Lunedì 10 Dicembre 2018
   
Text Size

Il 7 ottobre nuova edizione del "Vespa Raid nel Parco"

39810765 2209313595808415 7399956109563265024 n 1

 

Ci siamo: domenica 7 ottobre 2018 torna l’evento organizzato dal Vespa Club Cassano delle Murge denominato “VespaRaid del Parco”

La manifestazione, giunta alla V edizione,  è diventata ormai una classica nel panorama delle manifestazioni turistico-sportive del Vespa Club d’Italia, infatti anche quest’anno l’evento è stato inserito nel calendario del Campionato Italiano Rievocazioni Storiche ed ha ottenuto il patrocinio della Reg. Puglia, della Città Metropolitana di Bari, del GAL  Terre di Murgia e dei Comuni di Cassano delle Murge e di Santeramo in Colle.

Il percorso di circa 80 Km, da percorrere ad una velocità media di 25 Km/h, darà la possibilità ai partecipanti di poter godere appieno delle bellezze che il territorio del Parco dell’Alta Murgia offre.

Seguendo le indicazioni di un Road Book e di una tabella di marcia i conduttori dovranno, lungo il percorso, effettuare una serie di controlli a timbro, fotografici e orari.

Tutti i partecipanti, dovranno mostrare la loro abilità nel rispettare i tempi di percorrenza ed effettuare tutti i controlli previsti e, soprattutto, tagliare il traguardo con una precisione al decimo di secondo per non incorrere nelle penalità previste.

Gli oltre 90 partecipanti in rappresentanza di oltre 18 Vespa Club Italiani, provenienti dal Trentino, Emilia Romagna, Lazio, Calabria e Puglia avranno modo di poter apprezzare siti di interesse storico come l’antico stabilimento vitivinicolo “De Laurentis” (http://www.barinedita.it/storie-e-curiosita/n2986-la-storia-dello-stabilimento-de-laurentis--quando-santeramo-era-una-piccola-bordeaux), la masseria fortificata “JESCE” (https://www.federicus.it/2018/04/03/masseria-jesce/?cn-reloaded=1).

Siti aperti appositamente per l’occasione e molto spesso sconosciuti.

La direzione della manifestazione è stata affidata al Direttore Sportivo del Vespa Club d’Italia, Leonardo Pilati.

L’appuntamento è per domenica 7 ottobre in piazza Mario Rossani dove alle ore 9,30 è prevista la partenza del primo conducente.

 

 

Commenti  

 
#10 Enzo 2018-10-07 10:04
Come mai nessuno si ribella per la macchine agricole molto vecchie che circolano quotidianamente nel paese??? Sono Euro00, non a norma, e rumorosissimi visto che ci lamentiamo tutti quando alle 4.30 di mattina transitano per il nostro paese!!
 
 
#9 Gianluca 2018-10-07 08:30
x commento 8

a Cassano si deve fare quel che si può. Volete queste vespe in giro, andatevene a Mercadante, chi non gradisce quell'inquinamento, non capisco perché deve subirlo lo stesso.
Ad una mia conoscente che fumava troppo un giorno le dissi "fumi troppo" e lei da ignorante mi rispose "tant semb ama mrii".
Il suo modo di pensare è lo stesso! Da censura.
 
 
#8 bravi 2018-10-06 18:10
Per ecologista , psicoKiller e gianluca...
e' per colpa di quelli come voi che non si fa più niente a Cassano, tanto ci si muore lo stesso con o senza inquinamento, non credo che un piccolo giro nel paese possa inquinare così tanto il paese!
 
 
#7 Vespone 2018-10-05 09:46
Bravi ragazzi, per fortuna ci siete voi, non ad animare ma a inquinare l'aria di questo paese, già rovinata dai Tir Santermani che l'attraversano ogni giorno.
Come si dice, a casa in fiamme dagli fuoco.
 
 
#6 Bravi 2018-10-04 22:09
Bravi ragazzi....grazie perché date un po' di brio a questo paese morto!
 
 
#5 Gino 2018-10-03 19:49
Ottimo ragazzi!!!!!! Per fortuna ci siete voi ad animare questo paese :roll: :roll:
 
 
#4 Tre 2018-10-03 18:58
Tre sapientoni ...Gianluca batte tutti ..bravo
 
 
#3 Gianluca 2018-10-03 11:32
se facessero controlli alle vespe d'epoca come li fanno fare a tutti noi presso i centri di controllo ogni 2 anni a pagamento dai risultati verrebbe fuori che non possono circolare
a qualcuno però piacciono queste manifestazioni perché ci guadagna e l'inquinamento viene dopo
 
 
#2 Psico Killer 2018-10-03 09:18
X commento 1
Condivido al 100% . Questi macinini non dovrebbero circolare. Sarebbe bello vederli in un museo .
 
 
#1 Ecologista 2018-10-03 08:15
Ricordatevi le mascherine, questi ciclomotori degl'anni 50, inquinano peggio dei diesel euro 3, dove in alcune città italiane proprio in questi giorni è stata vietata la circolazione.
Un occhio particolare ai piccini, non fateli stare dietro alle vespe in moto, respirano smog, come se stessero in gallerie dove passano i mezzi pesanti. Quelle marmitte non hanno nessun filtro per trattenere le polveri, sono state costruite nel dopo guerra.
Fate attenzione, adesso nessuno ci fa caso o non vuole farci caso, magari tra 10 anni quando accenderete il cervello, mi darete ragione.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI