Venerdì 25 Maggio 2018
   
Text Size

Consorzi di bonifica e tributo "630": due proposte da Colonna

consorzio bonifica

La recente approvazione, da parte del Commissario Straordinario del Consorzio di Bonifica “Terre d’Apulia”, delle liste di carico relative al contributo per la difesa idraulica riferite all’anno 2015 (cosiddetto “cod. 630”) e al recupero delle quote “sottominimi” relative all’anno 2014 (ovvero delle imposizioni di importo esiguo che, sommandosi con il contributo 2015, superano il minimo esigibile pari a € 12,00), con la conseguente trasmissione ai contribuenti interessati degli avvisi di pagamento, sta riaccendendo, in questi giorni, un dibattito diffuso tra i proprietari di immobili ricompresi nel territorio consortile, gli operatori agricoli, le associazioni di categoria e, più in generale, i cittadini coinvolti, sull’utilità stessa di questi Enti e sulla loro effettiva capacità di rispondere tempestivamente alle esigenze per cui sono stati istituiti.

Sulla vicenda, registriamo un intervento del Consigliere regionale Enzo Colonna che spiega: “gli avvisi di pagamento inviati in questi giorni dal commissario straordinario del Consorzio di Bonifica “Terre d’Apulia” sono un contributo imposto ai proprietari dei beni situati entro il perimetro del comprensorio e finalizzato a consentire la realizzazione, la manutenzione e l’esercizio delle opere necessarie a garantire la bonifica delle aree o la corretta gestione della risorsa idrica.

Il contributo, però, può essere imposto solo nel caso in cui si sia effettivamente generato, per il singolo proprietario, quel particolare beneficio, specifico e diretto, finalizzato a migliorare la qualità e ad incrementare il valore del terreno inserito nel comprensorio del consorzio.

Altra condizione indispensabile è che sia stato approvato il cosiddetto “Piano di Classifica” e cioè lo strumento tecnico-amministrativo per mezzo del quale il Consorzio provvede alla individuazione, sulla base di precisi indici tecnici ed economici, dei benefici specifici che gli immobili ricadenti all’interno del comprensorio consortile traggono dall’attività di bonifica posta in essere.

Per quanto riguarda il Consorzio “Terre d’Apulia”, il Piano di Classifica è stato approvato dalla Giunta regionale con Deliberazione n. 1148 del 18 giugno 2013 e, sulla base di questo, il Consorzio procede ad emettere gli avvisi di pagamento.

Questo, però, ritengo non sia sufficiente, da solo, a giustificare l’imposizione del contributo, dovendosi verificare in concreto se l’attività svolta ha determinato effettivamente quel beneficio previsto per i singoli consorziati che possa rendere legittima la pretesa economica.

Da questo punto di vista, lungi dalle semplificazioni populiste e demagogiche, ritengo necessario che sia fatto un approfondimento. Le molte segnalazioni che sto ricevendo in questi giorni inducono a ritenere che, in mancanza di opere o interventi effettivamente efficaci, siano scarsi (quando non proprio inesistenti) i benefici apportati.

Occorre altresì dire che da verifiche e approfondimenti condotti presso il Consorzio di Bonifica, proprio a seguito delle molte sollecitazioni ricevute, ho avuto modo di verificare che l’ente, complessivamente, dovrebbe ricavare da questi contributi circa 3 milioni di euro l’anno.

Sulla base di quanto avvenuto negli anni precedenti, può dirsi che di questi potrebbe incassare, in realtà, circa la metà (1,5 milioni di euro), largamente insufficienti a far fronte alle opere e agli interventi necessari, anche perché in parte assorbiti dal significativo contenzioso legale che drena cospicue risorse.

L’esiguità delle risorse concretamente incamerate riduce fortemente la capacità operativa del Consorzio, limitando così gli effettivi benefici per i proprietari consorziati. Tanto determina che l’imposizione del contributo appaia, in assenza di interventi, un insopportabile balzello.

A questo proposito mi limito a formulare due proposte.

La prima è quella di aggiornare il “Piano di Classifica” del 2013 in modo da renderlo coerente alla realtà, procedendo ad una verifica della puntuale rispondenza tra le opere e gli interventi effettivamente realizzati o a realizzarsi e il concreto beneficio tratto dai proprietari.

La seconda proposta è quella di procedere all’abolizione del contributo di bonifica per gli immobili in aree urbane. Tanto si impone, in particolare, per quelli ubicati in ambiti serviti da pubblica fognatura, a condizione che, come previsto dall’art. 19 della legge regionale n. 4/2012, le acque trovino recapito nel sistema scolante del comprensorio di bonifica esclusivamente attraverso le opere e gli impianti di depurazione oppure non siano sversate affatto nel sistema scolante del comprensorio di bonifica. In tal modo verrebbero esonerati dal pagamento di una imposizione obiettivamente ingiusta e non dovuta i proprietari di immobili che non beneficiano affatto delle opere o degli interventi del Consorzio di Bonifica.

Su questo garantisco il mio impegno nelle competenti sedi istituzionali al fine di approfondire la questione e arrivare ad una risoluzione di un problema sentito da molti cittadini pugliesi”.

 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI