Domenica 21 Ottobre 2018
   
Text Size

Centenario della morte di Mario Rossani: una occasione mancata

mario rossani monumento

 

Con la premessa che in tutto quello che dirò non c’è nulla di personale verso chi amministra attualmente la cosa pubblica in Cassano, gente che non conosco e che non seguo politicamente, se non altro per la mia cronica avversione verso tutti i partiti, siano essi bianchi, gialli, viola o color pupù, desidero manifestare il mio totale disappunto per la mancata materializzazione di quello che poteva, e doveva, divenire l’avvenimento culturale principe del 2018, evento unico ed irrepetibile ad esclusivo vantaggio dei Cassanesi e di tutti gli amanti della conoscenza.

In più, sento il dovere morale di informare tutti coloro che, venuti a conoscenza del mio ultimo sforzo culturale, continuano a chiedermi possibili ed eventuali sviluppi.

Quando alcuni anni fa cominciai a macchiare d’inchiostro le prime pagine di quella che sarebbe diventata, così come è stato, la più completa, attendibile e documentata biografia sul più illustre figlio che Cassano Murge possa annoverare, la medaglia d’oro al Valor Militare Mario Rossani, uno dei soli 372 Italiani insigniti della massima onorificenza durante la Grande Guerra, mai avrei potuto immaginare che l’Amministrazione comunale, e in modo particolare il Sindaco e il delegato preposto a sedere lo scranno dell’assessorato alla Cultura, avrebbe ignorato un mio invito di collaborazione culturale.

Sebbene, già dal settembre 2017, mi fossi preoccupato di scrivere all’Amministrazione, ufficializzando la conclusione del mio lavoro e offrendo il mio totale sostegno finalizzato al compimento di un evento di largo respiro da organizzare per giugno 2018, centenario della morte dell’eroe cassanese e anno conclusivo delle celebrazioni che in tutta Italia si sono susseguite per ricordare la Prima Guerra Mondiale, a tutt’oggi non ho riscosso il benché minimo e doveroso riscontro.

Con tutta probabilità, si è ritenuto opportuno declinare la mia proposta ritenendola trascurabile e di scarso interesse storico. Eppure, appare chiara ormai a tutti l’attenzione che una platea sempre più ampia ed eterogenea rivolge a quella tragica ricorrenza, non lasciando il compito della memoria ai soli cultori di quel periodo storico.

Per chi è certo di sapere già tutto su quello che il mio lavoro avrebbe svelato questo preambolo inciderà poco, chi invece avrà provato (a ragione) un pur minimo risentimento per l’occasione perduta sappia che il sottoscritto ha voluto provare il tentativo estremo di sensibilizzare almeno chi alla Cultura dedica un po’ del proprio tempo o, almeno, la ritiene una prerogativa basilare per uno sviluppo socio-economico di ogni comunità. E questa è, a mio modesto avviso, funzione essenziale e doverosa di ogni amministratore o delegato preposto.

Anche perché, prevedere quale potrebbe essere il tornaconto economico che da tutto questo può derivarne deve essere il compito primario di ogni buona amministrazione, affinché si possa creare benessere ed interesse per tutta la comunità.

Tornando alla Cultura, quella seria ed impegnata, chiarisco cosa voglio intendere: analizzare le vicende storiche del proprio territorio, giudicarne i valori morali e materiali, cercare di magnificare le bellezze e i personaggi che più di tutti hanno contribuito a dare lustro al proprio paese significa, assolutamente, impegnare ogni pensiero ed ogni sforzo per rendere più vivi e più apprezzabili quei principi dai quali attingere per assicurarsi, sempre, un sano sviluppo sociale, economico e culturale.

Ed ancora, quando si parla di cultura storica, di cui il nostro paese ha urgente bisogno, occorrerebbe ricordarsi che la storia dell’uomo e delle cose che sono avvenute su questa terra costituiscono uno degli elementi più importanti che le generazioni susseguenti devono conoscere ed assimilare.

Strano paese Cassano, ma che rispecchia egregiamente l’andazzo nazionale: il sapere e la conoscenza, ormai, interessa solo poche persone.

Ma, una comunità civile, per definirsi tale, ha l’obbligo di garantire una continuità storico-morale ineccepibile, e Cassano, ritagliatosi di diritto un posto nella Storia, ha un compito molto importante: assicurare e rendere disponibile la sua cultura, oltre al dovere di celebrarla.

È, questo, un obiettivo ambizioso, ma che con impegno e tenacia bisogna raggiungere.

Chi nulla ha orecchiato, nella sua infanzia o gioventù, su libri di storia vive beato in un suo mondo limitato, senza saperne nulla, e le conseguenze pratiche prodotte dalla completa ignoranza sono quelle sotto gli occhi di tutti.

