Covid-19, stabili i contagi a Cassano

WhatsApp Image 2020-10-09 at 17.09.38 (1)

 

Stabile il numero dei contagiati dal Covid-19 a Cassano delle Murge, secondo i dati incrociati di Prefettura di Bari e Dipartimento Prevenzione della Asl Bari.

Attualmente le persone positive al coronavirus sono 15 di cui solo una è ospedalizzata – ma in buone condizioni – mentre le altre sono a casa in quarantena fiduciaria.

Sedici, invece, i cassanesi “in osservazione” ovvero le persone che hanno richiesto di effettuare il tampone e sono in attesa di effettuarlo oppure di risposta o, ancora, che hanno avuto contatti stretti con le persone considerate positive e sono in attesa del secondo tampone negativo.

Ma come si spiega il fatto che poco più di una decina di giorni fa i positivi al virus erano 17?

I dati parlano chiaro: a fronte di persone che sono guarite ovvero negativizzate ce ne sono altre che invece sono risultati positivi ai test effettuati, lasciando dunque pressochè invariato il numero dei contagiati. Ciò significa, dunque, che la “fiammata” – non un vero e proprio focolaio – cassanese è ancora ardente e dunque l’attenzione deve continuare ad essere massima.

La cittadinanza sembra aver recepito bene le ultime disposizione regionali e governative sull’utilizzo delle mascherine e del distanziamento fisico nei luoghi al chiuso ma non sono poche le criticità che si riscontrano in occasione dell’entrate e dell’uscita dagli Istituti scolastici cassanesi. Come denunciano diversi genitori, infatti, gli adulti che accompagnano e prelevano a fine giornata gli alunni non sempre rispetterebbero le norme, accalcandosi pericolosamente ai cancelli d’ingresso nonostante i piani di sicurezza predisposti dal Comune e dalle scuole proprio per evitare tali situazioni.

Da quel che ci risulta l’Amministrazione Di Medio ha sollecitato maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine – Carabinieri, Polizia Locale e Guardie Giurate che svolgono il servizio in convenzione con il Comune – che già questa mattina pare abbiamo multato tre signore che non indossavano la mascherina nella zona del mercato, area affollata e dunque rientrante fra le aree dove è d’obbligo indossarla.

Controlli, poi, anche al di fuori dell’IISS “Leonardo da Vinci” da parte degli uomini della PL al Comando di Tommaso Ciccarone dato che spesso gruppi di ragazze e ragazzi stazionano dinanzi alla scuola in maniera rischiosa.

Controlli anche presso diversi esercizi commerciali cassanesi ma nessuna sanzione è stata elevata essendo rispettate le principali norme di prevenzione. 

Silenzio, infine, da parte della Regione Puglia sulla criticità denunciate a bordo dei mezzi di trasporto pubblico locale dove in teoria si dovrebbe viaggiare all’80% della capienza massima ma in realtà gli autobus sono strapieni di studenti, lavoratori e pendolari sulle tratte Cassano-Acquaviva, Cassano-Bari e Cassano-Altamura.

Nonostante il sollecito dell’Anci Puglia e di diversi sindaci che denunciano il rischio di contagio che si crea  sui mezzi pubblici, la Regione per ora ha chiesto ai gestori dei servizi report dettagliati sull’andamento dei numeri delle persone trasportate ma nulla di più. Di corse aggiuntive, insomma, non se ne parla.