La Di Medio come i fascisti nei manifesti murali

IMG_20210707_155704 (1)

 Manifestini murali che ritraggono, con un fotomontaggio di pessima qualità, la Sindaca di Cassano delle Murge come una fascista di antica memoria alle prese con un bidoncino di olio di ricino da versare sui "problemi di Cassano". 

Una idea che avrebbe voluto essere, forse, goliarda ma che riporta alla mente tristi vicende storiche della nostra Italia, in cui l'olio di ricino era diventato un arma per dissuadere ogni possibile dissenso verso il bascente regime fascista.

I manifestini sono stati scoperti ieri - e presumibilmente sono stati affissi di notte - lungo il porticato di via Vittorio Emanuele II, sulle colonne assieme a manifesti pubblicitari abusivi.

Ovviamente anonimi, sono "firmati" con il logo dell'Istituto "Luce", casa di produzione del ventennio fascista e ricordano molto da vicino altri manifestini del genere comparsi durante le Elezioni Regionali dell'anno scorso che prendevano di mira il candidato di Fratelli d'Italia Ignazio Zullo e il candidato governatore Raffaele Fitto.

Ma da dove nasce l'idea di ritrarre la Sindaca cassanese con l'olio di ricino?

E' possibile che il tutto faccia riferimento ad alcuni "post" su un popolare social-network scambiati, risalneti a diversi mesi fa, fra la Di Medio ed alcuni lettori in merito all'ennesimo rinvenimento di rifiuti conferiti illecitamente nel Centro Storico a cui seguirono commenti fra cittadini e la stessa Di Medio. 

 

 

WhatsApp Image 2021-07-07 at 14.20.10 WhatsApp Image 2021-07-07 at 14.20.11

 

 

 

La Di Medio non ha voluto commentare l'accaduto.