Martedì 13 Aprile 2021
   
Text Size

Piazzetta Nenni-Cossetto: intervento del Pd cassanese

Giardino

Dal Circolo cassanese del Partito Democratico riceviamo e pubblichiamo una nota in merito alla vicenda della piazzetta già dedicata a Pietro Nenni quindi ridenominata dalla Giunta Comunale "Norma Cossetto" in risposta ad un articolo pubblicato ieri a cura del'Associazione "L'eco".

 

 

Ringraziamo i ragazzi di “ECO” per il contributo dato alla vicenda della intitolazione di un luogo pubblico a Norma Cossetto da parte di questa Amministrazione Comunale e, da parte nostra, non ci sottraiamo alle domande che ci rivolgono. Meritano il dovuto ascolto e la giusta attenzione.

Interessante la ricostruzione storico/politica delle vicende accadute sul confine orientale negli anni 1943/1945 a cui va necessariamente correlato l’esodo giuliano dalmata tra il 1945 e il 1956.

Il dibattito storico e quindi politico di quelle vicende è sempre stato fecondo di posizioni contrapposte e a tratti divisive, a cui la nostra Repubblica ha cercato di dare risposte.

Perché un luogo dedicato a Norma Cossetto? Non certamente per inseguire un finto dibattito che da qualche tempo insiste sui social per mano di qualche nostalgico ignorante  e anacronisticamente ideologico. Questi parlano al di fuori da qualsiasi contesto avendo perso da tempo ogni contatto con la realtà.

Una precisazione: non abbiamo né in maggioranza nè in opposizione esponenti politici riconducibili al PD e quindi siamo del tutto estranei alle logiche che imperversano in quell’assise, e dei pasticci di cui tutti, nessuno escluso, sono capaci (o meglio incapaci!). Torniamo al tema.

Non dimentichiamo che uno dei primi riconoscimenti a Norma Cossetto fu concesso già nel 1949, a pochi anni dalla tragedia delle Foibe e con l’esodo in corso, da parte dell’Università di Padova conferendole la laurea “ad honorem” su proposta del deputato e antifascista Concetto MARCHESI (PCI) già Rettore di quella Università.

Sulle Foibe interessante l’intervento di insediamento dell’On. Luciano Violante (PDS) nel giorno della sua elezione a Presidente della Camera dei Deputati nel 1996 che fu un vero appello alla riconciliazione  tra coloro che si richiamavano alla Resistenza e coloro che avevano aderito alla RSI di cui vogliamo riportare alcuni passaggi esplicativi:

Mi chiedo, colleghi, me lo chiedo umilmente, in che modo quella parte d'Italia che in quei valori crede e che quei valori vuole custodire e potenziare nel loro aspetto universale di lotta alla tirannide e di emancipazione dei popoli, non come proprietà esclusiva, sia pure nobile, della sua cultura civile o della sua parte politica, mi chiedo - dicevo - cosa debba fare quest'Italia perché la lotta di liberazione dal nazifascismo diventi davvero un valore nazionale e generale, e perché si possa quindi uscire positivamente dalle lacerazioni di ieri. Mi chiedo se l'Italia di oggi - e quindi noi tutti - non debba cominciare a riflettere sui vinti di ieri; non perché avessero ragione o perché bisogna sposare, per convenienze non ben decifrabili, una sorta di inaccettabile parificazione tra le parti, bensì perché occorre sforzarsi di capire, senza revisionismi falsificanti, i motivi per i quali migliaia di ragazzi e soprattutto di ragazze, quando tutto era perduto, si schierarono dalla parte di Salò e non dalla parte dei diritti e delle libertà .  Questo sforzo, a distanza di mezzo secolo, aiuterebbe a cogliere la complessità del nostro paese, a costruire la liberazione come valore di tutti gli italiani, a determinare i confini di un sistema politico nel quale ci si riconosce per il semplice e fondamentale fatto di vivere in questo paese, di battersi per il suo futuro, di amarlo, di volerlo più prospero e più sereno. Dopo, poi, all'interno di quel sistema comunemente condiviso, potranno esservi tutte le legittime distinzioni e contrapposizioni.”

