Il Comune ha deciso: l'ex "Casa Bianca" si affitta

casa-bianca

Il Comune ha finalmente deciso di concedere in fitto la struttura nei pressi di Piazza Dante, comunemente chiamata “ex Casa Bianca” per un ventennio utilizzata quale clinica privata dell’omonima società.

La Giunta Comunale, all’unanimità, ha infatti dato il via libera agli uffici per indire la gara per l’aggiudicazione della struttura che dovrà avere un utilizzo socio-sanitario e per un valore di 123.750 euro (oltre iva) dunque chi vorrà affittare la struttura dovrà sborsare un fitto mensile di 10.312 euro (oltre iva).

Il contratto di affitto non potrà essere inferiore ai 9 anni e chi la prenderà in fitto dovrà anche fornire una garanzia contrattuale pari ad un anno di fitto dunque, come detto, 123.750 euro.

Ovviamente chi si aggiudicherà, tramite l’asta pubblica, la struttura dovrà farsi carico della devastazione interna dell’immobile: impianti oramai inesistenti perché divelti, vandalizzati e derubati; macerie di non poco conto e soprattutto quintali di rifiuti, anche “speciali” il cui smaltimento sarà ovviamente a carico del nuovo affittuario.

Tutte spese che, come accade per le abitazioni private, saranno a carico del nuovo affittuario ma poi sicuramente scomputate sull’affitto mensile del Comune con un importante danno per le casse comunali che si aggiunge a quello già notevole della mancata locazione per questi lunghi anni.

E’ dal novembre 2015, infatti, che l’immobile è vuoto, dopo il trasloco a Conversano della società che gestiva “Casa Bianca hospital”: quasi sei anni di mancati incassi da parte del Comune anche se, incredibilmente, nei Bilancio Comunali la somma del presunto affitto continuava ad essere inserita nella voce “entrate”.

Ora c’è da augurarsi che la gara non vada deserta dato che la sanità privata, anche quella convenzionata, non naviga certo in acque tranquille e un investimento cosi importante non è una decisione che può essere presa  a cuor leggero.