Martedì 25 Gennaio 2022
   
Text Size

Plastica, carta e alluminio: li acquista l'Ecopunto

ecopunto 1

Non sono rifiuti ma veri e propri prodotti, quelli che acquista l’Ecopunto “Murgia Green” di Cassano, inaugurato ieri sera in via Giotto n. 34. L’hanno ribadito a più riprese Aldo Zuccaro, coordinatore nazionale degli Ecopunto, il sindaco Maria Pia Di Medio e l’assessore all’ambiente del Comune di Cassano, Carmelo Briano che – ha dichiarato – superando molte resistenze è “finalmente riuscito a far avviare questo progetto, ulteriore tassello del grande disegno della raccolta differenziata nel nostro territorio”.

L’Ecopunto cassanese, gestito da Filippo Ferrulli (foto in basso) imprenditore santermano, potrà ricevere carta, cartone, plastica e alluminio che, una volta pesati, garantiranno al portatore una piccola somma di denaro: 0,230 euro per ogni kg. di imballaggi in plastica; 0,020 euro per ogni kg. di carta; 0,055 per ogni kg. di cartone; 0,290 euro per ogni kg. di alluminio). Prezzi che, tuttavia, potrebbero variare a causa dell’andamento delle quotazioni di mercato.

ecopunto 3

Si tratta, dunque, di prodotti e non di rifiuti perché, è stato spiegato, il rifiuto è quello di cui il cittadino si disfa ma se lo trattiene per sé, può farne l’uso che vuole: in questo caso  venderlo per guadagnarci qualcosa.

Nulla cambierà per la raccolta differenziata porta-a-porta, ha detto il sindaco: portare all’ecopunto è una azione volontaria, che nulla toglie al servizio del Comune.

“All’inizio ero un po’ scettico – ha detto l’assessore provinciale all’ambiente Barchettinei confronti di questo progetto, ma oggi si inaugura il 15° ecopunto in provincia di Bari e vedo che l’idea comincia a funzionare: crea posti di lavoro, migliora la differenziata portandola verso elevati livelli di qualità, introduce nella mente delle persone che davvero il rifiuto è una risorsa, potendolo constatare personalmente”.

L’ecopunto di Ferrulli dovrà anche sensibilizzare alle tematiche del riciclo dei rifiuti e del loro utilizzo e infatti presso il negozio di via Giotto si possono acquistare detersivi sfusi, carta riciclata, prodotti bio.

ecopunto 2

Una azione a cui ha garantito collaborazione anche Legambiente Cassano con il suo presidente Gianni Spina che ha posto l’accento, fra l’altro, sulla necessità di vigilare e sanzionare coloro che non ottemperano alla raccolta differenziata e che abbandonano ovunque i rifiuti, deturpando il territorio.

C’è chi si è chiesto che cosa ci guadagna il Comune di Cassano nel sostenere l’ecopunto e se ciò non sia in contrasto con la normativa e con l’appalto per la gestione dei rifiuti.

Gli amministratori comunali hanno spiegato, come dicevamo, che il Comune è proprietario del rifiuto nel momento in cui un prodotto diventa tale (quando, cioè, una persona si disfa, ad esempio, di una bottiglia di plastica, ponendola nel bidone giallo e mettendolo per strada) ma fino a quando ciò non avviene, è solo un prodotto di proprietà di chi l’ha acquistato che ne può fare quel che vuole.

Inoltre, grazie al sistema degli ecopunto – dove le utenze domestiche (non commerciali né artigianali) - portano questi prodotti, si potrà evitare, nel tempo, di pagare circa 115 euro a tonnellata per la “pulizia” e la selezione dei rifiuti riciclati poiché dall’ecopunto arriveranno alla piattaforma della Tradeco già puliti e selezionati, con un ulteriore risparmio per le casse del comune e dunque dei cittadini.

“Questi negozi – ha detto la Di Medio – ci aiutano a migliorare la differenziata: non è un caso che venga aperto oggi, ad un anno dall’avvio della raccolta porta-a-porta nel nostro comune nel quale i cassanesi si stanno dimostrando ogni giorno più bravi”.

Per tutte le attività che il negozio svolgerà, il Comune riconoscerà una somma di 7.000 euro annue, da sottrarre  a quello che lo stesso Comune spende per la selezione e la pulizia dei prodotti riciclati. 

Per maggiori informazioni: email: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. - telefono: 080.403.88.11

 

Commenti  

 
#9 volavolavola 2014-05-14 10:49
sempre la monnezza, sempre la monnezza e la CULTURA mai? Quando mai si sono dati 7000 euro all'offerta culturale ?
 
