Doppi turni a scuola, parte una petizione

bus-sovraffollato_ev-770x370

 Giornata di protesta, ieri, per moltissimi studenti delle scuole superiori in tutta la provincia di Bari con  sit-it, scioperi improvvisati e manifestazioni davanti al Palazzo della Prefettura di Bari nonchè in alcune piazze dei centri urbani per dire "no" ai doppi turni nelle scuole e per la carenza dei trasporti.

Secondo le disposizioni emanate dalla Prefettura, infatti, gli studenti entrano a scuola in due turni diversi, soprattutto per evitare assembramenti e l'affollamento sui mezzi pubblici: il primo turno è alle ore 8.00 il secondo alle 9.40 e dunque escono, rispettivamebte, alle 13.00 ed alle 14.40 spesso senza avere la possibilità di tornare a casa a causa dell'assenza degli autobus.

Al tavolo tecnico tenutosi ai primi di settembre in Prefettura, le aziende di trasporto pubblico locale avevano dato il proprio assenso, dinanzi al Prefetto, nel potenziare il numero delle corse e dunque alleviare i disagi degli studenti ma, denunciando questi ultimi assieme alle loro famiglie, le corse ed i mezzi sono rimasti sempre quelli, senza alcuna variazione positiva.

Da qui la protesta che nel nostro territorio colpisce duramente gli studenti di Acquaviva delle Fonti che frequentano l'I.I.S.S. "Leonardo da Vinci": all'uscita alla quinta ora, dunque alle 14.40, l'autobus per tornare a casa o non c'è oppure è così stracolmo da rendere impossibile per tutti viaggiarci.

Anche per questo motivo alcuni genitori hanno avviato una raccolta firme on-line per il "ripristino degli orari scolastici nell'area metropolitina adi Bari".

Per firmare, clicca qui.