Piano di Zona, le minoranze: "C'è chi dice no e chi dorme"

minoranza febbraio 2019 1

 Dai cinque Consiglieri Comunali di minoranza, riceviamo e pubblichiamo una nota in merito alle vicende del Piano di Zona che in questi giorni sta facendo discutere dopo la lettera che il Sindaco di Acquaviva Davide Carlucci, dinanzi all'ennesimo disservizio, ha inviato al Prefetto di Bari. 

 

 

Ci sono Sindaci e sindaci.

C'è il Sindaco di Acquaviva Carlucci che si ribella per come viene gestito il piano sociale di zona con Grumo capofila - non è la prima volta avendolo già fatto a proposito della piscina- e c'è il Sindaco Di Medio favorevole, fin quando non folgorata sulla via di Damasco, alla piscina di Grumo da realizzarsi sia con i soldi del Piano di Zona, sia  anche con i soldi del nostro Comune.

La Di Medio oggi è ingiustificatamente disinteressata alla mancanza di assistenza ad anziani e disabili nella criticità del mese di Agosto.

Sarebbe il caso che anche il nostro Comune si batta per il Commissariamento del Piano Sociale di Zona – visti i pessimi risultati- e per l'istituzione di una Commissione di Indagine anche a livello regionale, perché sia fatta chiarezza su tante criticità.

Un Sindaco con la “s” maiuscola lo farebbe anche a ferragosto!