I commercianti senza accordo: niente luminarie

15697808_1848025438811699_6003028387678568096_n

Dopo due anni di attività si prende una pausa "Reazione a catena", il gruppo dei commercianti ed operatori economici cassanesi protagonista, nelle ultime due edizioni delle festività natalizie, dell'abbellimento delle strade del nostro paese.

Quest'anno non c'è stato accordo nè interesse da parte di molti per posizionare luminarie e allestire il mercatino in piazza Garibaldi, come due anni fa e nonostante l'Amministrazione Comunale avesse fatto presente che c'era un importante contributo per le attività.

Pare che alla base del disinteresse ci sia stato lo scarso entusiasmo dei commercianti, in molti casi fiaccati dalla crisi ma soprattutto una non chiara visione progettuale di quello che dovrebbe essere lo spendersi per la comunità: non l'egoistico "metti la luce dinanzi al mio negozio o non ti do la 100 euro" ma il vedere tutto il paese addobbato a festa e illuminato.

Un paese bello, attrattivo, che invita ad uscire, guardare le vetrine, incontrarsi e, perchè no?, anche spendere qualcosa.

Il risultato finale, invece?

Il paese è spento ed ogni commerciante - magari pagando la stessa cifra! - sta abbellendo in autonomia l'ingresso della propria attività commerciale con luci, alberi e addobbi.

La lezione di due anni consecutivi durante i quali è stato dimostrato con i fatti che l'unione fa la forza non è stata sufficiente: quest'anno dunque, ognuno per sè.