Martedì 25 Gennaio 2022
   
Text Size

VITO LIONETTI: A ROMA PER UNA GRANDE LEZIONE DI VITA. IL RESTO, TUTTE BUGIE

Per la prima volta nella storia della scuola elementare di Cassano si è organizzata una visita guidata alla città di Roma. E’ stato un evento straordinario: per due giorni i nostri piccoli alunni hanno potuto osservare i posti della storia antica e le sedi istituzionali a coronamento di un progetto di Educazione alla Cittadinanza Attiva. Questo viaggio è stato fortemente voluto dal sottoscritto, che per primo ha lanciato l’idea che poi è stata condivisa da tutta l’interclasse di quinta.

C’è voluto uno sforzo organizzativo notevole per trovare il posto dove far alloggiare gli oltre cento fanciulli e i loro accompagnatori. C’è da precisare che su sei classi quinte, una classe ha deciso di non far pernottare i bambini e di raggiungere gli altri per la sola visita a Montecitorio.

Anche in questo caso la scuola si è adoperata per risolvere ogni problema organizzativo e di trasporto.

 

Dopo tanta passione, tanto lavoro e sacrificio c’è un buontempone che con odio, disprezzo, arroganza e raccontando menzogne butta fango ancora una volta sul mondo della scuola.

Si, perché questo personaggio non è la prima volta che attacca gli insegnanti.

 

Questa mattina quando ho distribuito ai miei colleghi la fotocopia dell’insieme delle plateali bugie scritte su questo viaggio, immediatamente è stato riconosciuto quel triste personaggio che durante  l’assemblea dei genitori sull’allora decreto Gelmini ebbe a dire che “finalmente si abolivano privilegi” e che gli insegnanti, “contestavano la riforma solo per tutelare il proprio posto di lavoro” (come se ciò fosse un delitto…) e che era giusto tornare al maestro unico. Senza nessuna consapevolezza del grave danno formativo e appunto occupazionale che la scuola sta pagando.

Si è immediatamente scoperta la contraddizione tra queste affermazioni e l’ipocrita “sviolinata” sull’importanza del lavoro dei docenti fatta solo per “captazio benevolentia”(non ci casca nessuno).

 

Ma veniamo ai fatti.  

 

Il giorno della visita all’aula di Montecitorio ci hanno a raggiunto Roma il Sindaco ed il suo vice per accompagnare gli alunni e per dare loro completezza di cognizione sui vari livelli di divisione dei poteri dello Stato.

 

A questo punto necessita un chiarimento sull’ingresso dei partecipanti.

 

Normalmente a Montecitorio le scolaresche entrano in gruppi di 40 – 50 persone.

Noi sapevamo sin dall’inizio che  dovevamo portare circa 120 alunni più una trentina tra docenti e genitori. Problema risolto a monte grazie al continuo contatto tra il vicesindaco e la segreteria dell’on. Bruno, a cui abbiamo fornito con buon anticipo l’elenco di tutti i partecipanti (cosa che io stesso ho provveduto a raccogliere e inviare). All’ingresso ho consegnato al funzionario della Camera copia degli elenchi delle classi che già erano a Roma dal giorno precedente ed ho chiesto alle colleghe della classe arrivata in quel momento di fornirmi il loro, precisando che ci potevano essere problemi di ingresso unicamente per quei genitori non compresi negli elenchi precedentemente inviati. (D’altra parte se non erano negli elenchi è lecito chiedersi che ci facevano lì?).

In ogni caso io stesso ho concordato con il funzionario che potevano entravano tutti quelli che erano fuori divisi in due gruppi, (tre classi con rispettivi insegnanti e genitori alle 13,30; le altre tre classi sempre con insegnanti e genitori mezz’ora dopo).

 

Quindi è completamente falsa e ingenerosa l’accusa di non aver fatto niente e i colleghi e i genitori presenti sono testimoni dell’ impegno profuso.

 

E’ iniziata la visita con Sindaco e Vice in testa, gli alunni sono stati sistemati nei vari palchi prospicienti la maestosa “Aula” dove ogni giorno si riunisce la “Camera dei deputati” e hanno appreso qual è l’iter per l’approvazioni delle leggi e i nostri Amministratori presenti e seduti con i bambini.

La visita è proseguita con una fermata al famoso “Transatlantico” dove c’erano molti deputati e qualche famoso personaggio politico ci ha salutato.

 

All’uscita il Sindaco ha parlato agli alunni e i genitori del primo gruppo, (l’altro gruppo era ancora impegnato nella visita).  Ha voluto rimarcare l’importanza del luogo visitato, la necessità della conoscenza della nostra Costituzione e il valore dell’impegno civico e che la sua presenza lì era a sostegno dei nostri concittadini più piccoli e infine ha tenuto a precisare che si è pagato il viaggio di tasca sua

 

Una esperienza straordinaria la visita a Montecitorio. Una lezione di vita magistrale. Questo resterà ai nostri alunni.

 

E purtroppo anche adulti che mentono e le loro bugie non sono innocue come quelle dei piccoli, ma utilizzate per fare del male. Se questo è il “nuovo” che avanza…

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.