 
#8 Ohhccapperi!!!!!! 2014-05-13 14:21
Secondo me il punto eco serve solo a vendere i prodotti citati nell'articolo e chiedo, (da sostanzioso contribuente di questo Comune, in atttesa di vedere qualche beneficio dalla differenziata),di capire, mese per mese, che cosa questa attività abbia prodotto e se tale contributo ammortizza ciò che il Comune ha anticipato con una certa benevolenza.
Sig. Assessore competente, riuscirà a seguire questa ciliegina sulla torta e a darne conto ai suoi elettori e non? Quanti quintali di rifiuti al mese, pensa che saranno gestiti dalla ditta in questione e quanti REALMENTE saranno consegnati alla Tradeco? Mi auguro e spero che qualche assessore "ombra" si interessi di seguirne l'andamento, poichè a me appare un grosso regalo che è stato fatto, magari per l'euforia di aver chiuso il bilancio in attivo ( non è una bella cosa spremere i soliti noti e poi vantare di trovare centinaia di migliaia euri di attivo in bilancio...). CERCATE DI TARTASSARE MENO I CITTADINI E FINIAMOLA CON QUESTA POLITICA.
 
 
#7 Ohhccapperi!!!!!! 2014-05-12 00:02
Però sono cifre ridicole che si pensa di dare a coloro che vorranno portare qualcosa a questo punto eco, tanto ridicole che non potranno neanche far recuperare il tempo e la benzina che si dovrà consumare.
Faccio un esempio. se si volessero guadagnare almeno 50 euro, si dovrebbero portare :
55 kg di plastica + 625 kg di carta + 213 kg di cartoni +39 kg di alluminio, poichè ogni conferimento produce un guadagno di ben 12,5 euri, roba da chiodi ( ci vuole un furgoncino e la relitiva spesa).

Volevo proporre ad un tipo, che è sempre alla ricerca di lavoretti, di dedicarsi alla raccolta di lattine di alluminio per guadagnare qualcosa, ma quel poveretto per guadagnarsi i suoi 12,5 euri dovrebbe raccogliere solo 1800 lattine... ( una lattina pesa 20 grammi circa)...

Le 7000 euri del Comune corrspondono a 7,7 tonnellate di plastica, 87,5 tonnellate di carte, 29 tonnellate di cartoni e 5,4 tonnellate di alluminio....mi sa che anche stavolta i sigg. "Conti" non tornano, considerato che il conferimento lo dovranno fare solo le utenze domestiche.
 
 
#6 gvill27 2014-05-10 18:19
Per commento #4
Ma sai il significato di regola d'arte ?
Certamente la differenziata è fatta a regola d'arte per le menti eccelse dell'amministrazione e della tua mente.La Raccolta Differenziata fa acqua da tutte le parti.Ecco xchè sono nati degli incivili (chiaramente non condivido la loro azione) Se fosse fatta con cervello forse non ci sarebbero coloro che abbandonano rifiuti per strada.
 
 
#5 mike 2014-05-10 17:15
magari potrebbero crearsi spontaneamnte dei .... bonificatori volontari, dediti alla raccolta di materiali riciclabili ..... come una volta si faceva con i cartoni!!!!
 
 
#4 per kpaneb 2014-05-10 13:00
ma stai zitto che la raccolta differenziata è stata fatta a regola d'arte!
Sono i cittadini che sono incivili E BUTTANO I LORO RIFIUTI OVUNQUE!
Vi dovrebbero multare non solo per le sciocchezze che dite, ma ogni volta che buttate qualsiasi rifiuti nell'ambiente!
 
 
#3 cittadino 2014-05-09 19:57
come mai questa iniziativa non e stata fatta sin dall'inizio della raccolta porta a porta??
invece di aumentare la tassa rifiuti!
 
 
#2 cittadino dubbioso 2014-05-09 12:56
Sicuramente un'iniziativa interessante, ma per non essere scettici volevo solo dire una cosa: non è che adesso scatteranno i raid notturni per rubare da dentro i bidoni dei cittadini le varie carte, cartoni, alluminio e via dicendo?
un cuttadino dubbioso
 
 
#1 kpaneb 2014-05-09 12:24
Con quello che ci sta costando la raccolta differenziata il sindaco trova anche il coraggio di mettere il capello su un'iniziativa privata che al contrario non costa nulla al contribuente.
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.