Il dibattito diviene quanto mai fervido e porta nel 2004 alla istituzione del “Giorno del ricordo”. Brevemente vogliamo riportare alcuni passaggi interessanti del dibattito parlamentare di quei giorni, quali l’intervento (stralci) del Sentore Marcello Basso (DS . Presidente ANPI Venezia e Coordinatore ANPI nord Italia): 

“… Io votero` questo provvedimento! Lo faro` perche´ ritengo giusto ricordare chi e` morto in modo orrendo nelle profondita` delle foibe carsiche. Lo faro` perche´ ritengo sia inderogabile ricordare il dramma dell’esodo istriano-dalmata …” o della Senatrice Franco Vittoria (DS):

“Agli storici il compito di continuare a ricercare documenti e testimonianze per portare alla luce fatti ed eventi, che aggiungano ulteriori pezzi alla verità storica; alle istituzioni, a noi e alla politica il compito di creare una memoria critica e solidale, di creare le condizioni per una verita` come valore civile condiviso, secondo un ordine di valori che tutti consideriamo fondanti. Innanzitutto, la democrazia nata dalla lotta contro il fascismo e il nazismo, la condanna di ogni forma di totalitarismo, di razzismo, di nazionalismo sciovinista…”.

E’ del 2005 il conferimento a Norma Cossetto della medaglia d’oro al valor civile da parte del Presidente Ciampi.

Ultima citazione quella del nostro presidente Mattarella che il 10 febbraio del 2021 ha dichiarato: 

«Queste terre, con i loro abitanti, alla fine della Seconda Guerra Mondiale, conobbero la triste e dura sorte di passare,  senza interruzioni, dalla dittatura del nazifascismo a quella del comunismo. Quest’ultima scatenò, in quelle regioni di confine, una persecuzione contro gli italiani, mascherata talvolta da rappresaglia per le angherie fasciste, ma che si risolse in vera e propria pulizia etnica, che colpì in modo feroce e generalizzato una popolazione inerme e incolpevole»

Non si tratta di uso “politico” della storia, bensì di un superamento di quelle contrapposizioni che, ci auguriamo, possano creare un clima più sereno nell’analizzare quel periodo storico così controverso e ancora poco documentato e cercare le ragioni di un dialogo (non alleanza!) con la destra quanto mai necessario in questo particolare momento.

Se queste sono le ragioni per cui non ci siamo opposti alla intitolazione di un luogo della nostra cittadina a Norma Cossetto, abbiamo, già all’indomani di quei Consigli Comunali cui si fa riferimento, espresso la nostra contrarietà nel contrapporre o affiancare la cittadinanza onoraria alla Senatrice SEGRE alla memoria della Cossetto così come era intenzione della maggioranza del Consiglio Comunale e di parte dell’opposizione (vedi ns. nota del 24 maggio 2020).

Di questi giorni, invece, la decisione di “rimpiazzare”  l’intitolazione di quel giardino già dedicato a Pietro Nenni; decisione grave e inopportuna che speriamo sia frutto di un mero disguido degli uffici e non di manifesta volontà politica. Sulla vicenda non siamo intervenuti pubblicamente (in corso interlocuzioni con l’Amministrazione) in quanto ben più importanti le vicende socio sanitarie che investono la nostra cittadina a causa di questa pandemia e che deve vederci concentrati nel suo superamento. A tal proposito più volte abbiamo lamentato la scarsa informazione data alla cittadinanza e ai controlli che dovrebbero essere ben più serrati e frequenti. Al contempo, nel merito, la nostra linea politica in questa emergenza è di dialogare con l’Amministrazione intesa come Istituzione; non sterile critica o contrapposizione, bensì collaborazione aperta e franca perché solo con l’aiuto di tutti sarà possibile mitigare i danni sociali ed economici che stiamo subendo. Crediamo sia il momento della responsabilità sia personale che collettiva.

