Martedì 24 Ottobre 2017
   
Text Size

BCC di Cassano: per "L'Espresso" è "affidabile e sicura"

bcc cassano

Semaforo verde per la Banca di Credito Cooperativo di Cassano delle Murge e Tolve, per quanto riguarda sicurezza e affidabilità dei conti.

Lo svela – nel numero in edicola domenica 23 aprile – il settimanale “L’Espresso” che ha condotto una accurata ricerca sui 377 piccoli istituti bancari italiani, sulla base dei dati elaborati da R&S, la società di ricerche e studi di Mediobanca, che restituiscono una fotografia aggiornata delle banche che operano a più diretto contatto col territorio.

La BCC con sede a Cassano delle Murge, presieduta da Paolo Piscazzi e diretta da Vincenzo Giustino, che di recente ha aperto la 11esima filiale nella città di Bari, risulta sicura e affidabile nei conti, in una speciale classifica stilata considerando quattro indicatori:

  1.      l’incidenza dei crediti deteriorati netti sul patrimonio netto tangibile della banca,
  2.      l’incidenza delle sofferenze sullo stesso patrimonio netto,
  3.      la svalutazione dei crediti deteriorati sui ricavi
  4.      e il cosiddetto cost/income, cioè il rapporto tra costi operativi e ricavi, il principale indicatore di efficienza.

Quando i crediti deteriorati superano il 100 per cento del patrimonio netto tangibile, l’equilibrio delle banca comincia ad essere compromesso. Quando arrivano a rappresentare, come in taluni casi, tre, quattro, cinque, sei o anche sette ed otto volte il patrimonio netto, significa che la banca è ad alto rischio di fallimento, se non già fallita. 

La banca cassanese fondata 77 anni fa ha ottimi indicatori – come mostra l’immagine qui sotto, tratta dal “database” della ricerca - di gran lunga migliori rispetto a casi più problematici, come quello di Cassa di risparmio di Cesena, che conta oltre 13mila soci, salvata con una robusta iniezione di capitale del Fondo interbancario di tutela dei depositi e al centro di un’inchiesta della Procura di Forlì, così come racconta il settimanale.

 

 

affidabilità Bcc

Commenti  

 
#8 EX SOCIO 2017-07-10 19:30
e quando si finirà la cuccagna delle deleghe.
il presidente si dice che ne manovra circa 200,
la domanda?
A votare chi va,il socio oppure chi ha la delega.
RIDERE E' POCO.
COSI' LE VOTAZIONI LE FANNO IN RUSSIA E DOVE STANNO I REGIMI TOTALITARI.
MA LA COSA STRANA: MA I SOCI IL CERVELLO DOVE C'è L'HANNO?
 
 
#7 volpe 2017-04-23 12:43
Pubblicita'(basta pagare le riviste) perche' va male come tutte le banche?
 
 
#6 xy 2017-04-23 12:40
E chi ha piu' i soldi????Uno solo la banca,che si fa pagare anche l'affitto per la custodia dei soldi di quei poveri fessi di rari risparmiatori.
 
 
#5 Avuglia 2017-04-23 09:24
Dopo la riforma vedremo...
 
 
#4 Ciccio p 2017-04-23 08:05
Da socio, sono indeciso se ridere o disperarmi.
 
 
#3 Savonarola2 2017-04-22 22:14
Avuglia.... e leggiceli tu questi dati......vediamo !
 
 
#2 Lettore 2017-04-22 19:21
"La Banca sta facendo la lista" cit.
 
 
#1 Avuglia 2017-04-22 13:32
Eccome... a seconda di come si vogliono leggere conti e svalutazioni
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI