Mercoledì 13 Novembre 2019
   
Text Size

Warning: getimagesize(images/stories/archiviofoto/antonio_cea.jpg) [function.getimagesize]: failed to open stream: No such file or directory in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 189

Warning: filesize() [function.filesize]: stat failed for images/stories/archiviofoto/antonio_cea.jpg in /home/cassanoweb/public_html/plugins/content/contentoptimizer.php on line 196

FINO AL 31 AGOSTO LA MOSTRA “STRANI SEGNI”

antonio_cea

Resterà aperta fino al 31 agosto prossimo la mostra “Strani segni in fase di studio” in corso presso la Biblioteca Comunale “Armando Perotti” di Cassano.

Le numerosissime richieste di tenere aperta l'esposizione anche oltre il 18 agosto, data prevista per la chiusura, da parte dei tantissimi visitatori, ha convinto gli organizzatori - vista anche la disponibilità del comune a concedere la sala della Biblioteca - a spostare al 31 agosto prossimo la giornata di chiusura.

Proposta dalla Pro Loco “La Murgianella”, è curata da Stefano Antonio Cea (nella foto), archeologo autodidatta che una trentina di anni fa ha scoperto numerosi reperti fossili nel cuore del centro storico di Cassano, all’interno di una abitazione.

Eccezionali i pezzi in mostra: un cranio umano mineralizzato, la cui data è presumibile risalga a circa 55mila anni fa, accompagnato da alcune parti di corpo umano quali uno sterno, una clavicola, un omero, una scapola, parti del piede (calcagno, cuboide, metatarso, scafodide).

Il signor Cea, che ha compiuto diversi studi sui reperti, facendoli analizzare da alcuni laboratori italiani ed europei, mette le mani avanti e tiene a precisare che la certezza scientifica ancora non c’è, edco perché le sue esposizioni sono sempre accompagnate dalla dicitura “…in fase di studio”, proprio perché non vuole vantare o anticipare conclusioni avventate.

Certo è che questo presunto “Uomo delle Murge” che avrebbe abitato l’antico centro storico di Cassano – si presume, all’epoca, praticamente una foresta – ha lasciato di sé numerose tracce che meritano appunto approfondimenti ad un livello più alto. Si tenga conto che il signor Cea ha praticamente sostenuto da solo, in tutti questi anni, le spese per i diversi esami, le analisi e la perizie finora effettuate e dunque ci vorrebbe adesso un interessamento da parte di Istituti scientifici e la mano pubblica affinché si possa approfondire il tutto.

“La scoperta dei reperti – spiega il signor Cea – non è avvenuta per caso bensì partendo da una moneta del 42 a.C. trovata in una piccola collezione di famiglia: ogni volta che scendevo nel sottoscala della mia abitazione, incuriosito dalla sua particolare struttura, pensavo che quella moneta potesse appartenere a quel luogo che in realtà, anticamente, era un pozzo e così cominciai, quasi per gioco, ad esaminare ogni fessura delle pareti ed in una di queste trovai una sostanza nerissima, pensai fosse grafite”.

Prosegue l’”archeologo” cassanese: “spinto dalla curiosità, giorno dopo giorno, comincia ad aprire questo scrigno, pietra dopo pietra fino a crearmi un varco nella parete, una finestrella, e scavando si creò un accesso: era il 1980!”.
Da quel momento in poi, con il rinvenimento dei reperti che saranno esposti presso la Biblioteca, cominciò una vera e propria “odissea” verso gli enti competenti a cui Cea denunciò tutti i ritrovamenti ma nessuno sembrò ascoltarlo.  Occorre infatti, ancora oggi a 29 anni di distanza, se quei reperti sono ossa umane, animali o soltanto rocce.

Un lavoro silenzioso e umile, quello di Cea che anche nella sua “patria”, Cassano, non ha praticamente mai trovato ascolto: la Pro Loco cassanese  - libera oramai dai laccioli e dagli ostacoli che la vecchia amministrazione comunale frapponeva per ogni sua iniziativa, boicottandone ogni attività – ha accolto subito la proposta dello studioso cassanese organizzando gli spazi per accogliere la mostra che dopo Pescara, Scandicci e Roma approda finalmente a Cassano.

“Strani segni” sarà aperta fino al 18 agosto prossimo secondo i seguenti orari: dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 17.30 alle 20.30 presso la Biblioteca Comunale (piano terra) in via Miani.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.