Il vero problema è che il più delle volte si è pronti ad emettere gridolini affannati e urlicchiare su proposte altisonanti, plaudire ad inutili e insignificanti freddure o caldeggiare sterili ed incoerenti iniziative, per poi tacere inspiegabilmente su argomenti e personaggi di rilievo, permettendo così a sedicenti ed improvvisati paladini culturali di sostenere e diffondere spropositi e inesattezze, che vanno facilmente ad innestarsi nel tessuto collettivo locale, facendo presa sulla disconoscenza dei fatti e antefatti storici.

Pertanto, tutti, a livelli diversi, sia amministratori, sia docenti e studenti, che il pubblico infine che ne è il destinatario, abbisognano di strumenti particolarmente affidabili e facilmente accessibili.

Non sta certo a me, comunque, discutere sulla incultura generale o sulle priorità di una comunità, ma il mio compito, come quello di qualunque altro ricercatore, resta quello di rivedere o revisionare come la storia sia stata raccontata, facendo risaltare la verità e cercando di stimolare quante più persone a riflettere. E su questo continuerò a lavorare, e ad insistere.

Oggi, a distanza di cento anni esatti dalla morte, non si può più tollerare che il nome di Mario Rossani continui ad essere segnalato, in maniera fredda, solo su alcune lapidi e su un rigido busto bronzeo. Una comunità civile e riconoscente ben comprende come dietro quelle staticità si celano il viso e le movenze di un giovane pieno di entusiasmo, che proprio allora si apriva alla vita. Nondimeno va considerata la sconfinata amarezza che un visitatore prova nel constatare che il suo nome non è neppure menzionato nel sito istituzionale del Comune di Cassano Murge, nonostante l’invidiabile privilegio assegnatogli dalla Storia.

Lontani i tempi in cui tanto si fece per il maggiore Turitto, altro personaggio storico di spessore del quale Cassano può inorgoglirsi per averne dato i natali, e la cui biografia ha già varcato i confini nazionali ed è presente ormai nelle più prestigiose biblioteche mondiali, a riprova dell’interesse universale di alcuni personaggi storici, credo che stavolta mi vedrò costretto a riporre la mia fatica in un cassetto, in attesa di tempi migliori.

Voglio sperare vivamente che un dì, non molto lontano, ci sia chi possa attingere con entusiasmo a questo mio progetto, per regalare a questo bistrattato e rassegnato paese l’ormai scomparsa vivacità culturale.

Ad Maiora!

Salvatore Caponio*

 

 

*Salvatore Caponio, nato a Cassano nel 1960, è da sempre appassionato di storia militare. Socio dell’Accademia Imperiali e del Centro Culturale Francavillese, vive e lavora a Francavilla Fontana (BR). E' autore del libro "Il Maggiore Domenico Turitto - Vita e gesta di un soldato d'Italia durante la Prima Guerra d'Africa".

 

 

 

Commenti  

 
#16 x Donato g 2018-03-22 18:57
Ma che volevi dire? non abbiamo capito nulla. Invece di criticare le associazioni, fanne tu una e vediamo che vuoi fare. tanto poi ci sarà sempre qualcuno che criticherà quello che proverai a fare, però almeno provaci invece di giudicare
A Cassano sono tutti giudici e professori sulle cose che fanno gli altri
 
 
#15 xvolavolavola 2018-03-22 18:51
Sarà bella la tua di ragione di vivere.
Quella di stare ogni giorno a criticare ogni notizia di questo giornale, ammesso che tu sia cassanese, potresti pure andartene se non ti sta mai bene nulla...
 
 
#14 Donato g 2018-03-22 11:29
Io mi chiedo se questi signori comprese le alte cariche ed anche le fondazioni,le associazioni ed i club,questo insieme di menti e cultura parlano senza riflettere.
C'e'un correre a commemorare gente che ha inneggiato per le guerre scellerate e senza senso contro l'africa non dimetichiamo i saccheggi e le violenze sulla donne con tante rimaste Incinte e figli di nn,rileggetevi il testo della sventolata "faccetta nera"e poi ne parliamo
Care cariche della cultura Voi che rimproverate sappiate che la Cultura non e' onorare un busto in piazza,innalzare una lapide o cambiare nome ad una strada ma tutta un altra cosa,forse, prima di dire con che fare paonazzi con prosopopea che guarda dall'alto,dovete avere Coscienza e Conoscenza,senza scatenare,con i ricordi,odii razziali.
Questo e' il Mio modesto pensiero,ama il prossimo.....
 
 
#13 volavolavola 2018-03-22 11:17
xn5 credi così di aver dato il tuo contributo alla causa , sei senza consistenza e senza ragione di vivere
 
 
#12 francesco c. 2018-03-22 11:11
questi sono i frutti del silenzio operoso.. statv citttttt
 
 
#11 Evvai 2018-03-21 22:47
Ma come si fa a fare cultura se non abbiamo nemmeno l'assessore? Losito e Caponio perdete solo tempo, non vi risponderà nessuno a questo articolo
 
 
#10 Salvatore Caponio 2018-03-21 20:32
Errata corrige: il plauso era per il commento n. 6.
 
