cassano: non ci meritano. Ingrati +++

PS: Zullo a parti inverse avrebbe speso fiumi d'inchiostro se la posto di Formigoni ci fosse stato Vendola. Ma verrà anche il suo tempo.
 
 
#18 Cittadino 2013-10-23 08:44
Ho riletto più volte gli interventi di Cortese, Fiore e Armienti. Peccato che fra i tre manchi totalmente un filo conduttore.
Il primo auspica che l'amministrazione possa interessarsi per l'acquisizione del bene e quindi possa destinarlo alle associazioni.
Il buon Fiore adombra sospetti sulla legittimità della donazione alla luce dei risvolti successivi e quindi, a questo punto, anche la confisca non avrebbe valore legale.
La Sig.ra Armienti vorrebbe un comitato di cittadini che possa fare "pressing" non si capisce verso chi e che cosa.
Se il quadro è questo significa che, probabilmente, ci si avventura in una diatriba legale molto lunga e dagli esiti incerti. E, ammettendo che la cosa vada a buon fine, ci sarebbe da adeguare l'immobile (con quali fondi?) e poi, successivamente, affidarlo a non si sa bene quale associazione (Affidamento diretto, gara pubblica o cosa?) Ne riparliamo tra 20 anni insomma ....
 
 
#17 pinuccio lanzolla 2013-10-23 06:49
X teo. Complimenti per la squadra da mettere in campo alle prossime amministrative. Con persone senza voti e destabilizzanti perderemo alla grandissima.
 
 
#16 renato 2013-10-22 19:11
E chi questo Fiore?? un'altro mammasantissima? Con la foto del Fatto Quotidiano sotto gli occhi. Si vede lontano un miglio quali sono gli obiettivi. Ma per favore.
 
 
#15 Lorenzo Fiore 2013-10-22 17:08
Preciso che non rispondo a chi non si fa identificare,come faccio io, soprattutto quando si fanno domande e/o si esprimono giudizi così tranchant!
Per la vicenda Villaggio del Fanciullo a tutti i malfidati commentatori oggi pomeriggio ha risposto la Nipote di Don Battista, Lina Armienti, che, sostanzialmente, ha gradito e ringraziato anche per il mio interessamento e, guarda caso, auspica la nascita di un Comitato o Gruppo che si interessi della vicenda. Ho deciso di mettere nero su bianco, facendo seguito ad una lettera aperta di Angelo Cortese (candidato Sindaco pure lui??), precisando che della vicenda mi stavo interessando da qualche tempo a seguito, proprio, della notizia della confisca in corso. Per il resto ho sottolineato di tenere in disparte eventuali responsabilità della Amministrazione cittadina sulla vicenda, perchè non era questa la sede di trattazione.
Io non sono mai scomparso nè riapparso (questo teme qualcuno?!)sono pronto ad esaudire anche le sospette curiosità politiche (non su questo articolo, per favore, sarebbe fuori tema) ad una sola condizione: che le domande me le ponga una persona identificata, anche solo dalla Redazione.
 
 
#14 il nobile conte 2013-10-22 16:20
ah ah ah un altro col sangue blu ??
 
 
#13 Gb x ORCHIDEA 2013-10-22 15:10
Non di "persona giusta" ma di "persone giuste" parlavo ( www.cassanoweb.it/cronaca/23931-lex-qvillaggio-del-fanciulloq-rischia-la-confisca-da-parte-della-procura-di-milano.html )ovvero di chi, SENZA PERSONALISMI, ha a cuore le sorti della comunità cassanese: nè quelle personali, nè quelle politiche ammantate di bontà (tutta e solo elettorale, come finora è accaduto).
Mi sembra che qualcosa stia muovendosi....
 
 
#12 ORCHIDEA SELVAGGIA 2013-10-22 10:30
Anch'io come altri cassanesi sono molto rammaricata x la confisca del Villaggio del Fanciullo,nel mio piccolo vorrei fare qualcosa,però.....
Ho ammirato nei commenti di altri artt. inerenti all'argomento l'interessamento di altri lettori e del sig.Fiore,in effetti è molto strano: quest'ultimo era "scomparso dalla circolazione" ed è riapparso improvvisamente "accanendosi"sulle sorti di tale immobile a tal punto da entrare in possesso dell'atto e scrivere una lettera al sig.GB?...mah!io voglio sperare che il sig.Fiore stia agendo in buona fede e non in "cattiva",cioè che non stia preparando "terreno fertile"x le prox amministrative(come qualcuno insinua)la risposta l'avremo fra qualche mese quando saranno affisse le liste elettorali
X IL SIG.GB
Lei in un art.ha lanciato "un appello"affinchè si facesse avanti "la persona giusta"alludeva ad un professionista(avvocato)oppure ad "uno di noi"?
 
 
#11 h2O 2013-10-22 08:56
ha ragione lamapreistoria e sono veramente di un unico squallore alcune esternazioni fatte. Cerchiamo di non strumentalizzare la lama e i pensieri gente comune che nulla a che vedere con bramosie elettoralistiche
 
 
#10 Rododendro 2013-10-22 03:07
Fiore chi?
 
 
#9 obiettivo 2013-10-22 00:11
Ma cosa dici sig. Fiore pensa ai dipendenti che sono cittadini di Cassano che ci lavorano,lei dovrebbe mettersi nei loro panni.
 
 
#8 Lino N. 2013-10-21 21:27
Mah, ormai qui puzza tutto. Magari Fiore dice cose serie, ma qui è tutto inquinato e ... ho il presentimento che la fregatura da qualche parte stia per arrivare. Occhio al didietro!
 
 
#7 Lamapreistoria 2013-10-21 21:19
Questo gruppo di personaggi capeggiati dal sig. Fiore dovrebbero farsi un lungo esame di coscenza prima di intraprendere qualsiasi scelta. Nasceva qualche mese fa un comitato con idee e principi sani. A distanza di pochissimo tempo questa gente si infila in ogni discussione, in ogni dove. Palesemente un modo per mettersi in mostra in arrivo delle prossime elezioni amministrative. Una preghiera, se non vi allontanate dalla politica, i giovani di questo paese non avranno mai l'occasione di fare qualcosa. Statevi alle case, il vostro tempo l'avete già fatto non vi basta? Dai andatevente via...per favore...ci mancavano solo gli ambientalisti "stagionali"
 
 
#6 Uno 2013-10-21 20:56
Il prossimo Sindaco?????? Ma mi faccia il piacere!!!!!!
 
 
#5 Lino 2013-10-21 20:39
Caro Lorenzo, leggendo i commenti che mi hanno preceduto, mi verrebbe da dire: ma davvero i Cassanesi meritano che ci si impegni in questa faccenda?
Bepp64: ma non ti vergogni?
Mattia Lobuono: sai pensare solo al voto? I buoni sentimenti non esistono?
 
 
#4 Cosimo P. 2013-10-21 19:21
anche io sono un coetaneo di lorenzo e gli chiedo di starne fuori dalla politica perché non ti voterò.
 
 
#3 Bepp64 2013-10-21 19:02
Ma chi è questo sig. Fiore? Il prossimo Sindaco di Cassano?????? Seeee, e cosa ha fatto o sa fare di buono????
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.