Martedì 24 Ottobre 2017
   
Text Size

Warning: getimagesize(images/stories/archiviofoto/convegno_Gioia.jpg) [function.getimagesize]: failed to open stream: No such file or directory in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 189

Warning: filesize() [function.filesize]: stat failed for images/stories/archiviofoto/convegno_Gioia.jpg in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 196

A Gioia si parla di DUC da noi approvato e mai attuato

convegno Gioia

Questo pomeriggio alle ore 15.00 nella sala De Deo, a Gioia del Colle, rappresentanti di GioiaCom eleggeranno il consiglio direttivo ed incontreranno il dottor Quirico Arganese che parlerà di “Sistema imprese in Puglia”.

“E’ importante creare rete - afferma Franco Anelli che fortemente ha voluto questa realtà - Non ci sarà spazio per l’improvvisazione o perdite di tempo. Possiamo decidere di attendere il cliente in negozio, o far crescere la cultura dell’accoglienza, anche attraverso momenti formativi. Il secondo passo sarà confrontarsi con le realtà esterne e con esse costruire percorsi condivisi, la rete di cui tanto si parla ma sempre difficile da attuare se si è soli. Noi questa sfida vogliamo vincerla, abbiamo i numeri, otre 100 associati e soprattutto l’entusiasmo, la voglia di far bene, di crescere senza bandiere o colori, senza coltivare singoli orticelli ma guardando otre. La crisi c’è, non possiamo negarlo, ma ci sono anche gli strumenti per uscirne, ed uno di questi è aprirsi e puntare alla qualità. Abbiamo già preso contatti con i presidenti di altre associazioni presenti nella regione. L’importante - conclude Anelli - è essere uniti e crederci, e soprattutto progettare a medio e lungo termine convogliando le energie nella stessa direzione, senza creare rivoli e rivalità. Sta a cuore a tutti la crescita commerciale della nostra città, e tutti dobbiamo contribuire a realizzarla.”

Si parlerà, dunque, di commercio e reti di impresa nell’ambito del DUC (Distretto Urbano del Commercio).

Proprio per promuovere e valorizzare  le attività commerciali presenti sul territorio, esattamente un anno fa (20 febbraio 2015) fu approvato dalla ex Giunta Lionetti il Distretto Urbano del Commercio  che si proponeva, insieme ai comuni di Acquaviva delle Fonti, Adelfia e Sannicandro di Bari di portare avanti una serie di iniziative e di azioni nel campo del commercio che rendano possibile la crescita delle imprese del settore. Il Distretto Urbano del Commercio è un valido strumento che dà un sostegno concreto ai commercianti del territorio e il cui scopo principale è quello di incentivare i commercianti, attraverso i fondi disponibili, a mettersi insieme per costruire un progetto che porti allo sviluppo e alla valorizzazione di un’intera zona commerciale. Bello no? Peccato, purtroppo, che il Distretto Urbano del Commercio sia stato approvato ormai un anno e fa e poi dimenticato in un cassetto.

Ideati dalla Regione Puglia i Distretti Urbani del Commercio comportano numerosi vantaggi per la comunità come un miglior reperimento delle risorse pubbliche e private, il coordinamento delle politiche per armonizzare gli interventi delle diverse attività commerciali, senza dimenticare che l’efficacia degli interventi di valorizzazione commerciale di certe aree commerciali ne risentirebbe in maniera positiva grazie al coordinamento degli interventi tra pubblico e privati e fra operatori e associazioni di categoria. I Distretti Urbani del Commercio hanno quindi avuto come obbiettivo sin dall’inizio lo scopo di rafforzare la rete di negozi, concepiti come servizi di pubblica utilità, in risposta alla crescente desertificazione dei centri storici e all’aggressività della grande distribuzione.

Tuttavia, ciò che sorprende di Cassano è che a distanza orami di un anno dall’ approvazione del Distretto Urbano del Commercio, non si è vista nessuna iniziativa volta alla valorizzazione delle attività commerciali del territorio da parte del Comune, la cui Amministrazione, poi, è decaduta lo scorso dicembre.

Ci penserà la nuova Giunta a risollevare le sorti dei commercianti cassanesi?

 

 

Commenti  

 
#4 pinuccio 2017-02-23 12:57
Il problema vero è che Arganese doveva essere il nostro Sindaco
Altro che Lionetti. E la Dimedio cosa ha fatto nei 5 anni precedenti ?
ci ha rovinato prima la vecchia amministrazione e poi l'altra
 
 
#3 nuncestò 2017-02-23 11:10
bravo comm 1 . diciamole queste cose , anche se adesso arganese fa finta di niente , ah ah tutti uguali
 
 
#2 Debernardis 2017-02-23 09:57
A mio modestissimo parere in questo caso la colpa è dei commercianti cassanesi e della inesistenza di associazioni commerciali.
Lo stimolo deve arrivare da loro come a Gioia.
 
 
#1 ACasa 2017-02-23 07:59
Dott. Arganese non lo ha voluto lei Lionetti? E ora chi vuole?
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI