Lunedì 23 Ottobre 2017
   
Text Size

Accordo Regione-Natuzzi: il Consiglio Regionale chiede la revoca

logo regione

Il Consiglio regionale della Puglia, nella seduta di questa mattina, ha approvato all’unanimità la mozione con cui i consiglieri Mino Borraccino ed Enzo Colonna chiedono la revoca dell’accordo del 15 novembre 2016 tra la Regione Puglia e la Natuzzi S.p.A. al fine di modificarlo secondo le normative vigenti, affinché si garantiscano ai lavoratori pieni diritti. 

I firmatari ricordano che “il piano, che prevedeva la lavorazione del taglio del poliuretano per le imbottiture presso lo stabilimento di Ginosa e investimenti per 5 milioni di euro, avrebbe consentito la riassunzione dei 215 lavoratori in esubero, previa contestuale concessione della CIGS in deroga da parte della Regione Puglia.

Inoltre, i lavoratori licenziati dalla Natuzzi e riassunti presso la Newco erano stati invitati a firmare un nuovo contratto di lavoro con un salario di ingresso, perdendo gli scatti e una parte della precedente retribuzione e messi in cassa integrazione presso lo stabilimento di Ginosa, con la clausola di rinunciare ad ogni contenzioso legale da far rivalere nei confronti della Natuzzi. Alcuni lavoratori avevano avviato contenziosi giuridici verso l’azienda, perché ritenevano di essere stati ingiustamente collocati in Cassa integrazione a ore zero. Una recente sentenza del Tribunale del Lavoro di Bari ha loro ragione e altri 180 lavoratori hanno presentato medesimo ricorso”. 

La vicenda, fra l'altro, interessa 13 famiglie cassanesi.

"L'Unione Sindacale di Base si è sempre opposta a tale intesa - ha commentato in una nota Felice Di Leo del Coordinamento aziendale Usb -  in quanto vessattorio e ricattario verso i lavoratori, considerato che al famoso comma f) si subordinava l'assunzione da parte di New Comfort srl-Ginosa dei licenziati da Natuzzi Spa a condizione della rinuncia dei contenziosi che gli stessi avevano con l'industria santermana. Non a caso l'85% degli interessati ha rigettato l'Accordo, portando avanti il contenzioso giuridico, di cui le sentenze di reintegro degli scorsi giorni. Adesso la Regione Puglia riapra la trattativa con Natuzzi Spa proponendo l'estensione del Contratto di Solidarietà ai reintegrati dal Giudice del Lavoro e convochi tutte le Organizzazioni Sindacali presenti in azienda e non solo quelle gradite a Natuzzi".

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI