Bankitalia commissaria la Banca Popolare di Bari

Banca popolare di Bari-2

La Banca d’Italia ha disposto lo scioglimento degli organi con funzioni di amministrazione e controllo della Banca Popolare di Bari e la sottoposizione della stessa alla procedura di amministrazione straordinaria, ai sensi degli articoli 70 e 98 del Testo Unico Bancario, in ragione delle perdite patrimoniali.

Lo spiega in una nota lo stesso Istituto barese che a Cassano ha una storica filiale, in via Vittorio Emanuele III e forti legami con l'ex Presidente Marco Jacobini che sulle Murge cassanesi possiede un "ranch" e non ha mai lesinato aiuti per iniziative pubbliche e private in veste di sponsor o benefattore. 

Bankitalia ha nominato Enrico Ajello e Antonio Blandini commissari straordinari e Livia Casale, Francesco Fioretto e Andrea Grosso componenti del comitato di sorveglianza. A questi ultimi, si legge nella nota, è affidato il presidio della situazione aziendale, la predisposizione delle attività necessarie alla ricapitalizzazione della banca nonché la finalizzazione delle negoziazioni con i soggetti che hanno già manifestato interesse all’intervento di rilancio della banca.

«La banca - si legge nella comunicazione con cui, sul sito della banca, si è dato conto dell'avvio dell'amministrazione straordinaria - prosegue regolarmente la propria attività. La clientela può pertanto continuare ad operare presso gli sportelli con la consueta fiducia».