Il Revisore boccia il PEG. La Giunta lo annulla e riapprova

Municipio nuovissima

Bocciato, perché la delibera che lo conteneva è stata ritenuta illegittima dal Revisore Unico del Comune di Cassano delle Murge quindi riapprovato dalla Giunta Comunale il Piano delle Performance 2019/2021 unitamente al Piano Economico di Gestione.

Gli “attriti” fra l’Amministrazione Di Medio e l’ormai ex Segretario Generale del Comune lasciano strascichi anche in questi giorni.

Lo scorso 28 agosto, infatti, la Giunta Comunale (assenti Giustino e Campanale) ha dovuto prima revocare una vecchia delibera (la n. 58 del 13 giugno) quindi riapprovare due importanti documenti programmatici attinenti al personale del Comune ed alla sua gestione nonché gli obiettivi e le risorse finanziarie per ciascuno dei settori dell’ente.

Delibera in realtà già adottata, appunto, lo scorso 13 giugno dalla Giunta Comunale ma “bocciata” dal Revisore Unico, Gianfranco Montanaro ritenendola illegittima “perché priva dei prescritti pareri tecnici dei competenti Responsabili dei Servizi”, reputando la stessa Delibera “non pertinente per rappresentare validamente il presupposto per l’adozione di ulteriori provvedimenti” oltre a ravvisare criticità sull’iter amministrativo per cui la stessa Delibera è stata creata.

La Giunta Comunale ha dunque nuovamente rivisto il PEG, tenendo conto delle criticità sollevate da Montanaro, e riapprovato il documento, stavolta con l’assistenza del vice-Segretario Stefano Colucci e con tanto di visto di “regolarità contabile” a firma di Isabella Liguigli.

Sulla questione abbiamo interpellato l’Assessora al Bilancio e Personale Annamaria Caprio per capire se ci sono preoccupazione in merito ad atti approvati dalla Giunta e inficiati dalla revoca: “Il Revisore dei conti- ha dichiarato la Caprio - chiamato ad esprimersi sulla proposta di variazione del fabbisogno del personale, incidentalmente (in quanto allo stesso mai trasmessa, nonostante così disposto nel deliberato), nel prendere visione della DGC 58 del 13/6/2019 che approvava il piano delle performance, propedeutico alla stessa, ha espresso criticità relativamente alla mancanza dei pareri tecnico e contabile (non ritenuti necessari dal Segretario nel corso della relativa seduta di giunta, nonostante le perplessità in merito espresse dai relativi componenti) e all'iter seguito nell'approvazione del piano delle performance. Pertanto, il parere negativo ha riguardato la proposta di variazione del fabbisogno e non la DGC n.58/2019. Tuttavia, la Giunta preso atto di quanto segnalato, ha ritenuto opportuno revocare in autotutela la dgc58 e riapprovare il piano delle performance e il connesso Peg con la nuova DGC 79 del 28/08/2019. Di conseguenza la successiva DGC n. 83 del 05/09/2019 ha ottenuto il parere favorevole del revisore”.

Per l’Assessora non ci saranno conseguenze per gli atti successivi a quella Delibera.