In conclusione ribadiamo la nostra volontà a non sottrarci a un dibattito storico/politico sicuramente interessante e proponiamo di rilanciarlo declinandolo sulla necessità di un confronto sulle politiche future. A latere di questa pandemia si stanno amplificando problematiche irrisolte che stanno minando la nostra capacità di reazione agli eventi al fine di rilanciare il sistema paese. Su queste tematiche vogliamo concentrare la nostra attenzione: ambiente, disuguaglianze, bene pubblico, lavoro, emancipazione femminile, xenofobia, istruzione, pari opportunità (non solo di genere).  Occorre ridisegnare le politiche per un futuro diverso che guardi all’inclusione sociale e ai giusti investimenti, sia pubblici che privati, che possano rendere la nostra cittadina un posto migliore in cui vivere e che possano dare speranza nel domani.

Noi ci siamo!

Cassano delle Murge,29/03/2021

                                                                                                                             Il Segretario

                                                                                                                  Dott.ssa Vincenza Battista

 

 

Commenti  

 
#8 tik tok 2021-04-01 12:57
aaaa x lorenz anche questa è colpa dei baresi?? ahahahahah fantastico lorenz.. se vuoi ti consiglio un buon psichiatra x la tua ossessione maniacale.. dai su con qualche psicofarmaco lo puoi risolvere il tuo prblema di mania di persecuzione. però è uno bravo che ti consiglio ahahahahah
 
 
#7 volavola 2021-03-31 15:23
Ah! Lorenz (e ad altri) ,non bisogna fare di tutta l'erba un fascio, molti suoi paesani hanno più considerazione di me, come io di loro, che di chi è nato e cresciuto in paese sapendo di che pasta sono fatti. Anzi le dirò di più ,ho persino comprato per l'ultima dimora in via Adelfia . Un saluto.
 
 
#6 ... 2021-03-31 05:05
a volavola
Fai bene ad ammirare. Dalle tue parti i ragazzi non vanno oltre un Tweet sgrammaticato.
 
 
#5 Lorenz 2021-03-30 08:29
volavola.

sono casi nostri, tu pensa ai tuoi che tra Bari e baresi ne avete di casi da badare e non credo da risolvere viste le attuali realtà che ci fate vedere.
 
 
#4 volavola 2021-03-29 18:42
Ammiro la maestria con la quale vi dilungate nelle vostre tesi, sarà la zona rossa che vi porta al ringalluzzimento. L'essere concisi vale molto più tanta retorica. Poveri noi quante menti sprecate inutilmente in siffatte elucubrazioni.. Un saluto.
 
 
#3 ... 2021-03-29 18:15
La verità è che manco sapevano che quella piazza fosse già intilata a Pietro Nenni. Ed aggiungo che non sanno nemmeno chi sia Pietro Nenni.
E chiudo ricordando che di giardini e strade senza nome a Cassano ne abbiamo
 
 
#2 vattinne ve 2021-03-29 18:15
Dai Di Medio, prima di andartene cambia nome alla nostra piazza Moro, siiii!
Scegli tu, dai vediamo chi ti piacerebbe?
Io propongo piazza Pinuccio!
:D
 
 
#1 Jeremy 2021-03-29 17:50
Il PD cassanese ha pienamente e perfettamente ragione. Si deve ripristinare l'intitolazione della piazzetta alla memoria di Pietro Nenni e, subito dopo, individuare un luogo da intitolare a Norma Cossetto. E poi si smetta di inventarsi polemiche che la dicono lunga sul livello culturale del luogo....
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI

LA VOCE DEL PAESE Un Network di Idee.

l ACQUAVIVA DELLE FONTI l CASAMASSIMA l CASSANO DELLE MURGE l GIOIA DEL COLLE l NOICATTARO l POLIGNANO A MARE l PUTIGNANO l SANTERAMO IN COLLE l TURI l

Porta la Voce nel tuo paese

Copyright 2008-2017 © LA VOCE DEL PAESE. È vietata la riproduzione anche parziale. Tutti i diritti sono riservati.