Martedì 23 Aprile 2019
   
Text Size

Apprendimento automatico e intelligenza artificiale: un incontro

locandina 1

L’intelligenza artificiale ha cambiato e cambierà il nostro modo di vivere. Pensiamo al riconoscimento vocale regolarmente utilizzato dagli smartphone e dai sistemi di sicurezza. La tendenza è irreversibile.

E, se la ricerca di base è ancora lontana dal sogno di realizzare "macchine pensanti" , con il vertiginoso crescere e diffondersi delle tecnologie informatiche e delle telecomunicazioni, le applicazioni pratiche con caratteristiche "intelligenti" sono entrate nel quotidiano Come l’essere umano potrà gestire questa trasformazione?

Siamo di fronte ad una rivoluzione silenziosa L’Unesco, con la Conferenza internazionale a Parigi del 4 marzo 2019 ha posto le basi per un approccio globale umanistico alla cosiddetta intelligenza artificiale. Per la prima volta soggetti pubblici e privati, enti governativi e non, esponenti del mondo scientifico, accademico, mediale, della società civile si sono confrontati sulla materia con un approccio globale umanistico.

L’Intelligenza artificiale che ci affascina e ci inquieta, ci rincorre e ci precede in ogni nostro agire, richiede una riflessione globale che vada al di là di una visione tecnologica.

Papa Francesco ritiene che: se “da un lato lo sviluppo tecnologico ci ha permesso di risolvere problemi fino a pochi anni fa insormontabili”, “d’altro lato sono emerse difficoltà e minacce” “insidiose”, dove “il ‘poter fare’ rischia di oscurare il ‘chi fa’ e il ‘per chi fa’.

La tecnica non può dunque mai intendersi “come una forza” “estranea e ostile” all’uomo, ma sempre “come prodotto del suo ingegno attraverso cui provvede alle esigenze del vivere per sé e per gli altri”. La tecnologia quindi deve diventare un alleato dell’uomo, non un avversario e l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico (OCSE) ha istituito un osservatorio sull’intelligenza artificiale.

Ci è sembrato utile proporre ai giovani , immersi in un universo tecnologico, una riflessione su questo tema nell’ottica di un’educazione di qualità, come previsto dall’Agenda 2030 per lo sviluppo Sostenibile, pertanto nell’ambito della manifestazione Cassanoscienza, Mercoledì 3 aprile 2019, alle ore 11.00 presso l’Auditorium “Maria Lassandro” dell’I.I.S.S. “Leonardo da Vinci”di Cassano delle Murge, il Club per l’Unesco di Cassano delle Murge promuove il seminario “L’Apprendimento Automatico e il “corpo di conoscenze” di un sistema intelligente”.

La prof.ssa Floriana Esposito, Professore ordinario di Sistemi di Elaborazione dell'Informazione Università degli Studi Aldo Moro di Bari affronterà il tema dell’Intelligenza Artificiale e del ruolo dell’uomo che, di questa intelligenza, è il vero fattore abilitante. Nel corso della presentazione si porrà l’accento sulla rappresentazione della conoscenza nei sistemi artificiali e sui metodi di Machine Learning.

L’incontro sarà introdotto e coordinato dalla Presidente emerita del Club per l’Unesco di Cassano Maria Simone.

locandina copy copy copy copy copy copy copy copy

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI