CAMPO “FRATRES”, DOMANDE AI POLITICI

incontro_con_gli_amministratori-fratres

Alla scoperta del centro storico di Cassano attraverso i giochi con cui sono cresciuti i  nostri avi e conoscere i meccanismi dell’amministrare una comunità. Questi i temi della giornata di venerdì del “cappellaio matto”, il campo scuola estivo promosso dalla Fratres di Cassano.


Seppur sotto le temperature roventi, i ragazzi non si sono lasciati trascinare dall’afa degli oltre 40 gradi e hanno dato vita nel centro storico a divertenti giochi di abilità tra cui la corsa con un cucchiaio e un pomodoro tenuti  in equilibrio tra i denti, o la gara di velocità a chi mangiava più velocemente la fetta di anguria, la corsa coi mezzi di locomozione creati con materiale povero, o ancora la corsa in coppia con un palloncino pieno d’acqua che non andava rotto… ovviamente al termine di questa prova di abilità i ragazzi si sono scatenati nella piazzetta Rossani lanciandosi e lanciando agli animatori  i gavettoni: l’atmosfera di festa è divenuta consuetudine!


Presenti  in questa giornata anche gli amministratori comunali che sono intervenuti divertiti e incuriositi mettendosi a disposizione delle domande dei giovani ansiosi di incontrare il sindaco, gli assessori all’istruzione e alle politiche giovanili. Nella minuscola sede Fratres in piazza Rossani, per oltre un’ora, (oltre ogni tempo massimo preventivato) un confronto di dialogo interessante e intelligente ha fatto in modo che i ragazzi superassero la timidezza e ponessero domande sui temi a loro più cari, come l’apertura della scuola anche di pomeriggio, come già accade in Europa, la pista ciclabile sicura e una maggiore attenzione allo sport e al campo sportivo sicuramente da rivalutare.


E a chi ancora pensa che i giovani d’oggi non hanno alcun interresse a occuparsi di cose da grandi, invitiamo a chiedere conferme ai presenti e agli stessi amministratori comunali.