Lunedì 16 Settembre 2019
   
Text Size

SUDDEN ENSEMBLE A GIOVINAZZO

sudden_ensemble

IL GRUPPO CAMERISTICO CASSANESE AL THE FOOD OPERA

 

Si è svolta il 30 luglio, presso il Cortile dell’Istituto Vittorio Emanuele II di Giovinazzo, all’interno del cartellone del II Festival Operistico del Mediterraneo, in prima assoluta, l'Opera in un atto e in sette scene "The Food Opera", su libretto di Pino Africano e musica di Luigi Morleo.

A questa meravigliosa Opera ha partecipato, il Sudden Ensemble, gruppo cameristico cassanese, che ha sostituito, nell’Opera, l’orchestra. Il Sudden Ensemble è formato da: Francesco manfredi, clarinettista cassanese, Tommaso Difonzo, clarinettista, Francesco Pugliese, sassofonista cassanese, Alessio Anzivino, tubista cassanese e Michele Fracchiolla, percussionista cassanese.

LA STORIA - In origine si chiamava Sudden Quintet e nasceva nel 2006 dall’iniziativa di alcuni giovani componenti e musicisti professionisti dell’Associazione Musicale “S.Maria degli Angeli” di Cassano, impegnati nei loro studi e con una propria attività musicale.

La formazione, molto atipica, rappresentava un esperimento perché composto da due clarinetti, un sassofono (alto o soprano), una tuba, batteria e percussioni; adesso è una miscela perfetta e originale che, con l’aggiunta di marimba e vibrafono, per l’occasione, ha assunto il nome Sudden Ensemble.

Il Sudden Ensemble, diretto dal Maestro Luigi Morleo, riempie di colori la cornice teatrale con straordinarie sonorità e rivela grande abilità nel passaggio tra stili e generi musicali che si intersecano tra loro con estrema fluidità musicale. The Food Opera è un esempio di Opera Teatrale in cui si incontrano le tradizionali arti dell’opera lirica con una musica che abbraccia il minimalismo, il pop, il jazz, l’etnico, tutti forme e contenitori di esperienze musicali che Luigi Morleo fa convivere con estrema semplicità, coinvolgendo il grande pubblico presente in uno spettacolo affascinante.

ALIMENTAZIONE - L’Opera riguarda il tema dell’ alimentazione ed il cibo. Il cibo, infatti, è una necessità, per molti una rarità, in alcune regioni del mondo una mancanza. Nella nostra società occidentale il vero problema è la sovrabbondanza di prodotti che siamo indotti a consumare, e il modo in cui si consumano.

Il foltissimo pubblico presente ha apprezzato con lunghi applausi, al termine, l’operazione che ha avuto in Luigi Morleo e nel naturopata Pino Africano (autore del libro Aprite le orecchiette, Unaltropuntodivista ed. ) i due protagonisti principali. La voce recitante ha tratto dai suoi scritti il libretto ed ha dispensato consigli da nutrizionista denunciando il cattivo rapporto che l’uomo ha con il cibo, spesso causa di tumori, molti luoghi comuni e l’alimentazione sbagliata degli ospedali. Il soprano, invece, ha ripreso con ottima vocalità i concetti sintetizzati da Africano esaltando i preziosi suggerimenti del libretto. Le vicende si susseguono in una scenografia accattivante e di facile coloritura ironica proiettata nel sottolineare l’indifferenza, nella vita quotidiana, riguardo certe tematiche.

I personaggi e gli interpreti sono Pino Africano, narratore e Marika Spadafino, voce soprano. Il Maestro concertatore e direttore è Luigi Morleo, mentre la regia e le scene sono a cura di Pino Africano e Francesco Gorgoglione. Gli attori  sono della compagnia “Quelli del… Teatro” di Gianni De Marzo.

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.