 
#9 Salvatore Caponio 2018-03-21 20:24
Un sentito ringraziamento al Presidente Losito, del quale ho già avuto modo di apprezzarne le qualità etiche e organizzative, e tramite il quale ho avuto il piacere di rivedere, dopo mezzo secolo, i vicoli, le chiese e gli anfratti più reconditi del mio paese natìo, posti che da fanciullo frequentavo con allegra spensieratezza, per il suo accorato sostegno e per la squisita disponibilità a cui mi rimanda. Terrò certamente conto dei suoi consigli, e mi auguro una plausibile futura collaborazione. Per tutti i commentatori, ai quali chiedo di evitare inutili e scialbe derive, ribadisco che il mio articolo vuole proferire unicamente di Cultura, non generare incongruenti e stupide polemiche. Per commento n. 3: hai centrato il bersaglio! Continuiamo su questo solco.
 
 
#8 Anna ierino 2018-03-21 19:49
Il silenzio dell'oblio, dell'ignoranza e dell'indifferenza, così chiamerei la mancata commemorazione di un eroe pluridecorato che ha dato la vita per la Patria, e che dovrebbe essere un vanto per una piccola cittadina come Cassano!
Putroppo è l'ennesimo scivolone di questa amministrazione, che non ha saputo cogliere l'importanza di sapere utilizzare il passato per arricchire il presente. Solo attraverso la conoscenza storica della realtà in cui viviamo possiamo arricchire le nostre esperienze e metterle a disposizione delle varie comunità.
Passato glorioso e futuro devono andare di pari passo altrimenti non c'è sviluppo. Ma forse questo atteggiamento è il riflesso di una cittadinanza ormai rassegnata alla chiusura, alla superficialità, alla morte culturale.
 
 
#7 x autore e allocchi 2018-03-21 18:08
evidente tentativo di far partire qualche polemica. E gli allocchi rispondono! Vai volavola, strapazza pure il sindaco, fai la morale, dì pure che a Cassano non meritiamo nulla, avanti sù
 
 
#6 Evolution 2018-03-21 17:20
Il silenzio dell'oblio, dell'ignoranza e dell'indifferenza, così chiamerei la mancata commemorazione di un eroe pluridecorato che ha dato la vita per la Patria e che dovrebbe essere un vanto per una piccola cittadina come Cassano!
Putroppo è l'ennesimo scivolone di questa amministrazione che non ha saputo cogliere l'importanza di sapere utilizzare il passato per arricchire il presente. Solo attraverso la conoscenza storica della realtà in cui viviamo possiamo arricchire le nostre esperienze e metterle a disposizione delle varie comunità.
Passato glorioso e futuro devono andare di pari passo altrimenti non c'è sviluppo. Ma forse questo atteggiamento è il riflesso di una cittadinanza ormai rassegnata alla chiusura, alla superficialità, alla morte culturale.
 
 
#5 xvolavolavola 2018-03-21 14:54
commento scontato come sempre :lol:
 
 
#4 volavolavola 2018-03-21 10:31
vergogna vergogna vergogna
 
 
#3 Leonardo Losito 2018-03-21 09:23
Gent.mo Dott. Caponio, dispiaciuto della noncuranza di chi dovrebbe accogliere a braccia aperte tali iniziative, La ringrazio per il Suo impegno che avrebbe voluto spendere per la comunità cassanese. Già dal nostro unico incontro, in occasione di un evento culturale dell'associazione Murgia Enjoy, di cui ho l'onore di essere attualmente Presidente, Le feci osservare le enormi difficoltà incontrate nel promuovere la cultura, difficoltà che oggi mi consigliano di proporre attività culturali in altre località nelle quali le amministrazioni comunali mostrano grande interesse nelle iniziative associative. Le ribadisco la più ampia disponibilità mia e dei soci nel far conoscere il Suo impegno e la storia di alcuni personaggi che hanno fatto storia. Personaggi, storia e cultura che, probabilmente, a chi dovrebbe impegnarsi per la promozione della cultura, interessano meno della focaccia e della relativa sagra! Negli ultimi mesi ho proposto le mie attività a Toritto, Matera, San Mauro Forte, Oliveto, ecc., comunità nelle quali, certamente, sarebbe ben accolta la Sua proposta così come vengono accolte le mie. Cordialità, Leonardo Losito.
 
 
#2 yyy 2018-03-21 08:33
recapitate la lettera all'assessore alla cultura affinché possa chiudersi in un'oretta di sana vergogna...
 
 
#1 xxxxx 2018-03-21 08:28
""""vergogna""""
 

Aggiungi commento

rispettando il regolamento http://regolamento.lavocedelpaese.it/

ULTIMI COMMENTI